cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 18:16
Temi caldi

Mostre: Walter Lazzaro, a Villacidro l'arte di un granatiere di Sardegna

25 marzo 2015 | 12.50
LETTURA: 3 minuti

Al Magmma esposti una sessantina di disegni di piccolo e medio formato realizzati dall'artista romano, disegnatore ufficiale dei granatieri di Sardegna durante la Grande Guerra, nel periodo compreso tra gli anni Trenta e gli anni Settanta. L'esposizione resterà visibile al pubblico fino al prossimo 10 aprile.

alternate text
Particolare di uno dei disegni di Walter Lazzaro, in mostra a Villacidro

"Walter Lazzaro. Un granatiere di Sardegna nell’arte italiana del ‘900" è la mostra che la fondazione Estetica&Progresso inaugura sabato 28 marzo alle ore 18 nel museo Magmma, il Museo dell’arte grafica del Mediterraneo Marchionni di Villacidro. Curata dal direttore del Magmma, Walter Marchionni, l’esposizione propone una sessantina di disegni di piccolo e medio formato realizzati da Lazzaro nel periodo compreso tra gli anni Trenta e gli anni Settanta.

Lavori provenienti dalla Fondazione Lazzaro di Milano ed esposti lo scorso anno a Roma, nel Chiostro del Bramante, nella mostra allestita per celebrare il centenario dalla nascita dell’artista che, durante la Grande Guerra, fu disegnatore ufficiale dei Granatieri di Sardegna. Dai disegni esposti, eseguiti prevalentemente su carta e cartoncino, si evince come per Walter Lazzaro il disegno non sia mai stata un’attività minore, bensì parallela a quella pittorica. Con una differenza: l’immediatezza.

Nulla, nemmeno la parola, sa trasmettere con tanta rapidità ed essenzialità il pensiero o l’immagine che si desidera comunicare. Lazzaro disegnava ovunque, e su qualunque supporto, e senza uno stile univoco. Racconti, sensazioni, emozioni in presa diretta di momenti di vita. Un excursus che inizia con il primo disegno realizzato dall’artista a soli sette anni, per transitare attraverso il segno giovanile e raggiungere quello della piena maturità. Con risultati inaspettati e sorprendenti ed effetti cromatici inusuali che uniscono la sanguigna al carboncino, la matita al pastello, la penna all’acquarello.

All'inaugurazione anche Rodolfo Mori Ubaldini e monsignor Angelo Pittau

Un lascito importante, quello di Walter Lazzaro, che ancora comunica spontaneità e freschezza del suo sentire e che attualizza l’espressione di Michelangelo che definisce il disegno 'l’impronta del cuore'. All’inaugurazione di sabato interverranno Rodolfo Mori Ubaldini degli Alberti La Marmora, presidente del Centro studi sui granatieri di Sardegna, Monsignor Angelo Pittau, presidente del Centro Culturale Alta Formazione Cidis, Teresa Pani, sindaco di Villacidro, Walter Marchionni, direttore del museo Magmma.

L’esposizione (il Magmma è ospitato in un’ala del Palazzo Vescovile di via Vittorio Emanuele 15, con ingresso via Giovanni XXIII°) resterà aperta sino al 10 aprile e si potrà visitare dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, e il sabato e la domenica dalle 17 alle 19.30 (escluso il lunedì). L’evento è realizzato con il contributo della Fondazione Banco di Sardegna e con il patrocino di: Presidenza della Regione Autonoma della Sardegna, Comune di Villacidro, Centro culturale di alta formazione Cidis, Accademia di Belle arti di Urbino, Accademia Raffaello Urbino, Associazione incisori Urbino, Fondazione Aligi Sassu, Archivio Walter Lazzaro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza