cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 12:56
Temi caldi

Wind-3: punta su fisso, bacino di 11 mln possibili nuovi clienti

18 novembre 2016 | 15.20
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Wind-3, il nuovo operatore che ufficialmente da gennaio sbarcherà sul mercato dopo la fusione, punta a espandersi nella telefonia fissa dove 3Italia porta in dote una base clienti 'possibili' cioè privi di un pacchetto integrato di circa 11 milioni. L'espansione nel fisso (con Wind che ha venduto Infostrada a 2,7 milioni di utenti), secondo quanto spiega all'Adnkronos una fonte autorevole, è pero' solo una delle tre gambe su cui si poggia la strategia messa a punto nel quartier generale del nuovo operatore il cui brand unico debutterà a inizio 2018. Gli altri due focus per Wind-3 sono la crescita nel mercato business, dove nessuna delle due aziende fin qui ha brillato, e la volontà di non perdere la leadership nel mobile: Wind-3 infatti diventerà leader nel mercato dove si presenta con oltre 31 milioni di sim.

Le ipotesi di esuberi post fusione per i circa 9.500 dipendenti delle due società vengono definite "speculazioni" mentre viene fatto notare che Wind ha sempre fatto politiche di esodi incentivati: tali politiche evidentemente proseguiranno anche con la nascita del nuovo operatore unico. Allo stato non è possibile indicare quanti dipendenti potranno esserne coinvolti visto che si basano, si sottolinea, sull'adesione volontaria.

In sostanza per il nuovo operatore nato dalla jv Vimpelcom e Hutchison si ipotizza un cammino in crescita puntando anche sulle opportunità create dalla nuova rete che Enel Open Fiber, la società creata da Enel per l'implementazione della fibra, sta mettendo a punto. Su questo fronte l'accordo siglato da Wind (contestualmente a Vodafone) con Eof lo scorso aprile prevede in sostanza il passaggio da adsl a fibra per chi ha già la connessione internet con l'operatore e la possibilità di vendere la fibra a nuovi clienti raggiunti dalla rete di nuova generazione messa a punto da Enel. Alla società elettrica Wind paga un affitto e nelle città raggiunte (si parte con Perugia, quasi completata) l'operatore farà migrare il suo cliente dalla rete Telecom a quella Eof. Al capoluogo umbro, seguirà l'arrivo della fibra a Catania, Cagliari, Venezia e poi Torino e Bologna dove la società di Enel per la fibra si ritrova la rete portata in dote da Metroweb (integrata nella stessa Eof dopo l'acquisizione).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza