cerca CERCA
Martedì 03 Agosto 2021
Aggiornato: 23:02
Temi caldi

Zanardi, autista camion indagato: "Atto dovuto"

20 giugno 2020 | 09.16
LETTURA: 2 minuti

Lo ha spiegato il procuratore di Siena. L'uomo negativo ai test per alcol e droga. Interrogati due organizzatori della staffetta, le indagini puntano sui permessi

alternate text
Fotogramma /Ipa

Il 44enne autista del camion contro il quale ieri pomeriggio nel comune di Pienza (Siena) è andato a scontrarsi in handbike Alex Zanardi, ora ricoverato in prognosi riservata all' ospedale di Siena, è stato iscritto nel registro degli indagati per lesioni gravissime da incidente stradale. Lo ha confermato il capo della Procura senese, Salvatore Vitiello. "E' un atto dovuto", ha spiegato il procuratore.

Nell'ambito dell'inchiesta, volta ad accertare la dinamica dell'incidente e i particolari dell'organizzazione della staffetta 'Obiettivo 3', a cui stava partecipando il campione paralimpico bolognese quando è avvenuto lo scontro con il camion, i carabinieri hanno sequestrato i mezzi coinvolti e hanno acquisito un video amatoriale che potrebbe rivelarsi utile. L'autista del mezzo pesante, residente in provincia di Siena, è risultato negativo ai test per rilevare la presenza di alcol e droga nel sangue.

Si sono svolti anche gli interrogatori degli organizzatori della staffetta 'Obiettivo 3' durante la quale è avvenuto l'incidente. Nella caserma del comando provinciale dei carabinieri di Siena il maggiore Roberto Vergato, comandante della compagnia di Montepulciano, che conduce le indagini, e il sostituto procuratore Serena Minicucci hanno ascoltato due persone legate alla manifestazione, ideata dallo stesso Zanardi. I due sono stati sentiti come "persone informate dei fatti" e non come indagati. Al momento l'unico indagato è il 44enne senese autista del tir contro cui ha violentemente urtato la testa Zanardi con la sua hanbike. "E' un atto dovuto", ha spiegato il procuratore Salvatore Vitello. Secondo quanto ha appreso l'AdnKronos, la testimonianza degli organizzatori di 'Obiettivo 3' è servita agli investigatori a ricostruire "la cornice" entro la quale si è svolgeva la manifestazione, precisando le modalità delle autorizzazioni richieste, così come sono state rivolte domande sui permessi eventualmente inoltrati ed ottenuti dai Comuni per il passaggio della staffetta. Il magistrato intende capire in particolare come mai durante la staffetta dei corridori disabili ad un certo punto la carovana di 'Obiettivo 3' abbia incontrato sulla sua strada un tir in transito.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza