cerca CERCA
Martedì 13 Aprile 2021
Aggiornato: 17:47
Temi caldi

Coronavirus

Zona rossa, Galli: "Misure Dpcm bastano? Fatti dicono di no"

08 marzo 2021 | 09.23
LETTURA: 2 minuti

L'infettivologo del Sacco: "Casi sintomatici nel weekend preannuncio della settimana che ci aspetta"

alternate text
Foto Fotogramma

Le misure adottate nel nuovo Dpcm Draghi contro il Covid e le sue varianti sono sufficienti? "La realtà dei fatti temo dica di no". Massimo Galli si esprime così sull'ipotesi di un'ulteriore stretta in Italia, quindi di un allargamento della zona rossa, per frenare la diffusione dei contagi di Coronavirus. "E' successo quello che ci si poteva attendere e temere sull'arrivo anche da noi di questa ondata, considerando che quello che è stato messo in campo per fermare il tutto era e si è dimostrato ampiamente insufficiente", rileva l'infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano in collegamento con la trasmissione Agorà su Rai 3. "Anzi -aggiunge Galli-, brillantemente ci sono state delle aperture nel momento in cui era proprio il caso di non riaprire nulla, ma questa è una vecchia storia. I casi che abbiamo visto tra oggi e ieri, valutando che sono stati fatti meno tamponi, sono casi sintomatici con ogni probabilità. Questo è un preannuncio della settimana che ci aspetta".

Leggi anche

Il rischio è soprattutto quello di un aumento dei contagi tra la popolazione più fragile: "Quando si diffonde una variante come quella inglese che dimostra di avere un 30-40% in più di capacità infettante, coloro che la prendono per primi sono i giovani e i bambini che hanno più socialità. Poi la vediamo fatalmente tra gli anziani ed è lì che inizia l'aumento della pressione su ospedali e rianimazioni -spiega Galli-. Purtroppo questo genere di eventi è già stato innescato nelle scorse settimane e ora dobbiamo solo pensare alla maniera di contenerlo e gestirlo: potendo, con vaccinazioni e interventi sul campo si potrà arginare la cosa in maniera molto più sostanziale. Lo strumento ci sarebbe, il punto è avere abbastanza vaccino per vaccinare tutti coloro che devono esserlo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza