cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 19:09
Temi caldi

Covid

Zona rossa weekend, regole e Dpcm: riunione con Draghi

10 marzo 2021 | 12.19
LETTURA: 2 minuti

Al via la cabina di regia, sul tavolo divieti e restrizioni per fermare il contagio e arginare il covid. Il piano vaccini prende forma

alternate text
Fotogramma

Zona rossa nei weekend, zona gialla rafforzata con divieti, regole e restrizioni più severi rispetto a quanto previsto dal nuovo Dpcm di marzo. E' iniziata la cabina di regia a Palazzo Chigi per decidere possibili nuove strette per arginare la diffusione del coronavirus. Alla riunione, oltre a un esponente per ogni forza di maggioranza, prende parte anche il premier Mario Draghi. Domani, invece, dovrebbe essere prevista la cabina di regia governo-Regioni ed enti locali sulle nuove misure di contenimento.

Leggi anche

Alla riunione odierna "per un primo esame sul recente parere del Comitato tecnico scientifico in merito alle nuove misure di contrasto alla pandemia", secondo quanto reso noto da Palazzo Chigi, partecipano oltre a Draghi il sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli, il ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini, il ministro della Cultura Dario Franceschini, il ministro per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, il ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro dell’Economia e delle finanze Daniele Franco, il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, il Segretario generale di Palazzo Chigi Roberto Chieppa, il Capo di Gabinetto Antonio Funiciello, il presidente dell’Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro e il direttore del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli.

Le valutazioni potrebbero portare all'adozione di misure già nei prossimi giorni, in tempi relativamente brevi. L'urgenza è dettata dai dati che arrivano quotidianamente. L'Italia oggi ha messo a referto 22.409 contagi e 332 morti, con un tasso di positività al 6,2% e pazienti in aumento nelle terapie intensive (ora sono 2.827, +71 rispetto a ieri). Tra le regioni, riflettori puntati sui 4.422 nuovi positivi della Lombardia e sui 3.034 della Campania, che si trova già in zona rossa con regole e misure rigide. 

La parola d'ordine intanto è 'accelerare', perché i vaccini "ci sono". Prova ne è la precisazione della J&J nella serata di ieri, un messaggio senz'altro rassicurante, come lo è quello delle 532mila dosi addizionali per l'Italia, dopo un nuovo negoziato chiuso dalla Commissione Europea presieduta da Ursula Von der Leyen. A quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, il piano vaccinale "prende forma", tanto che entro il weekend è attesa una comunicazione ufficiale, con ogni probabilità volta a illustrate piano e timing. Una comunicazione che potrebbe essere fatta anche da chi lavora concretamente al piano. Intanto il premier Mario Draghi venerdì in mattinata visiterà il centro vaccinale allestito all'aeroporto di Fiumicino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza