cerca CERCA
Domenica 17 Ottobre 2021
Aggiornato: 09:40
Temi caldi

Roma: Marino, zona a luci rosse? necessario trovare equilibrio

08 febbraio 2015 | 11.39
LETTURA: 3 minuti

Il sindaco della capitale: "Ci sono luoghi dove le mamme portano i loro bambini, bisogna proteggere le famiglie". E lancia un'ipotesi: "Si potrebbe mandare a casa dei clienti le multe dove si dice che i 500 euro sono legati al fatto che si intrattenevano con delle prostitute. Potrebbe essere un deterrente". Roma come Amsterdam, da aprile zona a luci rosse all'Eur: "Così tuteliamo donne e residenti"

alternate text
Il sindaco di Roma Ignazio Marino (Infophoto) - INFOPHOTO

"In molti luoghi pubblici, giardini dove le mamme portano i loro bambini, si trovano persone che praticano la prostituzione. Bisogna dare alle persone la possibilità di usufruire di un parco, di una strada in tranquillità. Bisogna proteggere la famiglia con i suoi valori: dare la possibilità alle persone di poter usufruire di un parco, di una strada senza trovarsi a dover dare spiegazioni ai propri figli. Bisogna delinare quindi un percorso molto delicato perché dall'altra parte c'è lo sfruttamento della prostituzione, un crimine orribile". Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino, interpellato da RaiNews 24 in merito al progetto del minisindaco dell'Eur di creare nel quartiere una zona di tolleranza della prostituzione.

"Forse si può trovare un equilibrio e cioè individuare dei luoghi - spiega Marino - dove questo non è tollerato assolutamente come parchi pubblici e mandare a casa dei clienti delle multe dove si dice che multa di 500 euro è legata al fatto che si intrattenevano con delle prostitute. Credo che questo possa essere un deterrente. In questo momento noi abbiamo bisogno di un maggiore sforzo da parte delle forze dell'ordine"

Tolleranza zero nelle aree pubbliche e tolleranza invece nelle zone lontane dalle scuole, dai condomini. "Io non posso fare altro - sottolinea Marino - che immaginare situazioni di questo tipo. Non sono un legislatore nazionale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza