cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 19:58
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Chico Forti: "In carcere Miami umiliato, in Italia accolto da re"

"Primo marzo chiamata da Casa Bianca con Meloni che ha cambiato tutto"

Chico Forti
Chico Forti
31 maggio 2024 | 19.51
LETTURA: 3 minuti

"Il primo marzo ho ricevuto una chiamata che ha scombussolato il mio penitenziario, perché mi hanno detto 'Forti hai una chiamata dalla Casa Bianca'". Lo ha detto Chico Forti nel corso della registrazione di 'Cinque Minuti', che andrà in onda questa sera su Rai1. "La prima persona che mi parlò fu l'ambasciatrice italiana a Washington, mi disse 'sono qui con il presidente Biden e il primo ministro, il primo ministro vorrebbe parlarti', e mi è stato dato l'annuncio da Giorgia Meloni. L'ho ringraziata indipendentemente da quale fosse il risultato, e lì lei mi ha dato la notizia, 'siamo finalmente riusciti a convincerlo, torni a casa'".

"Si vive proprio per questo: se tu sei convinto della tua innocenza hai la forza di andare avanti, giorno per giorno, non pensi ai 24 anni, io non ci ho mai pensato, ho sempre pensato al giorno successivo. Se credi in te e hai dei principi, trovi la forza di andare avanti, se non credi in te o ti suicidi o cambi la vita".

La differenza tra il carcere americano e quelli italiani

"Impossibile da descrivere. Nel carcere a Miami vieni umiliato per ogni azione che tu fai ed è fatto per ricordarti che tu sei punito per un qualcosa che hai fatto, perché il principio è che se sei all'interno del carcere qualcosa hai fatto e ti meriti di essere punito". "A Rebibbia e qui a Verona ho conosciuto valori che erano 24 anni che non ritrovavo: valori umani, rapporti, rispetto, è una differenza come notte e giorno", ha aggiunto Forti. "Mi hanno accolto come un re, ho ricevuto tantissimo rispetto e, una piccola nota, la prima persona che mi ha accolto mi ha detto 'c'è il comandante che vuole parlarle', ho pensato che fosse una persona della penitenziaria, invece si presentò Schettino. Ho compagni di cella che mi aiutano, io dagli Stati Uniti sono partito senza niente neanche i calzini". E' come se fossi stato "congelato per 24 anni, ma le mie emozioni e la voglia di vivere non sono cambiate", ha aggiunto Forti. "Si vive proprio per questo: se tu sei convinto della tua innocenza hai la forza di andare avanti, giorno per giorno, non pensi ai 24 anni, io non ci ho mai pensato, ho sempre pensato al giorno successivo. Se credi in te e hai dei principi, trovi la forza di andare avanti, se non credi in te o ti suicidi o cambi la vita".

"Mia madre è la mia roccia"

"Mia madre la mia roccia. E' stata la mia forza, la mia energia. Lo sguardo dei suoi occhi, normalmente una persona di 96 anni, gli occhi si affievoliscono invece i suoi rimangono, ci puoi vedere i fuochi d'artificio nei suoi occhi, la gioia nel suo sguardo, più di qualsiasi abbraccio o di qualsiasi bacio è stato un momento meraviglioso. E poi mi ha sempre detto che 'farò di tutto per aspettarti'".

"Fratello di Pike ha fatto qualcosa di concreto per me"

Il fratello di Dale Pike, la vittima dell'omicidio per il quale Chico Forti è stato condannato e che da quattro anni dice con forza che Chico è innocente, "ha fatto dei grandi passi per aiutarmi nel discorso della mia innocenza. Credo che ci sia un momento in ognuno di noi in cui prevale la coscienza. Non mi ha mai attaccato all'inizio, ma neanche difeso. Credo che abbia raggiunto un momento, forse anche per il discorso di mia madre, entrambe le famiglie hanno sofferto tanto, in cui abbia deciso di fare qualcosa di concreto, scrivere al presidente degli Stati Uniti, scrivere al governatore della Florida è un passo importante per la famiglia della vittima".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza