cerca CERCA
Venerdì 21 Giugno 2024
Aggiornato: 21:19
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Terremoto Campi Flegrei, scossa 4.4: paura a Napoli, scuole chiuse - Video

Nell'area il sisma più forte dal 1980 tra Bacoli e Pozzuoli

Terremoto ai Campi Flegrei
Terremoto ai Campi Flegrei
20 maggio 2024 | 09.47
LETTURA: 4 minuti

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.4 ai Campi Flegrei. Uno sciame sismico che spaventa Bacoli e Pozzuoli, arrivando fino a Napoli nella serata del 20 maggio. Alle 20.10, è stata registrata la scossa più forte di magnitudo 4.4 a una profondità di 3 Km. Almeno quaranta interventi dei vigili del fuoco, con i primi sgomberi tra Pozzuoli e Bacoli dove si registrano piccoli danni e cedimenti, con caduta di calcinacci. Tanta paura e gente in strada per la notte.

"Possiamo aspettarci altri terremoti simili, c'è da aspettarselo" ha detto dal direttore dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, Mauro Di Vito, durante un collegamento con l'emittente campana Canale 21, per poi ammettere che la scossa delle 20.10 con magnitudo 4.4 "è stata la più forte degli ultimi 40 anni nell'area dei Campi Flegrei'.

Scossa più forte dal 1980

Dai dati rilevati, la magnitudo di 4.4 non veniva riscontrata a Pozzuoli e dintorni dalla crisi del bradisismo degli anni '80. L'evento sismico è stato avvertito in diversi quartieri di Napoli. Successivamente alla scossa più forte delle 20:10, nei Campi Flegrei la terra è tornata a tremare per tre volte. L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa alle 21.31, di magnitudo 2.4, un'altra alle 21.46 di intensità 3.9 e un'altra ancora 21.55 di magnitudo 3.1.

Si legge sul profilo X della Protezione Civile che "non si segnalano feriti", mentre sono state "rilevate alcune lesioni agli edifici e caduta di calcinacci''

"Lo sciame sismico è stato avvertito nell’area dei Campi Flegrei e continua a suscitare comprensibile apprensione tra gli abitanti" ha detto il ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare, Nello Musumeci.

Napoli, scuole chiuse: ecco dove

"Ho già sentito il prefetto di Napoli e il sindaco di Pozzuoli per accertarmi di eventuali danni a persone o cose. Sono in costante contatto con il nostro capo Dipartimento Fabrizio Curcio che sta presiedendo i lavori del Comitato operativo appositamente convocato", ha aggiunto.

Pozzuoli, le aree di accoglienza

"Sappiatelo nessuno sarà lasciato solo", ha scritto su Facebook il sindaco di Pozzuoli, Luigi Manzoni. "E' difficile, lo comprendo. Non è facile, abbiamo alcune famiglie che sono state sgomberate per motivi precauzionali, credetemi siamo tutti qui lavorando per seguire la situazione senza sottovalutare nulla. Protezione Civile, Polizia Municipale, Vigili del Fuoco sono tutti in campo per strada, sono qui a Pozzuoli per voi, fermateli, chiedete qualsiasi assistenza. Sono state allestite aree di accoglienza. Con me c’è il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e il direttore della Protezione Civile Regionale Italo Giulivo", ha affermato.

"Al momento abbiamo 4 aree per l'accoglienza dei cittadini con generi di primo conforto e psicologi per l'assistenza alla popolazione; Palatrincone, Parcheggio C9 in Via Vecchia delle Vigne, Piazza a Mare, Largo palazzine. Allestiremo a breve altre aree in altre zone della città. Scrivetemi e contattatemi per qualsiasi cosa", si conclude il post.

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha compiuto, poi, un sopralluogo a Pozzuoli, a piedi tra i cittadini che si sono riversati per strada, lasciando le loro abitazioni.

Nessun danno strutturale, segnalato al momento a Bacoli, dopo una ventina di scosse, ma una manciata di appartamenti con crepe e una parte dei residenti che lascia la propria abitazione, temendo altre scosse. "Stiamo allestendo un'area nel nostro comune per dare ospitalità notturna a chi non se la sente di restare all'interno della propria abitazione, c'è ovviamente paura per le scosse ripetute, anche se al momento, ribadisco, non ci sono stati segnalati danni strutturali".

La terra ha tremato per tutta la notte precedente fino alla mattina del 20 maggio quando l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) aveva registrato l'ultimo terremoto, prima dei due serali, alle ore 8.50, di magnitudo 2.3, a una profondità di 2 km. In precedenza, alle 3.56 c'è stata una scossa di magnitudo 2.2 e pochi minuti dopo (alle 4.14) di magnitudo 2.

"L’Osservatorio Vesuviano ha provveduto a comunicare a questa amministrazione che a partire dalle ore locali 03:56 del 20/05/2024 (UTC 01:56 del 20/05/2024) è in corso una sequenza di eventi sismici nell’area dei Campi Flegrei. All’orario di emissione del presente comunicato sono stati rilevati in via preliminare 11 terremoti con magnitudo Md ≥ 0 (10 localizzati) e magnitudo massima Md=2.2±0.3" ha reso noto il Comune di Pozzuoli.

A causa delle scosse che sono state registrate, la linea di Formia, quella di Cassino e la metro 2 presentano ritardi imprecisati per accertamenti tecnici. Il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha convocato la stampa nella Sala Giunta del Comune di Napoli martedì 21 maggio alle ore 12.30 per aggiornamenti.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza