cerca CERCA
Sabato 15 Giugno 2024
Aggiornato: 21:19
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Russia lancia attacco "massiccio": intensificati raid contro siti energia

Il presidente ucraino Zelensky: "Più di 50 missili e 20 droni russi hanno colpito Leopoli, Vinnytsia, Kiev, Poltava, Kirovohrad, Zaporizhzhia e Ivano-Frankivsk. Putin nazista". Mosca avverte la Francia: "Loro truppe in Ucraina sarebbero obiettivi legittimi"

Soccorsi a Zaporizhzhia dopo un attacco russo - Fotogramma /Ipa
Soccorsi a Zaporizhzhia dopo un attacco russo - Fotogramma /Ipa
08 maggio 2024 | 10.31
LETTURA: 4 minuti

La Russia intensifica gli attacchi contro siti dell'energia in Ucraina. Sono state colpite all'alba di questa mattina centrali per la produzione di energia e siti per la distribuzione di elettricità nelle regioni di Poltava, Kirovohrad, Zaporizhzhia, Leopoli, Ivano-Frankivsk and Vinnytsia. Tre centrali sono state danneggiate seriamente, ha reso noto la principale compagnia privata dell'energia Dtek. Le forze ucraine sono riuscite ad abbattere 39 dei 55 missili lanciati contro diverse regioni del Paese e 20 dei 21 droni.

"Il nemico vuole privarci della capacità di generare e trasmettere energia sufficiente", ha denunciato il ministro dell'Energia, Herman Galushenko, chiedendo agli ucraini di limitare l'uso di energia elettrica, in modo particolare al mattino e alla sera, come "contributo di ognuno di noi alla vittoria".

Domani il presidente russo Putin parlerà dalla Piazza Rossa, dove si tiene la parata militare. I successi sul campo, come quelli annunciati dal ministero della Difesa oggi, con il controllo di due piccoli centri abitati in Ucraina, Kyslivka, nella regione di Kharkiv e di Novokalynove, nella regione di Donetsk, saranno con ogni probabilità al centro dell'intervento di Putin che ieri ha inaugurato il suo quindo mandato da Presidente al Cremlino.

Alle forze russe era stato ordinato di prendere, entro domani, Chasiv Yar, nella regione di Donetsk, dove sono comunque andate avanti molto, anche a causa della mancanza di armi a disposizione delle forze di Kiev.

Zelensky: "Massiccio attacco russo, Putin nazista"

"Nella Giornata del ricordo e della vittoria sul nazismo nella Seconda guerra mondiale, il nazista Putin ha lanciato un massiccio attacco missilistico contro l'Ucraina". Ha scritto così in un post su X il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, denunciando come "più di 50 missili e oltre 20 droni 'Shahed' abbiano colpito infrastrutture nelle regioni di Leopoli, Vinnytsia, Kiev, Poltava, Kirovohrad, Zaporizhzhia e Ivano-Frankivsk".

"Tutti i servizi necessari lavorano per mitigare le conseguenze del terrore russo - conclude il presidente ucraino -. Il mondo intero deve capire chi è chi. Il mondo non deve dare una possibilità al nuovo nazismo".

Il ministero della Difesa di Mosca ha annunciato che le truppe russe hanno assunto il controllo di due piccoli centri abitati in Ucraina: si tratta, secondo la fonte, di Kyslivka, nella regione di Kharkiv e di Novokalynove, nella regione di Donetsk.

Mosca: "Truppe francesi in Ucraina sarebbero obiettivi legittimi"

Qualora truppe francesi dovessero essere dispiegate in Ucraina, la Russia minaccia di considerarle "obiettivi militari legittimi". "Se la Francia dovesse intervenire nella zona di conflitto, diventerebbero inevitabilmente obiettivi" per le forze russe, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova.

Usa: "Complotto per uccidere Zelensky manifesta depravazione Putin"

Il presunto complotto russo orchestrato dal Servizio di sicurezza federale (FSB) per uccidere il presidente ucraino Volodymyr Zelensky "testimonia della depravazione che abbiamo visto mostrata fin dall'inizio di questo conflitto" dal "regime" del presidente russo Vladimir Putin. A dichiararlo è stato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller. Il portavoce non ha voluto fornire dettagli sull'accaduto, limitandosi a dire che Washington è "in stretto contatto" con Kiev sulla vicenda.

Vice capo 007 Ucraina: "Ora non possiamo vincere"

"L’incognita principale di questa guerra? Sono i partner europei. Se non trovano un modo per aumentare la produzione di armi per sostenere l’Ucraina, si ritroveranno nel mirino russo". A dichiararlo è il generale Vadym Skibitsky, vice capo dell’intelligence militare di Kiev, che in un'intervista al Corriere della Sera osserva che "attualmente l’Ucraina non è in grado di vincere sul campo a causa della mancanza di munizioni, di uomini e di aviazione tattica. Anche con gli aiuti stanziati dal Congresso degli Stati Uniti, difficilmente possiamo raggiungere la parità con la Russia in termini di munizioni per l’artiglieria. Ed è su questo che dobbiamo puntare l’attenzione ora, per evitare che il nemico passi in vantaggio".

Zelensky parla con Orban, invito a vertice di pace in Svizzera

Volodymir Zelensky ha invitato il più filorusso fra i leader europei, il Premier ungherese Viktor Orban, al vertice di pace senza la Russia che si svolgerà, su iniziativa di Kiev, in Svizzera fra il 15 e il 16 giugno. "La posizione dell'Ungheria è importante per noi, per avvicinare la pace nella nostra sicurezza regionale condivisa", ha affermato il Presidente ucraino dopo aver parlato con Orban al telefono. Interesse dell'Ucraina sono relazioni positive con l'Ungheria, anche nello sviluppo di una cooperazione nel commercio, energia e logistica.

"Abbiamo coordinato i prossimi passi per risolvere l'intero spettro delle questioni bilaterali in reciproco beneficio. Abbiamo anche discusso l'integrazione dell'Ucraina nell'Ue. La veloce adesione dell'Ucraina all'Ue sarà positiva per entrambi i Paesi", ha aggiunto su X.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza