cerca CERCA
Mercoledì 24 Luglio 2024
Aggiornato: 10:04
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Roma: all'École française a piazza Navona al via mostra archeologica a ingresso libero

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario

Roma: all'École française a piazza Navona al via mostra archeologica a ingresso libero
29 maggio 2024 | 17.14
LETTURA: 3 minuti

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'École française de Rome, si apre la mostra intitolata 'Un museo per École: la collezione di antichità dell'École française de Rome', ospitata negli spazi espositivi della Galleria in piazza Navona 62, sede dell’École. L’esposizione, curata dagli archeologi Christian Mazet e Paolo Tomassini, è aperta al pubblico da oggi, 29 maggio, al 20 dicembre 2024, con ingresso libero. La collezione presenta una gamma rappresentativa, esposta per la prima volta, di circa 200 reperti: sculture, terrecotte etrusco-laziali, vasi greci ed etruschi, oltre a documenti provenienti dagli archivi dell'École française de Rome e dagli inventari degli arredi di Palazzo Farnese.

“Siamo lieti di presentare al pubblico - commenta Brigitte Marin, direttrice dell’École française de Rome - la nostra collezione di antichità che testimonia l’impegno e la vocazione dell’École française de Rome nel campo dell’archeologia, ricerca e diffusione del sapere anche per il grande pubblico. Roma si arricchisce in questo modo di un altro punto di riferimento culturale destinato a tutti i visitatori. La mostra realizza dopo 150 anni il desiderio del primo direttore dell'istituzione, Auguste Geffroy, di allestire un museo di antichità per formare i suoi membri attraverso la pratica dell'archeologia. La diversità della collezione riflette la storia della pratica degli oggetti archeologici all'interno dell'École française de Rome al momento della sua fondazione, alla fine dell’Ottocento. Costituita dal prodotto di scavi effettuati dall'istituzione e provenienti da acquisti e donazioni di oggetti, la collezione spazia tra una varietà di temi che ne dimostrano la ricchezza e l’importanza”.

La mostra è sostenuta dal ministero francese dell'Istruzione Superiore e della Ricerca e dall’associazione Les Amis de l'École française de Rome ed è realizzata con il Réseau des Écoles françaises à l'étranger. I visitatori saranno accompagnati in un percorso suddiviso in cinque sezioni. La prima sezione è dedicata alla storia del collezionismo e del mercato antiquario alla fine dell’Ottocento. Vengono presentati oggetti rappresentativi e documenti d'archivio, raccontando i legami tra i protagonisti di questa singolare storia, come Auguste Geffroy, Jules Ferry, Augusto Castellani e Wolfgang Helbig. La seconda sezione è dedicata ai primi scavi effettuati dall'École française de Rome a Palestrina nel 1878, con un'ampia collezione di terrecotte votive etrusco-laziali.

La terza sezione è dedicata alla presentazione delle sculture romane, eccezionalmente spostate dalle sale di rappresentanza al secondo piano di Palazzo Farnese. La quarta sezione presenta la ricca collezione di vasi donata da Augusto Castellani. Si analizza inoltre il commercio di antichità a Roma nella seconda metà dell’Ottocento, nonché il restauro dei vasi e l'interazione tra assemblaggi e altre falsificazioni. La quinta sezione presenta un accumulo di oggetti raccolti per la varietà dei materiali, dove l'abbondanza e la rappresentatività archeologica diventano strumenti utili alla formazione per lo studio della cultura materiale romana.

Nella volontà di costituire un dialogo tra il passato dell’École, il presente della mostra e il futuro della ricerca e la valorizzazione, la mostra si presenta inoltre in una forma virtuale, con modelli 3D proiettati sotto forma di ologrammi, video su schermi e qr-code che danno accesso al catalogo online dei singoli oggetti.

La mostra sarà accompagnata da una monografia di riferimento, che uscirà all'autunno 2024, e rappresenta la prima pubblicazione scientifica interamente dedicata alla collezione archeologica dell'École française de Rome. Il libro è cura di Christian Mazet e Paolo Tomassini, già membri dell'École française de Rome nella sezione Antichità.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza