cerca CERCA
Domenica 21 Aprile 2024
Aggiornato: 16:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ancona, poliziotto spara a giovane dopo lite: fermato

22 gennaio 2023 | 12.10
LETTURA: 1 minuti

L'agente, libero dal servizio, ha esploso un colpo di pistola ferendo alla gamba di un 20enne

(Foto Fotogramma)
(Foto Fotogramma)

Un poliziotto, libero dal servizio, ha sparato a un giovane ferendolo a una gamba. E' accaduto questa notte ad Ancona. L'uomo, 40 anni, è stato identificato e fermato. Ancora ignoti i motivi del gesto, avvenuto in via Flavia dopo che i due avrebbero avuto una lite in una discoteca del capoluogo marchigiano. Sul caso indaga la Squadra mobile.

Secondo quanto appreso, dopo la lite con il 20enne nel locale, l'agente è tornato a casa invitando il giovane e il suo gruppo a raggiungerlo. Ma il 40enne si è fatto trovare con la pistola, e ha esploso un colpo contro il giovane.

Secondo una nota diffusa dalla direzione generale ad interim dell'Aou si apprende che alle 4:34 di oggi "ha fatto accesso al pronto soccorso dell'Azienda Ospedaliera Universitaria delle Marche un ragazzo di 21 anni con una ferita da arma da fuoco, non in pericolo di vita; successivamente alle ore 6:58 giungeva un uomo di 40 anni ferito con traumi contusivi vari, non in pericolo di vita".

Poi "hanno fatto accesso al Pronto Soccorso due gruppi di persone, presumibilmente amici dell'uno e dell'altro; nella sala di attesa del Pronto Soccorso tra i due gruppi è avvenuto un alterco che ha determinato attimi di tensione. Il tempestivo intervento delle forze dell'ordine, della vigilanza privata nonché il rispetto delle norme di sicurezza interne all'ospedale ha comportato un rapido ripristino della normalità", si legge nella nota.

La Direzione aziendale, "accorsa sul posto, unitamente alla responsabile del Pronto Soccorso ha rilevato che nessun danno di rilievo è stato registrato alle suppellettili e alle persone nel corso dell'alterco e che la situazione è tornata alla normalità". I due feriti "sottoposti alle cure, non corrono pericolo di vita", si legge infine.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza