cerca CERCA
Lunedì 15 Aprile 2024
Aggiornato: 16:48
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Assange, flash mob a Napoli per chiedere a Gb no a estradizione Usa

19 febbraio 2024 | 13.25
LETTURA: 2 minuti

L'Anpi Napoli conferisce la tessera di 'partigiano antifascista' al giornalista australiano

La tessera di partigiano antifascista ad Assange, donata da Anpi Napoli.
La tessera di partigiano antifascista ad Assange, donata da Anpi Napoli.

Domani, 20 febbraio a Napoli, alla rotonda Diaz nei pressi del consolato Usa di piazza della Repubblica (alle 17) si terrà un flash mob per chiedere al Regno Unito di negare l'estradizione di Julian Assange e agli Stati Uniti d'America di ritirare le accuse contro il giornalista, cofondatore e caporedattore di WikiLeaks, attualmente recluso nel carcere speciale di Belmarsh, a sud-est di Londra. A promuovere la protesta sono gli attivisti di FreeAssangeNapoli che invitano alla partecipazione "tutte le persone che vedono sempre più ristretti i margini della propria libertà di pensiero, ora che anche in occidente il bavaglio alla stampa mette a repentaglio la possibilità che, in maniera sana e alimentata dalle verità, possa liberamente costruirsi l'opinione pubblica".

I promotori della protesta hanno incontrato i giornalisti stamane nel palazzo del Consiglio Comunale a via Verdi. Dopo il flash mob, sempre il 20 febbraio, dalle 19 alle 23, al Maschio Angioino ci sarà un incontro con Alessandra Borgia, Francesca De Nicolais, Maurizio Braucci e Lucia Vitrone e un concerto con vari artisti, tra i quali Dario Sansone e 'O Zulù. Mercoledì 21 febbraio, ancora al Maschio Angioino, alle 10 è in programma un incontro con gli studenti dell'Isis Archimede di Napoli e alle 16,30 un dibattito sul tema "Stop war on journalism. Osservatorio sulla libertà di informazione".

"La nostra manifestazione -spiega Beppe Giulietti, di Articolo 21- è aperta a tutti quello che hanno a cuore l'Articolo 21 della Costituzione sulla libertà di informazione. A tutti quelli che credono nel pensiero critico, nella libertà di espressione. Qualcuno se la ride, qualche giornalista è distratto, ma se dovesse essere estradato e condannato all'ergastolo Assange -perché ha rivelato crimini di guerra- sarebbe solo l'inizio. C'è già un pessimo clima attorno a noi, di manganellate, di urla e di grida contro il pensiero critico, persino verso i cantanti che esprimono un'opinione critica. Questo non è normale, è peggio di ciò che sta accadendo in Ungheria".

Prevista mobilitazione mondiale per decisione di Corte Suprema inglese

"Il 20 febbraio -ricorda Francesco Romanetti, per Free Assange Napoli- è una tappa importante di un percorso cominciato più di un anno e mezzo fa. Dopo il conferimento della cittadinanza onoraria a Julian Assange, avvenuta nel novembre scorso, ci sarà una mobilitazione mondiale in occasione della decisione della Corte Suprema inglese sull'estradizione. In quella circostanza, Napoli sarà collegata con altre capitali e città europee e si manifesterà contro l'estradizione e per la liberazione di Julian Assange".

A conferenza stampa hanno preso parte, tra gli altri, i consiglieri comunali Antonio Bassolino e Sergio D'Angelo, padre Alex Zanotelli, Anna Motta e Pino Paciolla (genitori di Mario Paciolla), il garante dei detenuti Campania, Samuele Ciambriello, il presidente provinciale dell'Anpi, Ciro Raia, l'ideatrice e direttrice artistica di "Imbavagliati - Festival Internazionale di Giornalismo Civile", Désirée Klain. Durante l'incontro, l’Anpi Campania ha donato a Julian Assange, partigiano antifascista la tessera di Anpi Campania.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza