cerca CERCA
Lunedì 17 Giugno 2024
Aggiornato: 06:35
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Strage Corinaldo, Fedez: "Non ricordo spray ai miei concerti"

Il rapper chiamato a testimoniare nell'udienza del processo bis sulla strage al 'Lanterna Azzurra Clubbing' nella notte tra il 7 e l'8 dicembre 2018

Fotogramma
Fotogramma
24 marzo 2023 | 13.42
LETTURA: 2 minuti

Fedez chiamato a testimoniare nell'udienza del processo bis sulla strage al 'Lanterna Azzurra Clubbing' di Corinaldo dove, nella notte tra il 7 e l'8 dicembre 2018, morirono una giovane mamma e cinque adolescenti. "Devo dire onestamente che ho fatto così tante date che non ho un ricordo nitido che possa essere utile alla corte. Penso di essere abbastanza tranquillo nell'asserire che fosse stata una data tranquilla, perché ho avuto esperienze di date gestite male e quella della 'Lanterna' non rientra tra quelle critiche", ha spiegato davanti al giudice Francesca Pizzi. Il rapper, che in quella discoteca si era esibito il 27 febbraio 2016, questa mattina in aula al Tribunale di Ancona ha spiegato al pm Paolo Gubinelli che "no, non mi è mai capitato nella mia vita artistica che sia stato spruzzato spray al peperoncino".

"Faccio una mia piccola valutazione - ha poi aggiunto - perché credo che questo sia collegato ad una certa tipologia di artisti e a una certa tipologia temporale. Tanto tempo fa non c'era la moda dello spray al peperoncino ma anche quando esplose questa malsana usanza, comunque sia, in nessun tipo di mio concerto è stato usato, ma vedevo che altre tipologie di artisti venivano coinvolti, artisti trap. Gli eventi dello spray al peperoncino sono concomitanti con l'esplosione del genere trap".

"Sicuramente dalla parte del locale ci doveva essere certezza e contezza di quanti biglietti fossero stati venduti. Trovo surreale, strano, che non ci fosse anche dall'altra parte", ha poi aggiunto Fedez. Agli avvocati di parte civile e ai giudici impegnati nell'individuazione delle responsabilità per la sicurezza dentro e fuori il locale, delle carenze strutturali e del rilascio della concessione per il pubblico spettacolo, ha sottolineato: "Prima dell'arrivo dell'artista qualcuno che fa le veci del management va comunque a controllare la situazione all'interno del locale".

Fedez due volte alla Lanterna Azzurra, ha poi aggiunto: "Lo scenario peggiore (quello della fuga disperata dal locale prima e della morte dei sei spettatori poi, ndr) si poteva prevedere sul fatto che c'era un cachet molto alto, un prezzo molto basso dei biglietti ma soprattutto la capienza limitata del locale".

(di Silvia Mancinelli)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza