cerca CERCA
Giovedì 29 Febbraio 2024
Aggiornato: 14:06
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Covid, Ema: "Rimarrà e va gestito, si va verso vaccini annuali"

01 febbraio 2023 | 13.50
LETTURA: 2 minuti

Cavaleri: "Virus ancora poco prevedibile, entro fine marzo quadro sarà più chiaro ma è giusto porre le basi già ora"

Covid, Ema:

Un vaccino annuale per proteggersi da Covid, secondo un regime simile a quello utilizzato per l'influenza. E' lo "scenario più plausibile" anche per gli esperti dell'Agenzia europea del farmaco Ema, nonostante permanga in Sars-CoV-2 ancora una certa "imprevedibilità". Di certo, "il virus rimarrà e va gestito al meglio" e bisogna cominciare a pensarci da subito, per farsi trovare pronti. A spiegare all'Adnkronos Salute come si sta muovendo l'Ema su questo piano è Marco Cavaleri, responsabile della strategia per le minacce sanitarie e i vaccini dell'ente regolatorio Ue, dopo che una settimana fa è rimbalzato sui media Usa un documento della Fda che mostra come anche l'agenzia americana stia valutando e pianificando un possibile schema annuale per le vaccinazioni Covid sul modello influenza.

"Noi ne avevamo già parlato l’anno scorso e concordiamo che ragionare in termini di rivaccinazione annuale con possibile vaccino aggiornato, rimane lo scenario più plausibile, nonostante le incertezze relative a un virus ancora poco prevedibile", osserva Cavaleri. L'Agenzia europea del farmaco effettivamente già a luglio 2022, parlando dei futuri vaccini Covid e delle modalità di approvazione, accennava al fatto che "potremmo essere in grado di spostarci verso un quadro simile a quello" attualmente usato "per i vaccini antinfluenzali, che non richiede la presentazione di dati clinici prima dell'approvazione del vaccino aggiornato annualmente". E aveva ribadito ancora a dicembre scorso, per voce proprio di Cavaleri, che probabilmente finiremo a dover "aggiornare regolarmente i vaccini anti-Covid per offrire la rivaccinazione ai gruppi vulnerabili, come facciamo" ogni anno "con il vaccino antinfluenzale".

Dal canto suo l'Organizzazione mondiale della sanità si è mostrata più cauta: il segretario esecutivo del gruppo consultivo strategico Sage, Joachim Hombach, nei giorni scorsi ha evidenziato che sarebbe prematuro dare ora una risposta definitiva su quanto spesso dovremo ripetere la vaccinazione, perché il virus sembra ancora instabile e non è diventato del tutto stagionale, ma allo stesso tempo ha ammesso che una vaccinazione annuale è ipotizzabile. Anche all'Ema la riflessione è in corso. "Entro fine marzo il quadro sarà più chiaro", dice Cavaleri, che spiega come l'attività decisionale e di pianificazione "riguarderà soprattutto l'eventuale aggiornamento dei vaccini".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza