cerca CERCA
Mercoledì 22 Maggio 2024
Aggiornato: 21:36
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Covid, per medici e infermieri morti in pandemia "risarcimenti mai avuti"

La denuncia dei familiari: "Da eroi a dimenticati. Si faccia presto per le 400 famiglie ancora in attesa"

L'infermiera distrutta dopo ore di lavoro, immagine simbolo degli eroi del Covid - Fotogramma
L'infermiera distrutta dopo ore di lavoro, immagine simbolo degli eroi del Covid - Fotogramma
19 febbraio 2024 | 17.48
LETTURA: 2 minuti

Medici, infermieri, personale sanitario. Il loro tributo alla pandemia di Covid, contro la quale hanno combattuto in prima fila, è stato alto. Quattrocento vite perdute. Per risarcire le loro famiglie sono stati stanziati 15 milioni di euro, "ma al momento i risarcimenti non si sono visti". E quelli che "sono stati considerati eroi durante il periodo pandemico", oggi sembrano "essere stati dimenticati". Erano solo "pochi anni fa, ma sembrano distanti un'era geologica". E' la riflessione di Gennaro Avano, presidente dell'associazione 'Medici a mani nude', che riunisce i familiari di camici bianchi morti durante il loro servizio mentre il Covid imperversava. Gennaro è figlio di Mario, medico di famiglia ed endocrinologo, ucciso dal coronavirus a Napoli nel dicembre del 2020, a 66 anni. Un padre di cui vuole ora ripercorre i passi, scegliendo una seconda laurea in medicina, dopo quella in fisioterapia.

L'associazione che presiede, nata nel 2021, raccoglie soprattutto "familiari di circa 50 medici di famiglia e pediatri di libera scelta che sono stati contagiati e uccisi dal Covid in tutta Italia", ricorda Gennaro. Alla vigilia della seconda giornata nazionale del personale sanitario, in calendario domani, "non ci sono molte novità per le famiglie. Lo stanziamento dei fondi è stato da tempo deliberato a livello parlamentare e governativo, designando l'Enpam, l'ente di previdenza dei medici, per la gestione in modo che le risorse possano essere distribuite una volta accertati i requisiti per accedervi. Tutto però è fermo, non c'è un provvedimento esecutivo. Sappiamo che le domande sono state analizzate e processate ma in pratica non è successo nulla. Siamo ancora in attesa", aggiunge sottolineando che "le famiglie chiedono che si arrivi presto a una conclusione, rendendo accessibili i risarcimenti. Per molti nuclei familiari, infatti, oltre alla perdita affettiva incolmabile è venuta a mancare anche un'importante fonte di reddito".

Qualche aiuto alle famiglie è arrivato "da iniziative private, come il fondo 'Sempre con voi' della famiglia Della Valle", conclude Avano ricordando che anche "molti pazienti stanno ancora scontando la morte del medici di famiglia e dei pediatri, ci sono aree, e la Campania è tra queste, dove a causa della carenza dei camici bianchi del territorio, gli assistiti dei medici deceduti non hanno ancora un dottore di riferimento o sono stati assegnati a colleghi molto lontani dal loro domicilio e sovraccarichi di pazienti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza