cerca CERCA
Sabato 13 Aprile 2024
Aggiornato: 11:44
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Covid oggi Italia, Giorlandino: "80 morti al giorno, non sono 400"

05 febbraio 2022 | 18.18
LETTURA: 3 minuti

Per il direttore scientifico di Altamedica un "equivoco" l'alto numero di morti in Italia

Covid oggi Italia, Giorlandino:

"Dei 400 morti al giorno dei quali si parla, in realtà non possono essere più di 50-80". Lo afferma Claudio Giorlandino, direttore scientifico dell’Istituto di Ricerca Altamedica, spiegando nel dettaglio perchè il numero di 400 morti al giorno per covid in Italia sia 'falsato'.

"Bisogna fare piena chiarezza sull'equivoco dei numerosi decessi quotidiani cosiddetti Covid. Il termine Covid viene impropriamente e ormai largamente usato, al maschile, come sinonimo del virus SarS-COV-2 ma in realtà si riferisce alla patologia da esso causata. Covid è acronimo dall'inglese Coronavirus disease, conosciuta anche come malattia respiratoria acuta. La morte, causata dal Covid è infatti una insufficienza respiratoria da polmonite interstiziale. Tutti, dico tutti, coloro che ne vengono colpiti sono assistiti e ventilati. La maggior parte guarisce ma chi non si riprende va in terapia intensiva, viene intubato e, purtroppo, muore", spiega il professor Giorlandino.

"L'Istituto superiore di sanità, non potendo analizzare le cartelle cliniche dei deceduti, infatti, con estremo rigore metodologico e scientifico, non imputa affatto tali decessi come morti di Covid ma li registra come 'soggetti deceduti positivi a SarS-CoV-2. Ben diverso!", aggiunge prima di evidenziare che "l'esempio di scuola che si fa è questo: un malato terminale di cancro viene portato in ospedale, riscontrato un tampone positivo, benché totalmente asintomatico, viene ricoverato in un reparto Covid dove muore".

"Questo viene computato come paziente deceduto positivo a SarS-CoV; ma questo accade anche per il traumatizzato che invece di finire la vita in un reparto di degenza muore in una rianimazione Covid solo perché, al pronto soccorso, il tampone era positivo. Lo stesso accade per chi muore di malattie del sistema cardiocircolatorio, neurologico, respiratorio, renale e per tutte le altre cause di morte, anche per la vecchiaia. Ecco spiegato il falso numero di 400 morti al giorno di Covid", dice l’esperto.

"Si consideri che, solo nell’ultimo mese, ad oggi, abbiamo registrato 4.138.538 soggetti positivi al SarS-Cov-2, è ovvio che ne saranno morti molti per le cause naturali di sempre. Questi l’Iss li registra correttamente come soggetti deceduti positivi a SarS-CoV-2, ma rientrano nel numero dei morti Covid dichiarati ogni giorno", continua Giorlandino.

"L'Iss, di coloro che muoiono realmente riferibili a Covid, ne ha potuti studiare (con enorme difficoltà) solo 8.000 in questi 2 anni - prosegue - e, sull'analisi delle cartelle cliniche, ha stabilito che, chi muore di Covid nel 93% muore con insufficienza respiratoria, ovviamente in terapia intensiva, e sono la minoranza", spiega.

Come si risale al numero di morti per covid secondo Giorlandino? "Eliminiamo tutti quelli che non muoiono in terapia intensiva, intubati da circa 20 giorni che è il periodo medio di sopravvivenza in quel reparto di un vero deceduto di Covid, ed a questi sottraiamo una parte di chi vi muore affetto da altre patologie ma portatore (asintomatico) del virus SarS-Cov-2".

"Esaminiamo i dati del 2021, estremamente corretti e puntuali, registrati dall’Iss che spiega come, dei deceduti positivi a SarS-CoV-2 solo il 23,8% è stato ricoverato in un reparto di terapia intensiva, il 58,5% in una normale degenza Covid ma non in terapia intensiva, e il 17,7% non risulta essere stato ricoverato. E’ deceduto in casa. Partendo dal presupposto assolutamente incontrovertibile che, chi muore di Covid, muore per il 94.6% dei casi per una progressiva insufficienza respiratoria, quindi intubato in Terapia intensiva, si può affermare che, ad esempio, dagli ultimi dati forniti dove i deceduti SarS-Cov-2 positivi in Terapia intensiva stanno intorno al 20%, dei 400 morti al giorno dei quali si parla, in realtà non possono essere più di 50/80", afferma.

"Questi sono comunque una tragedia, ma sono certo sia destinata a ridursi o scomparire del tutto grazie alla diffusione della ultima, estremamente contagiosa ma benigna mutazione: la Omicron. Una tracheofaringite perché non attacca i polmoni e che sta diffondendosi talmente tanto da vaccinare il gregge definitivamente", conclude Giorlandino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza