cerca CERCA
Domenica 19 Maggio 2024
Aggiornato: 01:43
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Elisa Claps, uccisa e nascosta in una chiesa per 17 anni: ecco la storia

La ragazza venne uccisa in un tentativo di violenza sessuale il 12 settembre del 1993 a Potenza dall'allora ventunenne Danilo Restivo. Il cadavere scoperto nel sottotetto di una chiesa nel 2010

Elisa Claps, uccisa e nascosta in una chiesa per 17 anni: ecco la storia
11 settembre 2023 | 15.51
LETTURA: 7 minuti

Sono passati 30 anni dall'omicidio di Elisa Claps, l'adolescente uccisa il 12 settembre del 1993 a Potenza dall'allora ventunenne Danilo Restivo. Un vicenda carica di colpi di scena iniziata una domenica d'estate. Lei aveva solo 16 anni. Il suo corpo è stato ritrovato nel sottotetto della canonica della chiesa della Santissima Trinità del capoluogo lucano soltanto 17 anni dopo, il 17 marzo del 2010. Un periodo lunghissimo che è stato un calvario per la mamma Filomena e per i fratelli che ancora oggi lottano nelle aule di giustizia per ottenere verità e giustizia, sia sull'omicidio che sui depistaggi ed i misteri che hanno accompagnato un ventennio di indagini.

La ragazza è stata uccisa in un tentativo di violenza sessuale, come ha accertato la perizia autoptica. E' stata colpita con tredici fendenti di un coltellino o di altro oggetto tagliente e appuntito come un taglierino, in un arco orario tra le 11.30 e le 13.10, dopo un tentativo di approccio sessuale rifiutato. Sin dal primo momento i sospetti sono ricaduti su Danilo Restivo, un ragazzo che frequentava la parrocchia, che conosceva Elisa e che le aveva dato un appuntamento davanti alla chiesa quella domenica mattina per darle un regalino. Una perizia dei Ris ha rilevato la presenza di dna di Restivo in un reperto biologico trovato sul maglione che la ragazza vestiva quella mattina: si tratta di una traccia di saliva frammista a sangue di Elisa.

Quel giorno Elisa Claps uscì di casa insieme ad un'amica, Eliana De Cillis. Lo stesso Restivo ha confermato di averla incontrata ma ha sempre dichiarato che rimasero dieci minuti a parlare dietro l'altare, e che poi la ragazza andò via. Tornando poi a casa, si ferì fortuitamente nel cantiere delle scale mobili procurandosi una ferita ad una mano.

Nel 1995 i giudici del Tribunale di Potenza non gli credettero completamente: nella sua ricostruzione c'era un buco di un'ora e mezza e così lo condannarono a due anni e 8 mesi di reclusione. Restivo lasciò Potenza. Il suo nome è poi tornato alla ribalta perché sospettato in Inghilterra dell'omicidio di Heather Barnett, una sarta inglese che abitava di fronte a casa sua a Bournemouth, nel Dorset, e che è stata uccisa il 12 novembre del 2002. Anche in questo caso si è sempre proclamato innocente.

La svolta è arrivata proprio con il ritrovamento dei resti della studentessa potentina nella chiesa della Trinità, in parte scheletrizzati ed in parte mummificati. Elisa è stata uccisa proprio nel sottotetto, ha stabilito l'autopsia. E' morta dissanguata per le ferite. Sulla chioma sono stati riscontrati dei tagli netti di ciocche di capelli.

Particolare analogo era stato rilevato sul corpo di Barnett che teneva una ciocca di capelli non suoi nelle mani. Queste analogie hanno concentrato i sospetti su Restivo ancora di più e sono ripartite le inchieste, sia quella inglese che quella italiana. Nel 2010 la polizia inglese ha deciso di arrestare Restivo che negli anni precedenti, 2004 e 2006, era già stato fermato ed interrogato ma sempre rilasciato senza alcuna incriminazione formale. Il processo inglese si è concluso in breve tempo: Restivo è stato condannato ad una pena definitiva di 40 anni.

Dopo il ritrovamento dei resti, analoga evoluzione c'è stata sul fronte italiano con l'inchiesta della Procura di Salerno, fino ad arrivare alla prova del dna. Un elemento che è andato ad aggiungersi ad una serie di elementi investigativi tra cui i fatti di quella mattina ed il dettaglio delle ciocche, ritenute la firma dell'assassino. A novembre del 2011, in primo grado, è stato condannato a 30 anni di reclusione per l'omicidio di Elisa Claps dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Salerno, l'ufficio giudiziario che nel tempo ha acquisito la competenza sulle indagini per il coinvolgimento, poi archiviato, di un magistrato di Potenza.

A marzo del 2013 è iniziato il processo di appello a Salerno che si è concluso con la conferma della condanna di Restivo a 30 anni di reclusione. Novità del secondo grado è stata la presenza in aula dell'imputato con la consegna temporanea del detenuto dall'Inghilterra in Italia. Restivo è stato ritenuto colpevole di omicidio volontario aggravato. E' stata accolta la richiesta della Procura generale che ha chiesto di confermare quanto stabilito dal gup di Salerno, Elisabetta Boccassini, nel novembre 2011.

Si è chiuso dopo sette udienze il secondo grado del processo a Restivo. Tutto è stato molto serrato, con momenti drammatici culminati nelle dichiarazioni spontanee di Restivo e nel botta e risposta serrato tra i legali di Restivo, l'accusa e la parte civile (famiglia Claps) sul momento della morte di Elisa Claps che la difesa collocava in altro luogo ed in un tempo diverso. La famiglia Claps è sempre stata in prima linea, senza mai arrendersi, per ottenere giustizia per Elisa, una ragazza sempre sorridente, come si vede nelle foto, impegnata negli studi a Potenza. Sin dall'inizio ha avuto dei sospetti su Restivo e nel corso del tempo ha puntato l'indice sulla conduzione delle indagini per non aver ottenuto risultati prima. La mamma Filomena Iemma Claps ha partecipato anche al processo inglese e non ha perso un'udienza di quello che si è tenuto a Salerno.

Il caso Claps ha poi negli anni continuato ad impegnare le aule della giustizia per i filoni paralleli nati per gemmazione dall'inchiesta principale sull'omicidio. In particolare, con la vicenda che riguarda il presunto ritrovamento dei resti della ragazza avvenuto prima del 17 marzo 2010.

Due donne delle pulizie della chiesa sono state accusate di aver trovato i resti di Elisa Claps nel sottotetto prima di quella data e di non averlo comunicato alle autorità. Per false dichiarazioni al pm sono state condannate nel 2015 a otto mesi di reclusione (pena sospesa), poi nel settembre 2018 il processo di appello si è chiuso con una dichiarazione di intervenuta prescrizione del reato.

Arrivando ad anni recenti, i fari si sono accesi sulla riapertura al culto della chiesa della Santissima Trinità a cui la famiglia si è sempre dichiarata contraria ritenendo che in quell'edificio ci sono "ci sono ancora verità sepolte". Dopo i lavori di ristrutturazione e a distanza di 13 anni dal ritrovamento del corpo di Elisa Claps, la chiesa in via Pretoria nel centro storico di Potenza è stata restituita al culto della comunità dei fedeli il 24 agosto 2023.

A Potenza il sindaco Mario Guarente ha disposto che i palazzi municipali espongano domani la bandiera del Comune a mezz'asta. "Una tristissima ricorrenza: la scomparsa di Elisa Claps ha segnato indelebilmente la nostra comunità. Avevo solo 10 anni quando svanì nel nulla ma quei momenti li ricordo nitidamente. Con ancora più sgomento ricordo il ritrovamento del suo corpo nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità, laddove, probabilmente, se qualcuno si fosse preoccupato di andare a cercare subito avrebbero potuto trovare i resti di Elisa anni prima, senza lasciare una famiglia all'oscuro della sua sorte", ha detto all'Adnkronos il sindaco di Potenza Mario Guarente che domani parteciperà alla serie di iniziative organizzate da Libera. "La giornata di domani la vivrò con il rispetto che si deve, incontrerò la famiglia di Elisa alla quale manifesterò la mia vicinanza", ha aggiunto.

Quanto alla chiesa della Santissima Trinità di Potenza, nel cui sottotetto, il 17 marzo 2010, fu trovato il cadavere di Elisa Claps, riaperta e restituita al culto a fine agosto scorso, il sindaco ha dichiarato di aver appreso la notizia da una giornalista: "Come tutta la comunità potentina, ho saputo della sua riapertura nel giorno stesso in cui è stata restituita al culto della comunità. La Curia non ha avuto la premura di avvisare il sindaco, e non stiamo parlando di una chiesa qualsiasi ma di un luogo al centro di tantissime attenzioni cittadine. Francamente, questa silenzio mi ha lasciato un po' perplesso e con l'amaro in bocca pensando al rispetto che si deve almeno alle istituzioni. Dal giorno della sua riapertura, il 24 agosto, io non sono più rientrato nella Trinità. Ho sentito poi Gildo, il fratello di Elisa, che si è detto rammaricato".

Domani, in occasione dei 30 anni dalla scomparsa, sarà disponibile su Skytg24.it (e sulle principali piattaforme) il capitolo finale di 'Dove nessuno guarda – Il caso Elisa Claps', il podcast originale di Sky Italia e Sky TG24 realizzato da Chora Media e curato da Pablo Trincia. ‘Un ricordo non scompare' è il titolo dell’ottavo e ultimo episodio in cui vengono raccontate le vite di vittima e carnefice. Quella di Danilo Restivo, l’assassino, passata sotto i radar della giustizia italiana e di quella inglese.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza