cerca CERCA
Venerdì 12 Aprile 2024
Aggiornato: 19:16
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Molotov a consolato Usa di Firenze, arrestato 22enne per terrorismo

03 febbraio 2024 | 11.35
LETTURA: 4 minuti

Nell'abitazione del giovane, nato a Firenze da una famiglia giordana, gli investigatori hanno trovato il giubbotto nero e gli altri indumenti che indossava la notte in cui avrebbe lanciato le molotov. Nel suo cellulare il video di rivendicazione

Molotov a consolato Usa di Firenze, arrestato 22enne per terrorismo

Con l'accusa di attentato con finalità di terrorismo è stato arrestato e condotto nel carcere fiorentino di Sollicciano un giovane di 22 anni, nato a Firenze da una famiglia giordana, ritenuto dagli investigatori l'autore del lancio di due bottiglie molotov contro il consolato americano di Firenze nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi.

Il decreto di fermo è stato disposto dal procuratore aggiunto Luca Tescaroli e dal sostituto Lorenzo Gestri della Direzione distrettuale antimafia di Firenze, con il coordinamento del procuratore capo Filippo Spezia, ed è stato eseguito oggi dalla Sezione Anticrimine dei carabinieri del Ros di Firenze, dal comando provinciale dei carabinieri di Firenze, dal Centro Operativo della Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Toscana e dalla Digos della Questura di Firenze.

Indagini e perquisizione

La notte scorsa il 22enne è stato perquisito: nella sua casa, in provincia di Firenze, gli investigatori dei carabinieri e della polizia hanno trovato il giubbotto nero e gli altri indumenti che indossava la notte in cui avrebbe lanciato le molotov, come ripreso dalle telecamere di sorveglianza della zona. Nel telefonino cellulare del giovane è stato trovato anche il video di rivendicazione, di cui sarebbe l'autore, che venerdì 2 febbraio è stato inviato, tra gli altri destinatari, in via telematica alla sede Rai del Tg della Toscana, al programma "Report" e al quotidiano online Firenzetoday. Nel filmato un uomo rivendicava l'azione alla sede diplomatica, attaccava gli Usa, Israele e i governi filosionisti dell'Unione europea, annunciando nuovi attentati attribuendoli ad Hamas.

Il provvedimento di fermo della Procura della Repubblica nei confronti del 22enne è stato adottato, come spiega il procuratore Spiezia in un comunicato, "per finalità di terrorismo, palesata dall'impiego di ordigni esplosivi e da plurime rivendicazioni a organi di informazione, nelle quali veniva manifestato il proposito di numerosi attentati per dissuadere lo Stato italiano dal fornire appoggio allo stato di Israele; lanciando dispositivi esplosivi, consistenti in bottiglie molotov, dall'incrocio tra via Palestro e Corso Italia, all'indirizzo del consolato americano, ubicato in via Amerigo Vespucci, in Firenze, così ponendo in essere atti diretti a danneggiare la struttura del consolato e le pertinenze dello stesso".

Il 22enne è accusato di aver commesso l'azione terroristica, spiega sempre il procuratore Spiezia, con "l'aggravante di aver commesso il fatto in circostanze di tempo (notte) idonee a impedire la pubblica e privata difesa, esponendo a pericolo la pubblica incolumità, in ragione dell'area di consumazione del fatto, sulla pubblica via, ad alta intensità abitativa, con compresenza nella zona di autovetture che laddove attinte dalle bottiglie molotov avrebbero potuto determinare un effetto di potenziamento esponenziale delle fiamme".

Il 22enne è indagato anche perché, "al fine di eseguire l'attentato", ha portato "in luogo pubblico due dispositivi esplosivi, consistiti in due bottiglie molotov - da considerarsi comprese tra i 'congegni micidiali' e pertanto equiparate, agli effetti della legge penale, alle armi da guerra - per lanciarle contro il perimetro della sede del consolato americano". Anche in questo caso è contestata "l'aggravante di aver commesso il fatto in circostanze di tempo (notte) idonee a impedire la pubblica e privata difesa".

Il provvedimento di fermo eseguito è stato emesso sussistendo, a giudizio della Procura della Repubblica, "gravi indizi di reità a carico della persona indagata in relazione ai fatti, alla luce delle complesse e tempestive indagini svolte dalla polizia giudiziaria della Sezione Anticrimine dei carabinieri del Ros di Firenze, del comando provinciale dei carabinieri di Firenze, del Centro Operativo della Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Toscana e della Digos di Firenze, le cui forze hanno operato in stretta sinergia e sotto la costante direzione e coordinamento di questa Procura della Repubblica", scrive sempre il procuratore Spiezia.

Gli elementi investigativi alla base del decreto di fermo "sono plurimi e convergenti - derivanti da indagini di tipo tradizionale ed informatiche - e consentono di ritenere, con elevato grado di probabilità, la riferibilità soggettiva delle condotte illecite, incluso il video di rivendicazione, al soggetto nei cui confronti è stato disposto il fermo".

La Procura ha ritenuto anche "sussistente il concreto pericolo di fuga" del 22enne "per la ritenuta possibilità di procurarsi collegamenti con l'estero e luoghi di immediato riparo".

Al momento gli inquirenti ipotizzano che il presunto attentatore abbia fatto tutto da solo ma le indagini proseguono per accertare se possa essere stato aiutato da qualcuno, anche, ad esempio, nel confezionamento del video che dura circa un minuto e mezzo e pronunciato in lingua araba. Nei prossimi giorni si terrà l'udienza di convalida del fermo da parte del giudice.

L'avvocato Chiara Bandini, legale del giovane arrestato, ha detto: "Il mio assistito è stato portato in cella. Non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione e si è avvalso della facoltà di non rispondere".

"Siamo a conoscenza del fatto che un sospetto è stato arrestato in connessione con l'incidente al consolato generale degli Stati Uniti a Firenze il primo febbraio. Ringraziamo le autorità italiane per la loro risposta rapida e professionale alla situazione e per la cooperazione con gli Stati Uniti", fanno sapere dall'ufficio stampa dell'ambasciata americana a Roma, che sottolinea come "non farà speculazioni su qualsiasi potenziale motivo" dietro all'attacco.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza