cerca CERCA
Domenica 26 Maggio 2024
Aggiornato: 20:09
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Firenze, un morto al concerto dei Subsonica: fermato 48enne

E' accusato di omicidio preterintenzionale

Auto della polizia (Fotogramma)
Auto della polizia (Fotogramma)
13 aprile 2024 | 11.22
LETTURA: 3 minuti

E' stato identificato e sottoposto a fermo d'indiziato di delitto per l'accusa di omicidio preterintenzionale un 48enne che intorno alle 23.30 di giovedì 11 aprile, su una scala esterna del Nelson Mandela Forum di Firenze, dove era in corso il concerto dei Subsonica, avrebbe sferrato un pugno in testa a Antonio Morra, 47 anni, facendolo cadere rovinosamente a terra e provocandogli il trauma cranico risultato, poi, fatale. Morra è morto poco dopo all'ospedale fiorentino di Careggi, dove era stato trasportato in codice rosso per le gravi lesioni riportate nella caduta. Il fermato, nato a Verona e residente a Firenze, è accusato di omicidio preterintenzionale.

C'è un fermo per la tragedia di Antonio Morra, 47 anni, operaio, aggredito nella tarda serata di giovedì 11 aprile al termine del concerto dei Subsonica al Nelson Mandela Forum di Firenze e, poi, morto all'ospedale di Careggi, dove era stato trasportato in codice rosso per gravi lesioni e trauma cranico.

Sarebbe stato il 48enne, forse dopo un banale diverbio, a colpire il 47enne con un pugno alla testa, facendolo cadere rovinosamente a terra e provocandogli il trauma cranico risultato poi fatale. Insieme a Morra al concerto c'era anche la moglie, finita in stato di choc. L'uomo fermato si trova ora nel carcere fiorentino di Sollicciano, a disposizione dell'autorità giudiziaria, in attesa della convalida della misura precautelare.

I fatti

Poco dopo le 23 di giovedì i poliziotti, impegnati nel servizio di ordine pubblico in occasione del concerto, sono intervenuti nel piazzale interno dl Nelson Mandela Forum per la segnalazione di una lite nella quale erano state coinvolte diverse persone anche con armi da taglio, in particolare un coltellino, che è stato trovato sul posto. Il personale sanitario della Croce Rossa Italiana ha poi soccorso, ai piedi della scalinata del cortile della struttura che si affaccia su viale Malta, il 47enne privo di sensi, trasportato urgentemente all'ospedale di Careggi, dove poco dopo ne è stato constatato il decesso.

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura, informato la Procura che ha subito assunto la direzione delle indagini, hanno effettuato una serie di accertamenti, anche attraverso la visione delle immagini della videosorveglianza del Palasport.

Secondo quanto è stato ricostruito dalla Squadra Mobile, il 47enne, che si era recato al concerto con la moglie, si trovava sulle scale esterne dell'edificio quando avrebbe avuto una lite con un gruppetto di persone, tutti operai e facchini addetti al montaggio e allo smontaggio del palco allestito per il concerto, e uno di questi gli avrebbe sferrato il pugno fatale. Tutti e nove gli operai, tra cittadini italiani e stranieri, che lavorano per una ditta esterna sono stati sentiti per l'intera giornata di venerdì 12 aprile in questura dal pubblico ministero Alessandro Piscitelli e dagli investigatori della squadra mobile. Il pm ha disposto anche l'autopsia per accertare le cause esatte del decesso.

Al termine di quanto ricostruito nel corso dell'attività, gli investigatori, spiega la Questura in un comunicato autorizzato dalla Procura, "hanno ritenuto di aver acquisito una serie di elementi che avrebbero portato a ritenere concretamente che la vittima sia stata colpita dal 48enne, fermato quale presunto autore del gesto, con un potente colpo alla testa sferrato mentre, intorno alle 23, era in corso il deflusso degli spettatori dal concerto".

Chi era la vittima

Antonio Morra, originario di Potenza e da circa 15 anni residente a Pistoia con la famiglia, lavorava come magazziniere in una ditta di smistamento pacchi a Calenzano in provincia di Firenze. Lascia moglie e tre figli: due maschi di 16 e 6 anni e una femmina di 9 anni. Gli amici lo ricordano come grande tifoso del Napoli calcio, amante della musica e molto credente.

Il messaggio dei Subsonica

I Subsonica sui social hanno espresso la loro vicinanza allo spettatore, deceduto poco dopo aver appreso della tragedia che si era consumata al termine del loro concerto: "Siamo costernati per quanto avvenuto ieri notte all'uscita del palazzetto e profondamente addolorati. Siamo vicini ai familiari delle persone coinvolte in questo momento difficile".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza