cerca CERCA
Martedì 28 Maggio 2024
Aggiornato: 15:49
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Giulio Regeni, "sul suo corpo segni evidenti di torture"

La testimonianza dell'ambasciatore Maurizio Massari sentito in aula nel processo contro i quattro 007 egiziani accusati del sequestro e dell'omicidio del ricercatore friulano davanti alla Corte di Assise di Roma

Un cartello davanti al tribunale di Roma - Fotogramma
Un cartello davanti al tribunale di Roma - Fotogramma
16 aprile 2024 | 17.30
LETTURA: 3 minuti

"Mi recai personalmente nell'obitorio dove era tenuto il corpo di Giulio. Erano evidenti segni di torture, dei colpi ricevuti su tutto il corpo con ematomi e segni di fratture e tagli". Così l’ambasciatore Maurizio Massari sentito in aula come testimone nel processo davanti alla Prima Corte di Assise di Roma che vede imputati quattro 007 egiziani accusati del sequestro e dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso in Egitto nel 2016.

Massari, ora ambasciatore d’Italia presso le Nazioni Unite, era in servizio al Cairo nel 2016. L’ambasciatore ha ricostruito, rispondendo alle domande del procuratore aggiunto Sergio Colaiocco, quanto accaduto dalla prima telefonata ricevuta il 25 gennaio 2016 dal professor Gennaro Gervasio che riferiva della scomparsa del ricercatore fino al ritrovamento del corpo di Giulio Regeni.

Le prime ore dopo la scomparsa

“Il 25 gennaio era una giornata particolare: c’era molta polizia, c’erano state perquisizioni. Dalle ambasciate mandavamo avvisi agli italiani di evitare zone pericolose, assembramenti. Giulio però non lo ha ricevuto, non era registrato, non c’era nessun obbligo. Dopo la chiamata del professore immediatamente avvisai il capo centro dell’Aise - ha spiegato - gli chiesi di mettersi in contatto con l’intelligence egiziana e mi riferì che non risultavano notizie del nostro connazionale. Chiesi un incontro al ministero degli Interni egiziano. Le preoccupazioni erano crescenti, dalle autorità egiziane non ci arrivavano informazioni. Quando siamo tornati a chiedere un incontro, ricordo intorno al 30-31 gennaio, il suo capo di gabinetto finalmente mi disse che il ministro mi avrebbe incontrato presto.

Il pressing sul Cairo

E Il 2 febbraio sono stato ricevuto a 4-5 giorni dalla mia richiesta di incontro: tempi dilatati rispetto al solito anche perché avevo fatto riferimento alla gravità della situazione”.

"In quei giorni stavamo preparando la visita del ministro Guidi con un’ampia delegazione di imprenditori italiani. Cercai di far capire che se non avevamo notizie sul nostro connazionale era difficile tenere in piedi la visita. Cercavo di fare leva su questo”, ha spiegato Massari rispondendo alle domande.

"Attività di ricerca che avevano dato fastidio"

Appresa la notizia della scomparsa di Giulio Regeni “abbiamo cercato di attivare tutti i canali possibili. Tra il 28-29 gennaio iniziammo a contattare anche un po’ di persone della società civile egiziana, legate in particolare alla difesa dei diritti umani. Ci parlarono della sua ricerca sui venditori ambulanti, che era ‘attenzionato’ da tempo, che era stato fotografato. Legavano la sparizione all’attività di ricerca di Giulio”, ha ricordato l’ambasciatore.

“Notizie che per noi non erano verificabili in quel momento perché provenivano da rappresentanti della società civile che a loro volta si riferivano a conoscenze con il coinquilino di Giulio. Tutto induceva a ritenere che fosse stato in qualche modo fermato dalle autorità egiziane, che ci fosse qualcosa legato alla sua attività di ricerca che poteva aver dato fastidio”, ha spiegato in aula ricordando che in passato c’erano stati altri episodi di sparizioni di nostri connazionali poi risolti dopo pochi giorni.

Il legale della famiglia: "Racconto doloroso"

“Abbiamo cominciato a ricostruire il contesto del regime egiziano nei giorni in cui Giulio è stato sequestrato, torturato e ucciso. Grazie alla testimonianza dell’ambasciatore Maurizio Massari abbiamo ricostruito quel periodo tragico dal 25 gennaio del 2016, giorno della sua scomparsa, fino al ritrovamento del corpo e ai depistaggi successivi”. Così l’avvocato Alessandra Ballerini, legale dei genitori di Giulio Regeni, al termine dell’udienza del processo davanti alla Prima Corte d’Assise che vede imputati quattro 007 egiziani.

L’avvocato ha sottolineato che è stato “molto faticoso e doloroso stare in questa aula e ascoltare quelle parole. Erri De Luca aveva parlato di brandelli di verità che stiamo raccogliendo e mettendo insieme faticosamente. I genitori di Giulio sono usciti dall’aula perché non volevo che sentissero la descrizione del corpo di Giulio”.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza