cerca CERCA
Domenica 25 Febbraio 2024
Aggiornato: 01:07
10 ultim'ora BREAKING NEWS

LGBTI, 49 Paesi a confronto: Italia al 34esimo posto

12 maggio 2023 | 15.04
LETTURA: 3 minuti

I progressi e le tendenze nella Rainbow Europe Map 2023 di ILGA-Europe

(Ipa/Fotogramma)
(Ipa/Fotogramma)

ILGA-Europe ha diffuso la Rainbow Europe Map 2023, la revisione annuale della situazione dei diritti umani di persone lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali in Europa e Asia Centrale. La pubblicazione, giunta alla dodicesima edizione, fornisce una fotografia di quanto accaduto durante l'anno, da gennaio e dicembre 2022, a livello nazionale, regionale e internazionale, e documenta i progressi e le tendenze riguardanti l'umana situazione dei diritti delle persone LGBTI.

La Rainbow Europe Map and Index 2023, diffusa alla vigilia della Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia 2023, in programma il 17 maggio, classifica 49 Paesi in base alle rispettive pratiche legali e politiche per le persone LGBTI, da 0 a 100%.

Il podio

Al primo, per l'ottavo anno consecutivo, Malta con 89 punti. Seguono il Belgio e la Danimarca con 76 punti, la prima con un aumento di quattro dovuto all'inclusione dell'identità di genere e delle caratteristiche sessuali come fattori aggravanti nel codice penale del paese e la seconda con due punti in più grazie al suo nuovo piano d'azione per l'uguaglianza, che include misure specifiche sull'orientamento sessuale e l'identità di genere ma non include progetti sulle caratteristiche sessuali.

Sono 74 i criteri utilizzati da ILGA-Europe, suddivisi in sette categorie tematiche:

1. uguaglianza e non discriminazione

2. famiglia

3. crimine d'odio e incitamento all'odio

4. riconoscimento legale del genere

5. integrità corporea intersessuale

6. spazio della società civile

7. asilo

I maggiori guadagni sulla mappa sono per i paesi che hanno introdotto il riconoscimento legale del genere utilizzando un modello di autodeterminazione (LGR). Negli ultimi 12 mesi anche i divieti sulle mutilazioni genitali intersessuali stanno facendo salire i paesi in classifica. Spagna, Islanda, Finlandia, Moldavia, Svizzera e Croazia sono i paesi con il maggior salto di punteggio.

Le altre posizioni della classifica

La Spagna è balzata di sei posizioni, al numero quattro, una legge completa che regola il riconoscimento legale del genere (LGR) basato sull'autodeterminazione, vieta le mutilazioni genitali sui minori intersessuali (IGM), le cosiddette pratiche di "conversione" e la discriminazione basata sull'orientamento sessuale, l'identità di genere e le caratteristiche sessuali.

Segue l'Islanda che ha adottato un piano d'azione per l'uguaglianza, ha incluso l'identità di genere e le caratteristiche sessuali nella sua legge sull'uguaglianza e ha aggiunto la protezione delle caratteristiche sessuali nel codice penale.

La Finlandia (sesta) è entrata nella top ten, in rialzo di sei posizioni, con la sua Trans Law che regola l'LGR sulla base dell'autodeterminazione.

Sale anche la Grecia, di quattro posizioni, in tredicesima posizione, con il divieto di IGM. La Moldavia è salita di 14 posizioni perché l'orientamento sessuale e l'identità di genere sono stati inclusi positivamente nella legislazione che copre l'occupazione, l'istruzione, la fornitura di beni e servizi, la salute, i crimini ispirati dall'odio e l'incitamento all'odio.

Slovenia e Svizzera si sono invertite. Entrambi i paesi hanno introdotto il matrimonio tra persone dello stesso sesso e l'adozione congiunta. La Svizzera consente anche l'inseminazione medicalmente assistita per le coppie. Anche la Croazia è salita di una posizione con l'introduzione dell'adozione per le coppie dello stesso sesso.

E l’Italia?

L’Italia si è classificata al 34esimo posto, con 25 punti, tra la Repubblica Ceca e la Georgia. Lo scorso anno era 33esima.

Al fine di migliorare la situazione legale e politica delle persone LGBTI in Italia, ILGA-Europe raccomanda di:

· adottare l'uguaglianza del matrimonio e consentire il riconoscimento automatico del cogenitore, in modo che i figli nati da coppie (indipendentemente dall'orientamento sessuale e/o dall'identità di genere dei partner) non incontrino ostacoli per essere riconosciuti legalmente dalla nascita ai loro genitori.

· Proibire gli interventi medici sui minori intersessuali quando l'intervento non ha necessità mediche e può essere evitato o rinviato fino a quando la persona non può fornire il consenso informato.

· Includendo tutti i motivi SOGIESC (orientamento sessuale, identità di genere, espressione di genere, caratteristiche sessuali) nella legislazione che vieta la discriminazione nella salute.

I fanalini di coda

I tre Paesi che chiudono la Rainbow Europe sono l'Azerbaigian (2%), la Turchia (4%) e l'Armenia (9%), esattamente come negli ultimi tre anni. Tra questi, solo l'Armenia ha aumentato un punto indice dopo aver revocato il divieto di donazioni di sangue da parte di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

Tutti gli approfondimenti su Popolazione, persone e natalità sul minisito Adnkronos 'Demografica'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza