cerca CERCA
Lunedì 22 Aprile 2024
Aggiornato: 12:32
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Marco Carta, confermata l'assoluzione in appello

07 ottobre 2020 | 12.38
LETTURA: 2 minuti

Il pg di Milano aveva chiesto 8 mesi di carcere per il giovane cantante accusato del furto di magliette del valore di 1.200 euro alla Rinascente. Accolta la richiesta della difesa, che commenta: "Bene assoluzione, ma restano dolore e danno d'immagine"

Adnkronos
Adnkronos

I giudici d’appello di Milano hanno confermato l’assoluzione per il cantante Marco Carta accusato del furto di magliette del valore di 1.200 euro alla Rinascente per il quale fu arrestato il 31 maggio scorso

I giudici della seconda corte d'appello hanno dato ragione alla linea difensiva, 'bocciata' invece la linea accusatoria che in mattinata aveva chiesto la condanna a 8 mesi di reclusione. L'appello della procura puntava sulla testimonianza dell'addetto alla sicurezza le cui dichiarazioni erano considerate "attendibili" e su quanto ricostruito attraverso le telecamere di videosorveglianza che mostravano i movimenti dell'imputato e dell'amica, Fabiana Muscas, la cui posizione - dopo le sue ammissioni - è stata stralciata.

Per il rappresentante dell'accusa, la versione del cantante "è ben lungi dall'essere genuina: è una spiegazione di comodo data all'esito di una notte passata insieme alla Muscas agli arresti domiciliari prima dell'udienza di convalida". Una teoria a cui si è opposta la difesa sostenendo che quella dell'accusa, nel processo abbreviato, è una ricostruzione dei fatti "totalmente priva di fondamento, contraddittoria ed irrazionale".

Per la difesa la testimonianza dell'addetto alla sicurezza viene ritenuta "inattendibile", ma si evidenzia come è "inesatta è anche l’affermazione secondo la quale il Carta avrebbe dato una versione di comodo della vicenda, in quanto accordatosi preventivamente con la Muscas" visto che "sfugge al pm che i due soggetti sono stati, immediatamente dopo i fatti, ristretti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, e non insieme". Essendo già stata dimostrata "in maniera certa e non ipotetica l’assoluta estraneità, anche a titolo di concorso morale, del Carta", il cui arresto non è mai stato convalidato, la difesa aveva chiesto nuovamente l'assoluzione. Una tesi oggi accolta dai giudici d'appello.

"E' un risultato che conferma quanto già ampiamente dichiarato da Marco Carta fin dalle prime battute di questa spiacevole vicenda. Lo abbiamo sempre affermato e oggi con la sentenza di rigetto dell'appello proposto dal pubblico ministero abbiamo avuto l'ennesima conferma da parte della autorità giudiziaria". Così l'avvocato Simone Ciro Giordano, difensore del cantante ex protagonista del talent Amici, commenta la conferma dell'assoluzione. "Ritengo che la questione possa essere definitivamente archiviata anche se il dolore, la tristezza, e il danno di immagine che il cantante ha subito durante questo periodo non potrà essere ripagato in alcun modo", conclude il difensore.

Per la vicenda Fabiana Muscas, la quale si è subito addossata ogni responsabilità sostenendo di voler fare un regalo all'amico per il compleanno, sta svolgendo lavori di pubblica utilità in una onlus di Cagliari dopo la decisione presa dal giudice nel gennaio scorso. Quando la donna avrà terminato il programma di un anno, il magistrato fisserà una nuova udienza per esaminare il percorso compiuto: se l’esito sarà positivo, il reato verra dichiarato estinto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza