cerca CERCA
Martedì 28 Maggio 2024
Aggiornato: 12:52
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Michela Murgia, Burioni: "Medicina fa passi da gigante, speranza che mesi siano molti"

Il virologo riporta uno studio su una nuova terapia

Michela Murgia, Burioni:
06 maggio 2023 | 17.55
LETTURA: 2 minuti

"La malattia di Michela è grave, però siamo in un momento in cui la medicina fa passi da gigante a una velocità che non abbiamo mai immaginato e, pur nella consapevolezza della serietà della situazione clinica, esiste una concreta speranza che quei 'mesi' siano molti". Così in un post su Facebook il virologo Roberto Burioni interviene sull'intervista rilasciata da Michela Murgia, nella quale la scrittrice ha raccontato del suo tumore al quarto stadio.

"Io spero che per Michela (e per tutti gli altri pazienti) quei mesi guadagnati siano molti e possano servire a ottenere cure migliori che a loro volta serviranno a guadagnare ancora altro tempo che servirà a curare con successo questa malattia", dice Burioni.

"Sono stato molto colpito, credo come tanti di voi, dall'intervista che Michela Murgia ha rilasciato ad Aldo Cazzullo per 'Il Corriere della Sera' - prosegue - Michela parla con serenità e coraggio della sua malattia, che è a uno stadio molto avanzato. Oltre a farle i miei migliori auguri, devo dirle due cose. La prima è che - come lei giustamente dice - le cure le stanno facendo guadagnare dei mesi di vita. Però queste cure sono estremamente efficaci e quei mesi potrebbero anche essere anni, che io spero molti e felici. La seconda è doverla correggere quando dice 'dal quarto stadio non si torna indietro'. Qualche giorno fa è uscito un lavoro che descrive uno studio eseguito su 84 pazienti con un cancro del colon inoperabile, metastatico e ormai resistente alle terapie".

"Ebbene, una nuova terapia ha portato a una risposta completa (avete letto bene: il cancro è sparito) in 3 di questi pazienti e una risposta parziale, con un netto miglioramento, in 29 pazienti. In 28 la malattia si è fermata - evidenzia lo scienziato - Giustamente mi farete notare che 3 pazienti su 84 è solo il 4% (ma 3 che guariscono più 29 che migliorano più 28 nei quali il tumore si ferma significa che la malattia è controllata nel 71% dei pazienti!), che si tratta di un tumore particolare e via dicendo. Ma il passo in avanti è innegabile e significa che, anche in casi che prima erano senza speranza, adesso abbiamo strumenti che possono essere utilizzati con una efficacia che in alcuni casi è strabiliante".

"Anche se per ora ci riusciamo solo per pochi pazienti, è possibile guarire un tumore a uno stadio avanzatissimo. Dunque - conclude - sconfiggere la malattia anche grave è oggettivamente possibile e prima o poi ci riusciremo per molte altre persone. E' solo questione di tempo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza