cerca CERCA
Sabato 24 Febbraio 2024
Aggiornato: 16:09
10 ultim'ora BREAKING NEWS

"Noi vittime di dossieraggio", da difese Marogna-Sindoca querela in Procura Padova

04 luglio 2023 | 17.55
LETTURA: 2 minuti

Avvocati tenuti ‘sotto osservazione’ contro ‘’le regole del diritto alla libertà e all’inviolabilità della difesa’’. E’ quanto denunciano in una querela indirizzata alla procura di Padova, Giuseppe Di Sera e Fiorino Ruggio, difensori di Cecilia Marogna, imputata nel processo Vaticano sulla gestione dei fondi della Segreteria di Stato insieme al cardinale Angelo Becciu, e di Riccardo Sindoca, procuratore in atti della manager sarda. Gli avvocati in particolare citano una segnalazione nei loro confronti, richiamata dalla Guardia di Finanza di Cittadella, per un’operazione sospetta per un bonifico di ‘’mille euro’’, che però, sottolineano, altro non è che un pagamento di un loro cliente. Per i querelanti inoltre, è ‘’aberrante’’ che nella segnalazione si riporti il nome dell’avvocato Fiorino Ruggio definendolo ‘’già noto alle cronache per vicende legate ad ambienti deviati della massoneria (Gladio) e dell'estrema destra’’. I due penalisti denunciano un vero e proprio  ‘‘dossieraggio’’ nei loro confronti, con una ‘’intensa e penetrante attività investigativa, senza che siano mai stati indagati’’.

‘’Viene da chiedersi – scrivono Ruggio e Di Sera nella querela – chi abbia (e a che titolo) autorizzato l’assunzione delle informazioni e per quali possibili reati e reali finalità’’.  ‘’A che titolo si è proceduto ad acquisire i rapporti finanziari intercorrenti tra gli avvocati Di Sera e Ruggio, riportandone il contenuto in una S.O.S. (segnalazione di operazione sospetta, ndr.) il cui contenuto è basato sul nulla più assoluto, posto che addirittura si richiama quanto riportato in articoli giornalistici?’’ si legge. I due avvocati inoltre ricordano la denuncia sporta da Marogna con la quale si lamentava la ‘’ verosimile abusiva intercettazione di una videochiamata di lei con l’avvocato Di Sera, visto che a fronte di due interlocutori risultava che la chiamata interessasse tre utenze’’.

Non solo. Nella querela si segnalano alcuni ‘’inspiegabili eventi’’ accaduti ai due penalisti ‘’nel corso degli ultimi anni’’, come ‘’il distacco improvviso della ruota sinistra dell’auto di proprietà dell’avvocato Di Sera e la manomissione dell’autovettura’’ in uso al collega Ruggio, ‘’avvenuta in autostrada, all’altezza di Forlì’’. Su tutti i fatti citati, i due difensori concludono chiedendo alla Procura di Padova di compiere accertamenti per valutare eventuali reati.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza