cerca CERCA
Mercoledì 22 Maggio 2024
Aggiornato: 05:40
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Papa, ultimo giorno in Ungheria: "Triste vedere le porte chiuse ai migranti"

Le parole del pontefice alla messa in piazza Lajos: "Siamo chiamati ad accogliere, no a divisioni tra noi". Presente anche il premier Orban

(Afp)
(Afp)
30 aprile 2023 | 09.50
LETTURA: 4 minuti

Ultimo giorno del 41esimo viaggio apostolico del Papa in Ungheria, cuore dell’Europa. Stasera Bergoglio sarà di nuovo a Roma. Il Pontefice, dopo aver lasciato la Nunziatura Apostolica, si è trasferito in auto alla Piazza Kossuth Lajos per la celebrazione della messa. All’arrivo, dopo alcuni giri in papamobile tra i fedeli convenuti, il Papa ha iniziato la Celebrazione Eucaristica nella IV Domenica di Pasqua. Presenti anche la Presidente ungherese Katalin Novak e il Primo Ministro Viktor Orban.

È triste e fa male vedere porte chiuse: le porte chiuse del nostro egoismo verso chi ci cammina accanto ogni giorno; le porte chiuse del nostro individualismo in una società che rischia di atrofizzarsi nella solitudine; le porte chiuse della nostra indifferenza nei confronti di chi è nella sofferenza e nella povertà; le porte chiuse verso chi è straniero, diverso, migrante, povero”, scandisce forte e chiaro il Papa nel corso della messa.

Bergoglio parla anche delle chiusure da parte della Chiesa: “Perfino le porte chiuse delle nostre comunità ecclesiali: chiuse tra di noi, chiuse verso il mondo, chiuse verso chi 'non è in regola', chiuse verso chi anela al perdono di Dio. Per favore: apriamo le porte! Cerchiamo di essere anche noi – con le parole, i gesti, le attività quotidiane – come Gesù: una porta aperta, una porta che non viene mai sbattuta in faccia a nessuno, una porta che permette a tutti di entrare a sperimentare la bellezza dell’amore e del perdono del Signore. Ripeto questo soprattutto a me stesso, ai fratelli Vescovi e sacerdoti: a noi pastori. Perché il pastore, dice Gesù, non è un brigante o un ladro ,non approfitta, cioè, del suo ruolo, non opprime il gregge che gli è affidato, non 'ruba' lo spazio ai fratelli laici, non esercita un’autorità rigida”.

Bergoglio, che due giorni fa ha avuto un faccia a faccia con il primo ministro ungherese, il sovranista Viktor Orban presente alla messa del Papa, si rivolge anche a chi ha responsabilità politiche: “Incoraggiamoci ad essere porte sempre più aperte: 'facilitatori' della grazia di Dio, esperti di vicinanza, disposti a offrire la vita, così come Gesù Cristo, nostro Signore e nostro tutto, ci insegna a braccia aperte dalla cattedra della croce e ci mostra ogni volta sull’altare, Pane vivo spezzato per noi. Lo dico anche ai fratelli e alle sorelle laici, ai catechisti, agli operatori pastorali, a chi ha responsabilità politiche e sociali, a coloro che semplicemente portano avanti la loro vita quotidiana, talvolta con fatica: siate porte aperte”.

Francesco sottolinea: "È bello trovarci insieme: i Vescovi e i sacerdoti, i religiosi e i fedeli laici; ed è bello condividere questa gioia insieme alle Delegazioni ecumeniche, ai capi della Comunità ebraica, ai rappresentanti delle Istituzioni civili e del Corpo diplomatico. Questa è cattolicità: tutti noi cristiani, chiamati per nome dal buon Pastore, siamo chiamati ad accogliere e diffondere il suo amore, a rendere il suo ovile inclusivo e mai escludente”. “E, perciò, - ammonisce - siamo tutti chiamati a coltivare relazioni di fraternità e di collaborazione, senza dividerci tra noi, senza considerare la nostra comunità come un ambiente riservato, senza farci prendere dalla preoccupazione di difendere ciascuno il proprio spazio, ma aprendoci all’amore vicendevole”.

Il Papa, prima della recita del Regina Coeli in Ungheria, guarda ai popoli in guerra. Pensa all’Ucraina e al martoriato popolo, chiede ai responsabili delle Nazioni di costruire la pace. ”Ci rivolgiamo ora alla Madonna. A lei, Magna Domina Hungarorum, che invocate come Regina e Patrona, affido tutti gli ungheresi. E da questa grande città e da questo nobile Paese vorrei riporre nel suo cuore la fede e il futuro dell’intero Continente europeo, a cui ho pensato in questi giorni, e in modo particolare la causa della pace. Santa Vergine, guarda ai popoli che più soffrono. Guarda soprattutto al vicino martoriato popolo ucraino e al popolo russo, a te consacrati”, dice Bergoglio. “Tu sei la Regina della pace, infondi nei cuori degli uomini e dei responsabili delle Nazioni il desiderio di costruire la pace, di dare alle giovani generazioni un futuro di speranza, non di guerra; un avvenire pieno di culle, non di tombe; un mondo di fratelli, non di muri”, l’accorato appello del Papa.

La Piazza nella quale della messa, è dedicata a Lajos Kossuth, eroe nazionale, leader ispiratore della rivoluzione ungherese del 1848, è situata nel centro di Budapest, nel V distretto. Ospita nel suo spazio l’edificio neogotico del Parlamento ungherese, simbolo della capitale, il Museo Etnografico e il Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale. Si tratta della prima messa a cui partecipano tutti, dall’Ungheria e da tutto il confine.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza