cerca CERCA
Venerdì 23 Febbraio 2024
Aggiornato: 08:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Patronaggio: "Depistaggio Borsellino mistero inquietante"

29 novembre 2023 | 19.07
LETTURA: 2 minuti

Luigi Patronaggio
Luigi Patronaggio

"Io non so quale sia stato il movente della strage di via D'Amelio, ovvero, se vi siamo stati più moventi convergenti. Di sicuro Borsellino era un fiero e pericoloso nemico di Cosa Nostra e le sue qualità investigative, così come le informazioni in suo possesso, erano ben note ai mafiosi. Non può a priori escludersi che le sue intuizioni investigative potessero danneggiare quella parte dell' imprenditoria e della finanza nazionale collusa con la mafia". Così, all'Adnkronos, il Procuratore generale di Cagliari, Luigi Patronaggio, che oggi è stato sentito dalla Commissione nazionale antimafia. "Gli acclarati depistaggi sulla strage di via D'Amelio aprono peraltro irrisolti ed altrettanto gravi interrogativi: innanzi tutto a vantaggio di chi siano stati operati tali depistaggi. Resta un mistero inquietante per la vita democratica di questo Paese stabilire per chi e per quali motivi abbiano agito uomini "anfibi" come il Prefetto La Barbera ( meta' poliziotto e metà agente segreto) e gli ignoti responsabili della sparizione della agenda rossa", aggiunge.

Sull'agenda rossa scomparsa dice: "Su che fine abbia fatto con tutta onestà non lo so. Confermo invece che l'ufficio di Borsellino fu sigillato nella immediatezza della strage e che i colleghi di Caltanissetta procedettero ad un inventario. Se fra quelle carte vi fosse proprio l' agenda rossa tuttavia lo ignoro". E aggiunge: "Qualsiasi iniziativa volta a restituire la verità a questo Paese è auspicabile, anzi doverosa, l'importante è che questa ricerca avvenga con spirito laico, critico, senza pregiudizi politici o ideologici".

"In ordine ai rapporti fra il gruppo Gardini/Ferruzzi e Cosa Nostra, è noto , almeno dal 1997, il legame fra Lorenzo Panzavolta e Buscemi Antonino della famiglia mafiosa di Palermo-Bocca di Falco. Mi risulta altresi che una pista investigativa, risalente nel tempo e tuttavia mai riscontrata giudiziariamente, indicava come una parte della maxi tangente Enimont fosse affluita alla corrente andreottiana tramite Salvo Lima", dice poi Patronaggio. E conclude: ""Pur non essendomene occupato personalmente è infine noto, almeno a livello investigativo, l'interesse economico dei Buscemi nel settore delle cave in Sicilia e a Massa Carrara, alcune di queste ultime già appartenenti al gruppo Ferruzzi". (di Elvira Terranova)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza