cerca CERCA
Martedì 25 Giugno 2024
Aggiornato: 00:24
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ponte Morandi, Mion: "Nel 2010 sapevo del rischio, non dissi nulla"

Le dichiarazioni dell'ex ad della holding Edizioni raccolte dal TgLa7: "Avrei dovuto fare casino, non l'ho fatto. Forse temevo per il posto di lavoro". I parenti delle vittime: "Devastante e inaccettabile"

Afp
Afp
22 maggio 2023 | 20.58
LETTURA: 2 minuti

Sulle condizioni del Ponte Morandi "avrei dovuto fare casino, non l'ho fatto". Perché? "Non mi è venuto, forse temevo il posto di lavoro. Tante cose non abbiamo fatto da stupidi". Queste le dichiarazioni dell'ex ad della holding Edizioni, Gianni Mion, raccolte dal TgLa7 all'uscita del tribunale di Genova, dove Mion oggi, nell'udienza per il crollo del ponte di Genova, ha raccontato di aver appreso nel 2010 in una riunione che la struttura era a rischio crollo.

"Immaginatevi come possiamo stare noi parenti in aula a sentire che nel 2010 in una riunione è stato esplicitato lo stato di questo ponte. E' una cosa devastante per noi, come familiari e anche come cittadini". Così all'Adnkronos la presidente del comitato in ricordo delle vittime del Ponte Morandi, Egle Possetti, commenta la testimonianza resa in aula da Mion.

"E' una cosa inaccettabile, così come è inaccettabile che le persone che erano a conoscenza, da cittadini, non siano in qualche modo intervenute", aggiunge Possetti, riconoscendo che quella di Mion è "sicuramente una testimonianza importante, perché va ancor più nel segno di tutto quello che sta emergendo dalle perizie e da altre cose".

Non una novità però: "Purtroppo - osserva la presidente del comitato dei parenti delle vittime del Morandi - sono mesi che stiamo sentendo testimonianze che vanno tutte in questo senso, di conoscenza, di informazioni che erano presenti all'interno della linea gerarchica. Le informazioni c'erano, non c'era nulla di segreto e nessun difetto di costruzione sconosciuto. La situazione di questo ponte era nota".

"Bisognava pensarci prima", commenta ancora su Mion, che ha espresso il suo rammarico per non aver fatto nulla. "La mia famiglia non torna più a casa, anche se qualcuno verrà condannato e se verranno fatte chiarezza e giustizia su quello che è successo", ha sottolineato Possetti. "Queste cose - ha aggiunto - non devono succedere. Bisogna pensarci prima, ognuno all'interno di un meccanismo ha un ruolo e anche se il ruolo sembra piccolo, ha la sua importanza. E via via che i ruoli sono più importanti, hanno più peso negli eventi che accadono. Dovrà esserci un peso e una valutazione delle responsabilità".

L'auspicio della presidente del comitato è che "si cambi il substrato in cui è cresciuta questa tragedia. Bisognerebbe lavorare sulla prevenzione e su come vengono fatti i controlli. Speriamo che qualcosa possa cambiare, perché qui abbiamo avuto anche tanta omertà".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza