cerca CERCA
Sabato 13 Aprile 2024
Aggiornato: 20:47
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pordenone, uomo asserragliato in casa armato di pistola a Cordovado

30 agosto 2023 | 17.03
LETTURA: 2 minuti

Palazzina evacuata: sul posto i carabinieri, i vigili del fuoco e gli artificieri. In campo i negoziatori

Vigili del fuoco - (Fotogramma)
Vigili del fuoco - (Fotogramma)

Un uomo è asserragliato in casa da ore, a Cordovado (Pordenone) armato di una pistola che non è chiaro sia vera o giocattolo. Le forze dell'ordine erano sulle sue tracce da questa mattina, quando era stato visto girare in strada a petto nudo e con l'arma in pugno. Sul posto i carabinieri, i vigili del fuoco e gli artificieri che hanno staccato luce e gas allo stabile, evacuato per ragioni di sicurezza. In corso il colloquio tra l'uomo, originario di San Donà di Piave, e i negoziatori dei carabinieri. In corso il colloquio tra l'uomo, originario di San Donà di Piave, e i negoziatori dei carabinieri che sono sul posto.

Il 55enne, sottotenente di complemento, - secondo quanto apprende l'Adnkronos - ieri avrebbe pubblicato dei video sul proprio profilo social nei quali minacciava le autorità e annunciava gesti autolesionistici. Il gesto verosimilmente sarebbe riconducibile alla scoperta di un provvedimento a suo carico di ritiro delle armi.

"La situazione è preoccupante, i carabinieri sono sul posto con i negoziatori che stanno cercando di entrare in contatto con il 55enne che non risponde. Le persone sono state subito evacuate dallo stabile e sotto il profilo dell'incolumità pubblica c'è una certa tranquillità. Certo, è una operazione molto delicata. L'uomo è titolare di un porto d'armi per tiro al volo scaduto e le armi andavano ritirate", dice all'Adnkronos Domenico Lione, Prefetto di Pordenone

"Quell'uomo girava per Cordovado già alle 6,30 di questa mattina. A petto nudo, con una pistola in pugno e un'altra dietro alla schiena, spingeva chi trovava a tiro e urlava in mezzo alla strada. Quasi ha bloccato il camion di mio fratello. Di lì a un'ora la Protezione Civile aveva già bloccato le strade". E' il racconto che fa all'Adnkronos Donovan, residente e testimone di quanto accaduto questa mattina nel paesino in provincia di Pordenone.

"In pochi minuti nel paese si è creato il panico - continua il ragazzo - c'è chi urlava di stare attenti a quel pazzo armato fino ai denti, la ragazza del bar diceva che spingeva e sputava, mentre il panettiere lo ha visto rientrare in casa apparentemente più calmo e, solo a quel punto, infilarsi la maglietta".

(di Silvia Mancinelli)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza