cerca CERCA
Domenica 25 Febbraio 2024
Aggiornato: 22:48
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Naufragio migranti, sindaco Crotone: "Meloni venga qui almeno da madre"

04 marzo 2023 | 11.22
LETTURA: 2 minuti

"Questo popolo aspettava una testimonianza della presenza dello Stato, è mancato il governo"

Il sindaco di Crotone Vincenzo Voce
Il sindaco di Crotone Vincenzo Voce

Un invito alla premier Giorgia Meloni a venire a Crotone "da madre" a vedere "i corpi dei bambini morti nel naufragio". L'autore dell'appello è il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce. Che ha scritto una lettera aperta alla Presidente del Consiglio. "L'ho vista piangere in una trasmissione, magari viene a commuoversi anche qui sull'ultimo cadavere di bambino ritrovato in queste ore", dice il sindaco all'Adnkronos. "E' un invito da madre, anche riservato". Ecco cosa scrive Voce nell'appello: "Gentile presidente Meloni, abbiamo aspettato una settimana, la comunità crotonese colpita da un dolore enorme, ha aspettato un suo messaggio, una sua telefonata, un suo cenno. In questa settimana i crotonesi si sono stretti nel dolore per le vittime di una tragedia immane ed in ogni modo, anche con una semplice preghiera, portando un fiore o un biglietto hanno voluto manifestare la loro vicinanza e solidarietà", dice Voce. "L’umanità probabilmente non farà risalire le classifiche della qualità della vita ma sicuramente rende orgogliosi di appartenere ad una comunità che ha saputo dimostrare come la solidarietà e l’apertura verso l’altro siano valori inalienabili ed irrinunciabili", prosegue Voce.

"Questo popolo aspettava una testimonianza della presenza dello Stato, che è arrivata altissima dal Capo dello Stato - dice il sindaco - Ma è mancato il Governo, è mancata lei presidente. Allora le chiedo, se non ha ritenuto portare la sua vicinanza come presidente del Consiglio, venga a Crotone a portarla da mamma. Venga a conoscere cosa si è vissuto in un palazzetto dello Sport destinato alla vita e che è si è trasformato in un luogo di dolore e lacrime. Venga a condividere, da mamma, il dolore di altre mamme, dei figli senza più genitori, di donne, uomini, bambini che avevano una speranza ed ora non hanno neppure più quella".

"Non le faccio colpa di non essere venuta da presidente del Consiglio, sicuramente avrà avuto altri importanti impegni- dice ancora Voce - Allora venga in forma privata, se ritiene, da cittadina di questo paese. Venga in questa città che ha espresso fortissimo il sentimento di restare umani. Di guardare alle persone come tali e non come numeri. Perché quelle bare che non hanno ancora nome non sono numeri. L’aspettiamo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza