cerca CERCA
Sabato 18 Maggio 2024
Aggiornato: 21:18
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Stupro Caivano, Giorgia Meloni: "Crimine infame, lo Stato è qui" - Video

L'incontro con don Patriciello e la visita alla scuola del Parco Verde. La premier: "Centro sportivo è una discarica a cielo aperto. Riaprirà entro la prossima primavera"

La premier Giorgia Meloni e don Patriciello a Caivano (Fotogramma)
La premier Giorgia Meloni e don Patriciello a Caivano (Fotogramma)
31 agosto 2023 | 10.58
LETTURA: 6 minuti

"Crimine infame, lo Stato è qui". E' quanto ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, lasciando la scuola di Caivano, rione dove si sono consumati gli abusi ai danni delle due ragazzine di 11 e 12 anni. “Siamo qui per esprimere la solidarietà alle vittime innocenti di un atto disumato, di un crimine infame che ha scioccati tutti" e manifestare "la presenza serie, autorevole, costante dello Stato", a Caivano, dunque, “per agire e metterci la faccia”.

“Se siamo qui oggi a condannare un episodio barbaro" a 10 anni dalla vicenda della piccola Fortunata Loffredo, “la bambina buttata giù da un balcone dopo aver subito abusi, allora significa che qui si è consumato un fallimento dello Stato. Siamo qui per dare segnali concreti".

"Il messaggio principale che noi vogliamo dare è che non devono esistere zone franche - ha rimarcato - ed è un messaggio che noi diamo qui, ma il Parco Verde di Caivano non è l'unico territorio che versa in queste condizioni: sono molti i territori che versano in queste e il messaggio è rivolto alle tante Caivano d'Italia”.

“Penso che occorra tentare di dare segnali diversi. Uno Stato giusto ha prima di tutto il dovere di difendere i più deboli. I minori sono i principali tra questi soggetti e io vi confesso che il numero delle persone coinvolte nel duplice stupro alimenta in me il terrore che episodi di questo genere siano più di quelli che emergono ala cronaca dei fatti".

LA RIAPERTURA DEL CENTRO SPORTIVO

“Il centro Delphinia è un grande centro sportivo, parliamo di circa 25mila metri quadri di struttura, che pare possa essere anche il luogo, dove si è consumato il duplice stupro" ha detto Meloni. "Si tratta di una struttura da anni abbandonata e che oggi è una discarica a cielo aperto ed è uno dei luoghi in cui il degrado favorisce la criminalità. Il nostro obiettivo è riaprire il centro sportivo entro la prossima primavera". "Il ministro Sangiuliano ha già messo a disposizione 12 milioni di euro in tre anni" per fare "una biblioteca e una sala multimediale e lettura che possano essere collocate dentro il centro Delphinia in modo che diventi un centro polifunzionale".

“Coinvolgiamo il genio militare per ripulirlo, Sport e Salute per la riqualificazione dell'area, faremo le norme per agire in deroga e quando sarà riaperto coinvolgeremo le Fiamme oro per gestirlo e vogliamo farlo in pochi mesi" ha aggiunto. “Penso che queste iniziative debbano rappresentare anche un'opportunità di lavoro per chi abita qui per cui ho dato indicazione che nel centro sportivo, nel centro culturale e in tutti gli spazi che si aprano debba essere data priorità a chi vive in questi quartieri e vuole lavorare”.

GLI OBIETTIVI

"Cerchiamo di dare risposte anche in termini di educazione" sottolinea la premier. "Ci sono norme importanti sul tema della dispersione scolastica, ma per combatterla vanno rafforzate. E' previsto l'obbligo, ma le sanzioni per quelle famiglie che decidono di non mandare i figli a scuola non sono sufficienti e vanno rafforzate".

"Le direttrici sulle quali io intendo coinvolgere l'intero Governo sono principalmente due: la prima è la fermezza dello Stato contro la criminalità, l'illegalità e la droga. Questo territorio sarà radicalmente bonificato e vi assicuro che voi vedrete presto i frutti di questa visita su questo territorio". "Coinvolgerò l’intero governo" ha detto la presidente del Consiglio in più riprese, affermando che "le forze dell’ordine non sono sole".

Io penso che si possa provare a fare la differenza, partendo da qui, fisicizzando da qui questo cambio di passo e, poi, portarlo nelle altre troppe zone franche che in Italia sono aperte. Mi rendo conto che è un impegno gravoso quello che ci prendiamo, non è una sfida facile ma credo che sia il compito della politica" ha detto la presidente del Consiglio, citando Sant'Agostino: "Comincia a fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile, e magari potresti scoprirti a fare l'impossibile. E' quello che vorremmo fare qui".

“Penso che il messaggio più serio che si possa dare a questi territori, alle periferie dove la gente pensa che comunque vada lo Stato non sarà capace di risolvere i problemi, che viene a fare annunci e passerelle e poi sparisce, sia invertire questa tendenza - sottolinea Meloni -, partendo da questo territorio che oggi è conosciuto alla cronaca per le sue problematiche. L'obiettivo del governo è che domani possa essere conosciuto perché rappresenta un modello: da problema a esempio".

"Il controllo del territorio da solo non risolve i problemi che le persone hanno. C'è una seconda fondamentale direttrice in questo lavoro che ci impegniamo a fare e che riguarda la necessità di dotare questo territorio di servizi che i cittadini aspettano, chiedono, vorrebbero vedere da molto tempo. Siamo qui per cominciare da oggi a dare risposte precise".

LA VISITA A CAIVANO

La premier Giorgia Meloni è stata in visita all'Istituto superiore Francesco Morano, la scuola di Caivano sul quale si affacciano i casermoni del Parco Verde (VIDEO). A riceverla è stata la dirigente Eugenia Carfora, donna simbolo di Caivano e del contrasto all'abbandono scolastico, che le ha donato un mazzo di fiori. Nella scuola c'è stato il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, voluto dalla presidente del Consiglio. Arrivata in chiesa tra qualche contestazione, Meloni all'uscita della parrocchia è stata raggiunta da applausi.

Poco prima l'incontro con don Patriciello, il parroco del Comune dell'hinterland napoletano, che è durato una quarantina di minuti. “Qui oggi c'è una presenza importante che vuole raccontare qualcosa di importante - ha detto la presidente del Consiglio Meloni -. Noi siamo venuti qui oggi innanzitutto per rispondere all'invito di padre Maurizio Patriciello, un uomo e un sacerdote straordinario che voglio ringraziare per l'accoglienza e i consigli che ci ha dato, ma soprattutto per il lavoro quotidiano che fa in un territorio particolarmente difficile, per come dimostra che si può essere un esempio. Lui è una risorsa e un esempio per tutti noi". "Lo Stato c'è e non intende abbandonare i cittadini nell'illegalità", scrive sui social la premier Giorgia Meloni, postando una foto nella quale la si vede abbracciare don Maurizio Patriciello.

L'INCONTRO CON DE LUCA

La premier Giorgia Meloni ha visto in aeroporto, a Napoli, il governatore campano Vincenzo De Luca. L’incontro tra i due di circa 20 minuti è servito a fare il punto sulle misure da adottare a Caivano, dove la presidente del Consiglio ha intenzione di avviare un monitoraggio costante. Meloni non avrebbe incontrato i familiari delle vittime del duplice stupro che l'ha portata nel piccolo comune alle porte di Napoli.

(dall'inviata Ileana Sciarra)

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza