cerca CERCA
Martedì 16 Aprile 2024
Aggiornato: 16:46
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Terremoti, realizzata la Tac sismica dell'Italia

19 maggio 2023 | 10.21
LETTURA: 2 minuti

A diffonderla è l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

123RF
123RF

Terremoti, realizzata la 'Tac' della penisola italiana, una tomografia sismica dell'Italia che svela nuovi dettagli sulla struttura profonda e sull’evoluzione geodinamica delle Alpi e degli Appennini, A diffonderla è l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che fornito una rappresentazione omogenea della struttura tridimensionale dell’intera regione italiana fino alla profondità di 80 km, così da migliorare la comprensione della nascita e dell’evoluzione delle catene montuose Alpina e Appenninica. I risultati dello studio “Lithosphere Structure, Processes, and Physical State of the Alpine-Apennine System” sono stati recentemente pubblicati sulla rivista “Journal of Geophysical Research”.

Attraverso l’utilizzo della Tomografia Sismica, una tecnica analoga alla Tomografia Assiale Computerizzata (Tac) che si usa in ambito medico, è stato possibile determinare come si propagano le onde sismiche P (onde compressionali) e S (onde trasversali) al di sotto della penisola italiana, individuando le zone ‘veloci’, cioè associate a rocce dense e fredde, e quelle 'lente', composte da rocce meno dense e più ‘calde’. Attraverso l'analisi delle onde P e S generate da un terremoto, la tomografia sismica consente quindi di ottenere immagini tridimensionali dell’interno della Terra, così come la Tac medica consente di ricostruire l’interno del corpo umano attraverso l’utilizzo dei raggi X.

“La formazione delle catene montuose è il risultato dello scontro tra le placche tettoniche in cui è suddivisa la litosfera, ovvero la parte più superficiale, fredda e rigida del nostro pianeta”, spiega Pasquale De Gori, ricercatore dell’Ingv. “La definizione spaziale, laterale e in profondità dei limiti di queste strutture, il cui reciproco movimento ha dato vita all’assetto attuale della penisola italiana, risulta quindi fondamentale per definire la sua evoluzione geodinamica” aggiunge. Le placche tettoniche sono in perenne e lento movimento e il processo di collisione a cui sono soggette determina lo sprofondamento di ampie porzioni di volumi della litosfera all’interno del mantello terrestre (subduzione). “Il fenomeno della subduzione causa importanti variazioni dello stato chimico e fisico dei volumi di roccia che rispondono in maniera differente alle sollecitazioni elastiche”, prosegue Pio Lucente, anch’egli ricercatore dell’Ingv. “Un modo - spiega - per studiare queste eterogeneità è quello di calcolare come varia la velocità di propagazione delle onde sismiche da cui sono attraversate in seguito alla genesi di un terremoto”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza