cerca CERCA
Lunedì 20 Maggio 2024
Aggiornato: 11:40
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Torino, lanciarono bici dai Murazzi: condannati i 3 minorenni

Condanne tra i 6 e i 9 anni, niente messa in prova

(Fotogramma)
(Fotogramma)
07 settembre 2023 | 19.57
LETTURA: 3 minuti

Niente messa in prova. Il tribunale dei minori di Torino ha condannato per tentato omicidio i tre adolescenti, due ragazzi e una ragazza, che la sera del 21 gennaio lanciarono una bicicletta dalla balaustra dei Murazzi, colpendo alla testa lo studente universitario Mauro Glorioso. Le condanne sono rispettivamente 9 anni e 9 mesi per il giovane oggi maggiorenne ma 17enne all’epoca dei fatti, 9 anni e 4 mesi per il 15enne e 6 anni e 8 mesi per la ragazza. La Procura aveva chiesto 13 anni per il 17enne e 9 anni per il 15enne e la ragazza. La difesa aveva invece chiesto la messa in prova per tutti.

"È una pena molto significativa per dei minori, che non si dà spesso, che ci insegna ancora di più che quando si valuta con cognizione e capacità, anche a legislazione vigente, i minori rispondono delle loro azioni" ha detto Emma Avezzù procuratore del tribunale dei minori di Torino.

“Spero che i ragazzi, la collettività, le baby gang con questa sentenza si rendano conto che con la vita non si può giocare, spero che questa sentenza faccia capire che quando si sbaglia si rischia seriamente”, ha detto Giuseppe Glorioso, il papà di Mauro, il giovane rimasto gravemente ferito dal lancio della bicicletta. Lasciando il tribunale accompagnato dal legale, Simona Grabbi, papà Giuseppe ha aggiunto: “E' un problema dilagante, troppo, troppo grave, speriamo che almeno tutto ciò possa avere un significato perché tanto mio figlio non me lo riconsegneranno nelle condizioni antecedenti a quella sera, ma almeno che da questo possa nascere qualcosa di positivo”.

“Riteniamo questa una decisione equilibrata al termine di un processo che ha provocato alla famiglia ulteriore, grande, sofferenza perché assistere alla ricostruzione dei fatti da parte dei tre imputati è stato estremamente doloroso anche con tutti i detti e non detti”, ha affermato il legale Grabbi.

"Una sentenza tristemente esemplare che soprattutto nei confronti di un ragazzino non risolvono il problema, ma lo acuiscono e chiunque si illuda di questo sbaglia" ha detto Domenico Peila, legale di uno dei tre minori.

"E' stata respinta la richiesta di messa alla prova che avevamo avanzato per tutti e tre i ragazzi, è stato confermato l'impianto della procura sul tentato omicidio che noi abbiamo contestato perché per noi si tratta di lesioni gravissime - sottolinea Michele Ianniello, legale di un altro dei tre minori -. Aspettiamo i 90 giorni per leggere le motivazioni, sicuramente è una vicenda giudiziaria che non si esaurisce adesso". Il legale ha avanzato per il suo assistito la richiesta di modifica di custodia cautelare spiegando che "per me non ricorrono più le esigenze cautelari o comunque possono essere attenuate, ad esempio con la misura degli arresti domiciliari che consentirebbe di evitare il pericolo più grande che la procura adombra, cioè la reiterazione del reato". Nel corso dell'udienza di questa mattina, hanno riferito i legali, uno dei ragazzi ha letto una dichiarazione di vergogna e di scuse e ha chiesto una seconda possibilità al tribunale "per poter dimostrare che non è il mostro che è stato messo in evidenza". Un gesto che l'avvocato della famiglia Glorioso, Simona Grabbi, commenta "non sono scuse, non basta dire scusa tre volte quando non c’è stata una parola di pentimento".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza