cerca CERCA
Domenica 14 Aprile 2024
Aggiornato: 09:46
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucciso a sprangate nel suo negozio

03 maggio 2019 | 15.12
LETTURA: 3 minuti

Il titolare trovato in un lago di sangue alle 13:30. Al momento restano aperte tutte le piste, non si esclude la rapina finita in tragedia. Killer getta il cellulare della vittima durante la fuga, potrebbero esserci le impronte. La vicina: "Ora abbiamo tutti paura"

Foto Adnkronos
Foto Adnkronos

di Silvia Mancinelli
E' stato ucciso a colpi di spranga Norberto Fedeli, il 74enne titolare della jeanseria in via San Luca al civico 43 a Viterbo. Il commerciante è stato trovato senza vita e in un lago di sangue dalla parrucchiera accanto che, alle 13:30, vedendo la saracinesca ancora semiaperta, è entrata per accertarsi che fosse tutto a posto. Le urla della donna hanno richiamato l'attenzione della moglie della vittima, nella sua abitazione a pochi metri. Corsa sul posto, visto il marito morto, ha accusato un malore ed è stata soccorsa dai sanitari del 118 sul posto.

Una rapina finita male, l'ipotesi più accreditata al momento, avvalorata dalla posizione della vittima, riversa a terra con il cranio fracassato da un oggetto contundente accanto alla cassa trovata manomessa. Il cellulare della vittima, ritrovato a 200 metri dal negozio, è stato sequestrato. Il bandito potrebbe avervi lasciato le impronte. Sulla salma, portata all'istituto di medicina legale, sarà effettuata l'autopsia. Al vaglio dei poliziotti le immagini delle telecamere di videosorveglianza.



LA TESTIMONIANZA - "Sono sconvolta, Norberto era una persona perbene prima che un amico. Quando è successo avevo già chiuso per la pausa pranzo e al rientro c'era già la polizia. Adesso ho paura, Viterbo è sempre stata una città tranquilla, non è mai successo niente. Oggi è un incubo". Luciana, titolare del negozio a pochi metri dalla jeanseria 'Fedeli Vogue', spiega all'AdnKronos di non sentirsi più tranquilla. "Ci conoscevamo da anni, mi dispiace così tanto - aggiunge con un filo di voce - Era qui tutti i giorni, un instancabile lavoratore". Il commerciante era molto conosciuto in zona per essere stato il primo a portare i jeans a Viterbo.

TABACCAIO CHE SPARO' AL LADRO, 'DELINQUENZA DILAGANTE' - "L'ennesimo fatto criminale che ci dovrebbe far riflettere". E' quanto ha detto all'Adnkronos Franco Birolo, il tabaccaio di Civé di Correzzola Padova, che sparò e uccise un ragazzo moldavo che aveva tentato un furto nel suo negozio il 26 aprile 2012, sul caso del commerciante di 74 anni ucciso in modo efferato nel suo negozio a Viterbo. "Non sarà l'ultimo episodio, è necessario porre un freno ad atti di violenza simili che si ripetono quotidianamente. Tutti ne parlano, ma fino a che una aggressione non viene vissuta in prima persona, uno non si rende conto di cosa significhi", aggiunge Birolo. "C'è chi sceglie di detenere un'arma, rispettando ovviamente le regole, per sentirsi più sicuro e va bene. Anche se questa non è la soluzione, è lo Stato che deve intervenire per porre un freno a una delinquenza dilagante, ad atti criminali che, magari solo per pochi euro, spesso finiscono nel sangue, con l'uccisione di chi reagisce all'aggressore", conclude Birolo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza