cerca CERCA
Lunedì 20 Maggio 2024
Aggiornato: 12:03
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Alitalia, Ue: "Prestito da 400 mln del 2019 illegale, va restituito"

L'Italia deve quindi recuperare l'aiuto di Stato illegittimo, più gli interessi

(Foto Fotogramma)
(Foto Fotogramma)
27 marzo 2023 | 12.51
LETTURA: 4 minuti

La Commissione europea ha concluso che il prestito da 400 milioni di euro concesso dallo Stato italiano nel 2019 ad Alitalia Società Aerea Italiana spa e alla sua controllata Alitalia CityLiner è illegale per le norme dell'Ue sugli aiuti di Stato. L'Italia deve quindi recuperare l'aiuto di Stato illegittimo, più gli interessi, da Alitalia.

Il prestito andrà recuperato dallo Stato italiano, per quanto possibile, insinuandosi al passivo della compagnia aerea, oramai in amministrazione straordinaria spiega la portavoce della Commissione europea per la Concorrenza, Arianna Podestà, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

"L'amministrazione straordinaria di Alitalia è tuttora in corso - spiega la portavoce - con l'obiettivo di completare la liquidazione dei beni della compagnia. L'Italia ha il dovere di recuperare l'aiuto incompatibile con le norme Ue, più gli interessi, da Alitalia, per rimuovere la distorsione del mercato" provocata dalla misura.

"Nel caso di una impresa insolvente - prosegue la portavoce - l'eliminazione della distorsione della concorrenza può essere ottenuta registrando le richieste relative all'aiuto illegale nella gerarchia dei creditori della procedura fallimentare in corso sotto l'amministrazione straordinaria. Pertanto i 400 milioni saranno ripagati da Alitalia entro i limiti dei ricavi ottenuti dalla vendita dei beni della compagnia e dal valore di qualsiasi bene rimanente che non venga venduto", conclude.

"L’esclusione di Ita dalle richieste di restituzione del prestito ponte ad Alitalia è la dimostrazione che siamo nel giusto e continueremo su questa strada. Le conclusioni della Commissioni Ue erano attese e ampiamente previste”, ha commentato il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti .

LA VICENDA - Nel maggio 2017, ricorda la Commissione, Alitalia è finita in procedura concorsuale speciale, continuando comunque ad operare come compagnia aerea. Per mantenerla in attività, nel 2017 e nel 2019 lo Stato ha concesso ad Alitalia prestiti rispettivamente per un importo di 900 milioni di euro e 400 milioni di euro, prestiti che non sono mai stati rimborsati.

Nel 2018 la Commissione ha avviato un'indagine formale per stabilire se due prestiti concessi nel 2017 (per un totale di 900 milioni), con il governo Gentiloni, fossero conformi o meno alle norme dell'Ue. Nel febbraio 2020, inoltre, la Commissione ha avviato un'indagine anche sul prestito aggiuntivo di 400 milioni di euro concesso dall'Italia il 26 ottobre 2019, con il governo Conte due. Nel settembre 2021 la Commissione ha concluso che i prestiti da 900 milioni del 2017 erano illegali.

Oggi la Commissione ha concluso che, concedendo nel 2019 il prestito di 400 milioni ad Alitalia, l'Italia non si è comportata come avrebbe fatto un operatore privato, poiché non ha valutato in anticipo la probabilità di rimborso. Il prestito mirava a garantire la continuità del servizio dei voli nazionali e internazionali di Alitalia.

Per la Commissione il prestito non poteva essere approvato neppure come aiuto al salvataggio, in base alle linee guida sugli aiuti per il salvataggio e la ristrutturazione. In particolare, Alitalia aveva già beneficiato di aiuti precedenti, cioè i due prestiti del 2017. Pertanto, il nuovo prestito da 400 mln ha violato l'obbligo 'una tantum', previsto dalle linee guida.

Su questa base, oggi la Commissione ha concluso che nessun investitore privato avrebbe concesso, all'epoca, il prestito alla compagnia. Pertanto, il prestito ha dato ad Alitalia un "ingiusto vantaggio" economico rispetto ai concorrenti sulle rotte nazionali, europee e mondiali, che costituiva un aiuto di Stato incompatibile con le norme Ue.

L'Italia dovrà ora recuperare da Alitalia l'aiuto di Stato illegittimo, ma non è detto che ci riesca. Ita, in ogni caso, con tutto questo non c'entra nulla: la Commissione ha già rilevato, nel settembre 2021, che Ita Airways, che ha acquisito parte degli asset di Alitalia nel 2021, non è il successore economico di Alitalia. Pertanto, non è tenuta a rimborsare l'aiuto di Stato illegale ricevuto dalla compagnia dalle cui ceneri è nata.

L'indagine della Commissione sul prestito del 2019, riportano i documenti archiviati nel registro dell'esecutivo Ue, era partita dalle segnalazioni di due compagnie aeree, che hanno chiesto e ottenuto di rimanere anonime. Tra gli elementi che l'esecutivo comunitario cita a sostegno dell'asserzione che l'Italia non si è comportata come un operatore di mercato, ci sono anche i "comunicati stampa rilasciati dopo la concessione del prestito", i quali "indicherebbero che l'Italia sembrava basarsi su considerazioni che un operatore di mercato non avrebbe tenuto in considerazione". Vengono riportate anche le dichiarazioni fatte dall'allora ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli: il 28 novembre 2019, ricorda la Commissione, il ministro dello Sviluppo economico ha dichiarato che Alitalia "non fallirà, mi sento di poterlo garantire". Il 17 dicembre 2019, aggiunge la Commissione, "lo stesso ministro ha dichiarato alla stampa che 'ci sono criticità (con riguardo ad Alitalia) da affrontare in modo serio', partendo dal fatto che 'non prendo in considerazione l'idea di mettere aerei a terra'". Nonostante le richieste della Commissione, concludeva ancora l'esecutivo Ue, "l'Italia non ha presentato alcun documento che dimostri che lo Stato, prima di concedere il prestito del 2019, ha effettuato una valutazione della potenziale redditività dell'investimento e della probabilità della restituzione di tale prestito".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza