cerca CERCA
Lunedì 24 Giugno 2024
Aggiornato: 21:21
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Caso Ferragni, big influencer al tramonto? L'analisi

Secondo Andrea Scotti, Country Manager di Skeepers Italia, il 2024 sarà l'anno dei 'micro influencer'

Chiara Ferragni - Fotogramma
Chiara Ferragni - Fotogramma
16 gennaio 2024 | 07.31
LETTURA: 4 minuti

Caso Ferragni? I big influencer del web potrebbero essere prossimi al tramonto ed il 2024 sembrerebbe l'anno di 'crescita' dei cosidetti nano e micro-influencer perché molti esperti stanno rivedendo i ruoli e indicando che creator più piccoli possano offrire spesso una fanbase più autentica e coinvolta. Ad indicare il cambio di passo è anche Andrea Scotti, Country Manager di Skeepers Italia, che in un'analisi sottolinea come "dall’ultimo caso Balocco-Ferragni è emerso ancora più chiaramente il forte potere mediatico che big influencer e celebrities possiedono e che, se non supportato da una comunicazione corretta e trasparente, può incidere profondamente sulla percezione che gli utenti hanno di un brand, online così come offline".

Le linee Agcom, il marketing, il mercato degli influencer

Scotti evidenzia che "nonostante Agcom abbia recentemente introdotto nuove linee guida per regolamentare i profili con oltre 1 milione di follower e un tasso di engagement di almeno il 2%, tenuti ora a evidenziare la natura pubblicitaria del contenuto in modo immediatamente riconoscibile, sorge spontaneo valutare più attentamente il rapporto costo-beneficio che risulta dal collaborare con queste figure". "Associare la propria immagine a personaggi noti del web e dell’entertainment può non essere sempre la strategia più vincente per raggiungere i propri obbiettivi di marketing. Se da un lato permette di veicolare prodotti e servizi a un ampio pubblico, dall’altro aumenta il rischio di incorrere in gravi danni di immagine che possono compromettere la credibilità del brand stesso" aggiunge.

Per Scotti, inoltre, "in tempo di social, il detto 'Non importa che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli' non è più un diktat, anzi. In un mondo dove ogni contenuto viene amplificato dalla condivisione e dove ogni utente ha la possibilità di esprimere un proprio giudizio online, risulta essenziale valutare attentamente la strategia di posizionamento e i profili a cui affidare la promozione del proprio brand sui canali social". Così, "se è da escludere un dietrofront del mercato dell’influencer marketing, che ha generato oltre i 300 milioni di fatturato nel 2023 e che non sembra volersi arrestare, per Skeepers, la tech company leader nella creazione di esperienze di acquisto autentiche attraverso contenuti generati dagli utenti (UGC), risulta essenziale affidarsi anche ad altri parametri per valutare l’efficacia di una strategia di Influencer Marketing" scrive ancora Country Manager di Skeepers Italia.

Popolarità e fanbase, non sempre una strategia vincente

"Spesso le aziende vengono attratte principalmente dal numero di follower e dalla popolarità di un profilo, scegliendo di puntare su big influencer e celebrities, pensando di poter così raggiungere una redemption ottimale solo perché più noti. Ma non sempre lavorare su fanbase più alte è sinonimo di una campagna efficace e i brand dovrebbero iniziare a integrare maggiormente, nella loro strategia, operazioni complementari su creator più piccoli, che offrono spesso una fanbase più autentica e coinvolta. Infatti, il successo di una campagna non si misura solo dal numero di follower raggiunti, ma dall’engagement.

'Nano' e 'micro' influencer trend del 2024

La community Skeepers di nano e micro-influencer, che conta oltre 100.000 profili da 1.000 a 100.000 followers, assicura interazioni trasparenti e intime con i loro follower. Legami genuini di questo tipo generano fiducia, stimolando le vendite e i tassi di conversione dei brand" prosegue Scotti.

"Uno dei trend 2024 individuati dall’azienda è rappresentato proprio dalla crescita della centralità all’interno delle strategie marketing di queste figure, che si affiancheranno sempre più ai big talent in qualità di ambassador e brand lover. Ma qual è la 'potenza' di affidarsi alla community di nano e micro-influencer di Skeepers? Innanzitutto - spiega Scotti - i profili possono vantare un alto engagement all’interno della propria fanbase: 7,2% è infatti la percentuale di engagement rate medio. Un secondo aspetto da considerare è che con la piattaforma di influencer marketing di Skeepers, il brand ha la proprietà del contenuto per ben 20 anni: questo significa che potrà utilizzare anche a distanza di anni un contenuto di un influencer ingaggiato anni prima e che, nel frattempo, per la legge dei grandi numeri, è diventato una celebrity. Il contenuto potrà essere utilizzato su canali diversi da quello originario, come ad esempio il sito web del brand".

Un altro plus "ormai essenziale" per Andrea Scotti, "è che i micro e nano influencer sono capaci di creare legami con la quotidianità di ciascuno, dando vita a un rapporto genuino capace di generare fiducia: i loro contenuti sono quindi vissuti come autentici e assumono tutte le caratteristiche di un moderno passaparola 2.0. Inoltre, i micro e nano influencer vantano spesso una competenza fortemente di nicchia, che si rispecchia nella qualità della loro community: questo - conclude Scotti - consente ai brand di targettizzare moltissimo l’ambito di competenza, integrando un approccio più mirato con un coinvolgimento molto più elevato che si traduce in maggiori conversioni".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza