cerca CERCA
Venerdì 23 Febbraio 2024
Aggiornato: 10:29
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Manovra 2024, via libera in Cdm: nuova Irpef e aumento deduzioni per chi assume

16 ottobre 2023 | 11.05
LETTURA: 5 minuti

Per il 2024 gli scaglioni si riducono da quattro a tre, accorpando i primi due con un'unica aliquota al 23%. Meloni: "E' seria e realistica, su sanità 3 miliardi in più rispetto a previsioni"

Palazzo Chigi - (Adnkronos)
Palazzo Chigi - (Adnkronos)

Via libera del Consiglio dei ministri alla Manovra 2024. Secondo quanto emerge dalla bozza del dlgs sulla riforma fiscale, tra le novità la revisione degli scaglioni Irpef, con una riduzione delle aliquote che interesserà "oltre 24,9 milioni" di contribuenti. ''Avevo detto e ribadisco che l'impostazione della manovra sarebbe stata seria e prudente. Questo è confermato'', ha affermato il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, nel corso della conferenza stampa.

Dieci miliardi sono stati destinati alla conferma del taglio del cuneo, 4,5 miliardi all'accorpamento delle aliquote Irpef, 5 miliardi al rinnovo dei contratti della pa ed altre risorse per la guerra in Ucraina e il rifinanziamento delle missioni all'estero (1,2 miliardi circa); c'è poi il rifinanziamento degli sgravi su fringe e premi di produttività, ha fatto sapere ancora il ministro.

Le parole di Giorgia Meloni

Si tratta di una manovra da "24 miliardi o poco meno, frutto per 16 miliardi di extragettito e per il resto di tagli di spese. La considero molto seria, molto realistica, che non disperde risorse ma le concentra su alcune grandi priorità, continuando a seguire una visione che questo governo ha messo in campo da inizio mandato", ha detto la premier Giorgia Meloni, parlando in conferenza stampa.

Si inserisce in un "quadro abbastanza complesso" ma nonostante questo il Cdm è riuscito "a confermare delle priorità: la prima è difendere il potere d'acquisto delle famiglie, ovvero più soldi in busta paga per i cittadini con redditi medio bassi", ha aggiunto.

"Per la sanità la priorità è l'abbattimento liste d'attesa. Con 136 miliardi di euro di quest'anno raggiungiamo il più alto investimento mai previsto per la sanità. Nel 2019 il fondo era di 115 miliardi, negli anni covid tra i 122 e i 127 miliardi", ha detto riferendosi alle polemiche sui tagli alla sanità. "Si tratta di tre miliardi in più di quanto previsto -ha aggiunto - Nei giorni scorsi ho sentito che noi avremmo tagliato i fondi per la sanità. Le bugie non corrispondono alla realtà delle cose".

Ci sono "aumenti contrattuali per il pubblico impiego, sono 7 miliardi per gli aumenti contrattuali, oltre 2 per la sanità, 5 per i restanti settori". E nella nuova legge di bilancio "non confermiamo il taglio dell'Iva per i prodotti della prima infanzia perché è stato assorbito dagli aumenti di prezzo e non penso valga la pena rinnovare questa misura", mentre "continuiamo a lavorare sul congedo parentale", rafforzandolo.

Tre aliquote Irpef

In particolare "per l'anno 2024", fino a 28.000 euro di reddito l'aliquota è del 23%, tra i 28.000 euro e fino a 50.000 euro è al 35% e oltre i 50.000 euro è 43%. Nel 2024 la detrazione prevista per i redditi da lavoro fino a 8mila euro è innalzata a 1.955 euro dai precedenti 1.880, si legge nel testo.

L'accorpamento delle prime due aliquote Irpef comporta secondo le stime del governo una variazione di gettito Irpef di competenza 2024 di -4.110,9 milioni di euro e addizionali regionale e comunale rispettivamente di -28,2 e -10,8 milioni di euro, per una variazione totale di circa -4.149,9 milioni di euro. Si stima inoltre una variazione di Trf di circa -52,6 milioni di euro.

Per i contribuenti con reddito complessivo superiore a 50mila euro, il taglio delle detrazioni sarà di 260 euro. "Ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, per i contribuenti titolari di un reddito complessivo superiore a euro 50.000 l’ammontare della detrazione dall’imposta lorda, spettante per l’anno 2024 in relazione ai seguenti oneri è diminuito di un importo pari a euro 260", si legge nello schema del decreto legislativo.

Coinvolti quasi 25 milioni di contribuenti

La norma, si legge nello schema del decreto, riducendo l’aliquota dello scaglione compreso tra 15.000 e 28.000 euro, determina una riduzione del carico fiscale per tutti i soggetti con redditi superiori a 15.000 euro. Incrementando, inoltre, la detrazione per lavoro dipendente da 1.880 a 1.955 euro fino a 15.000 euro di reddito, il carico fiscale è ridotto anche per i lavoratori dipendenti con reddito al di sotto di tale soglia. L’effetto stimato per tali modifiche, relativamente all’Irpef e alle addizionali locali, è complessivamente di circa -4.594,1 milioni di euro (di cui -4.554,9 milioni di euro di Irpef e -28,4 e -10,8 rispettivamente di addizionale regionale e comunale). L’effetto complessivo, si aggiunge, in materia di detrazioni citate risulta pari a 444,2 milioni di euro (di cui 443,9 milioni di euro di Irpef e 0,2 e 0,1 rispettivamente di addizionale regionale e comunale). Sulla base di quanto esposto, si stima una variazione di gettito Irpef di competenza 2024 di -4.110,9 milioni di euro e addizionali regionale e comunale rispettivamente di -28,2 e -10,8 milioni di euro, per una variazione totale di circa -4.149,9 milioni di euro. Si stima inoltre una variazione di Tfr di circa -52,6 milioni di euro.

Sale al 20% deduzione nuove assunzioni stabili

Salgono al 20% le deduzioni fiscali per le nuove assunzioni a tempo indeterminato. Per il periodo d'mposta successivo al 31 dicembre 2023 "il costo del personale di nuova assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato è maggiorato, ai fini della determinazione del reddito, di un importo pari al 20%", si legge nello schema del decreto legislativo. L’agevolazione spetta ai soggetti che hanno esercitato l’attività nel periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2023 per almeno un anno e non spetta alle società e agli enti in liquidazione ordinaria, assoggettati a liquidazione giudiziale o agli altri istituti liquidatori relativi alla crisi d’impresa.

Salgono sconti assunzioni stabili donne, giovani e lavoratori Sud

Sconto superiore al 20% per l'assunzione a tempo determinato di lavoratori svantaggiati, disabili, donne con almeno due figli minorenni o disoccupate, giovani, lavoratori del Sud ed ex Rdc. Per le categorie in questione la maggiorazione della deduzione del 20% per le assunzioni a tempo indeterminato è moltiplicato per coefficienti di maggiorazione, si legge nella bozza, spiegando che la determinazione dei coefficienti di maggiorazione non eccederà il 10 per cento del costo del lavoro sostenuto dalle categorie interessate.

No tax area lavoro dipendente sale a 8.500 euro

Si amplia fino a 8.500 euro la soglia di no tax area prevista per i redditi di lavoro dipendente che viene parificata a quella già vigente a favore dei pensionati.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza