cerca CERCA
Martedì 16 Aprile 2024
Aggiornato: 12:54
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pensioni medici, Durigon: "Su tagli possibili correzioni con maxiemendamento"

02 novembre 2023 | 12.41
LETTURA: 2 minuti

Il sottosegretario al lavoro apre alla possibilità che il governo corregga la manovra di bilancio. Ma su protesta i medici non tornano indietro: "Per stop sciopero incentivi e ritiro norme killer"

Claudio Durigon - (Fotogramma)
Claudio Durigon - (Fotogramma)

Il governo apre alla possibilità di una correzione alla manovra 2024 di bilancio sul capitolo pensioni e sulla modifica del rendimento della quota contributiva prevista anche per la Cassa pensione sanitari. “La norma inserita spinge i medici e andare in pensione subito. C’è la possibilità di correggerla, non ci saranno emendamenti, ma come Governo possiamo, in qualche modo ed a saldi invariati, cercare di gestire questa situazione", ha detto Claudio Durigon, sottosegretario al Lavoro , a 24 Mattino su Radio 24, spiegando che "se c'è la necessità per correggere alcune cose faremo un maxi-emendamento". "Come sempre accade se c’è qualche cosa da cambiare. Limare, sistemare norme, abbiamo fatto tante finanziarie e sappiamo che questo può avvenire”, ha aggiunto.

Sulla questione del taglio delle pensioni dei medici del Servizio sanitario nazionale è intervenuto anche il vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Luciano Ciocchetti (Fdi). "Si lavora ad una soluzione, perché non possiamo permetterci che altri medici vadano via. In più, i benefici di questo provvedimento si avrebbero solo tra molti anni. Sul problema c'è un'interlocuzione tra i ministeri della Salute, del Lavoro e la Ragioneria dello Stato. C'è la volontà di correggere e si potrebbe farlo con un maxi-emendamento, ma sappiamo anche che dovremo trovare le coperture che sono necessarie, perché ogni modifica dovrà essere fatto senza scostamenti di spesa. Sono però fiducioso", ha detto all'Adnkronos Salute.

Medici: "Per stop sciopero incentivi e ritiro norme killer su pensioni"

Ma la possibilità del maxiementamento annunciata da Durigon non soddisfa Pierino di Silverio, segretario nazionale Anaao Assomed, per il quale il ritiro dello stato di agitazione già proclamato e dell'annunciato sciopero dei medici del Servizio sanitario e dei dirigenti sanitari, "è possibile solo a fronte di un riconoscimento economico per i professionisti e del ritiro delle 'norme killer' sul taglio delle pensioni". "Senza questi due elementi non torneremo indietro", ha detto all'Adnkronos Salute.

"Il maxi emendamento - continua Di Silverio - non può prescindere da un ulteriore finanziamento anche per il personale medico in ordinario, risorse necessarie che noi non vediamo". Quella sulle pensioni, continua il leader sindacale, "sarebbe sicuramente una correzione apprezzata di un abominio che in questo momento è presente. Purtroppo non basta per ridare la dignità e la speranza ai medici. Ci aspettiamo, quindi, oltre al ritiro dei tagli alle pensioni - sottolinea - un segnale economico che vada nella direzione del riconoscimento professionale dei dirigenti medici e sanitari". E' "quello che abbiamo sempre chiesto: un segnale, risorse. In manovra invece ci sono solo briciole per la sanità. Vogliono rendere davvero appetibile il lavoro dei medici nel servizio pubblico? Il Governo lo dimostrasse concretamente", conclude.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza