cerca CERCA
Lunedì 04 Marzo 2024
Aggiornato: 07:08
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Per le aziende gli obiettivi di sostenibilità sono una priorità

19 maggio 2023 | 18.01
LETTURA: 3 minuti

La terza edizione dell’Honeywell Environmental Sustainability Index evidenzia l’importanza delle iniziative ambientali rispetto anche alla trasformazione digitale e alle performance finanziarie

Per le aziende gli obiettivi di sostenibilità sono una priorità

Per le aziende gli obiettivi di sostenibilità sono una priorità. Lo conferma la terza edizione dell’Honeywell Environmental Sustainability Index, che viene redatto ogni tre mesi da Honeywell in collaborazione con The Futurum Group per offrire un metro di paragone dei progressi e del sentiment legato alle iniziative in ambito ES (Environmental Sustainability) nel mondo.

L’Honeywell ESI relativo al primo trimestre del 2023 ha coinvolto 751 professionisti in ambito business, tecnologia e sostenibilità direttamente coinvolti nella pianificazione, nello sviluppo e nella misurazione delle azioni in ambito ES prese dalle proprie organizzazioni. Include il Sentiment Index ma anche una misurazione della percezione su quanto hanno avuto successo tali iniziative, nonché una previsione per il futuro.

Nove i macro settori analizzati dal Sustainability Index: Priorità di Business e Sostenibilità, Approccio alla Sostenibilità, Sentiment per l’anno precedente, Sentiment per quello in corso, Sentiment con target 2030, Transizione energetica ed Efficientamento, Riduzione elle Emissioni, Prevenzione dell’inquinamento, Circolarità e Riciclo.

Il Sentiment Index: gli obiettivi di sostenibilità continuano a guidare le aziende

Il Sentiment Index misura la percezione di quanto bene le organizzazioni hanno performato nel raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità nell’anno precedente e le aspettative per l’anno futuro.

Gli obiettivi di sostenibilità continuano a guidare le iniziative corporate. In particolare, il 75% dei professionisti coinvolti nell’indagine cita la sostenibilità come prioritaria su tutto nei prossimi 6 mesi, sopra anche alla trasformazione digitale (56%), alle performance finanziarie e alla crescita (entrambe 47%). Un trend che prosegue dai due precedenti trimestri e che vede anzi una crescita, dato che la precedente percentuale si attestava al 71%.

Tra i vari obiettivi di sostenibilità, il più importante per le aziende è Transizione energetica ed Efficientamento (79%), seguito da Riduzione elle Emissioni (66%), Prevenzione dell’inquinamento (61%), Circolarità e Riciclo (65%). Anche in questo caso prosegue il trend evidenziato nei precedenti trimestri.

E che si conferma nel Sentiment per il futuro a breve e lungo termine: Transizione energetica ed Efficientamento è al top degli obiettivi aziendali sia per i prossimi 6 mesi (64%) sia con target 2030 (88%). Dietro, Riduzione elle Emissioni (48% sui sei mesi, 82% al 2030), Prevenzione dell’inquinamento (38% sui sei mesi, 79% al 2030), Circolarità e Riciclo (34% sui sei mesi, 83% al 2030).

Si tratta di medie che sintetizzano differenze anche grosse tra le aree geografiche: sono soprattutto le aziende dell’area Asia Pacifico quelle che prioritizzano al primo posto gli obiettivi di sostenibilità.

Quali sono gli ostacoli al raggiungimento degli obiettivi ES per le aziende?

Nel raggiungimento dei propri obiettivi in materia di sostenibilità, le aziende incontrano alcune difficoltà. In testa nelle risposte degli intervistati ci sono lo scenario economico e geopolitico, seguito dalle problematiche connesse alla pandemia da Covid. Ma non trascurabile è anche la disponibilità delle risorse, di budget e non solo, e gli aspetti politici e regolatori. Importanti anche la reperibilità di esperti in materia, la catena di approvvigionamento, la leadership interna, i partner e i fornitori.

Ottimismo ma in calo chi pensa di aumentare gli investimenti

Nonostante le difficoltà, comunque, quasi la totalità delle aziende (92%) ritiene di aver conseguito in tutto o in grossa parte i propri obiettivi ES, in tutte le categorie dell’analisi, negli ultimi 12 mesi. C’è ottimismo anche pensando alla raggiungibilità degli obiettivi a breve termine (per il 76% degli intervistati, come nel precedente report), e a lungo termine (in crescita dal 75% a 77%).

Ma se da una parte le imprese continuano a pianificare investimenti in sostenibilità, dall’altra si prevede in misura minore del precedente report. Infatti, nel primo trimestre del 2023 l’87% delle aziende intendeva aumentare gli investimenti in iniziative di sostenibilità, mentre in quello in corso la percentuale scende all’83%; una discesa confermata anche dall’aumento di chi pensa di mantenere gli stessi livelli di investimenti (dal 13% all’11%) e di chi intende ridurli (dal 2% al 3%, cifra che rimane del tutto minoritaria).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza