cerca CERCA
Martedì 16 Aprile 2024
Aggiornato: 16:30
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Water Neutrality, cos’è e come può essere raggiunta

17 aprile 2023 | 11.17
LETTURA: 3 minuti

Non solo emissioni di CO2, le aziende hanno un impatto fondamentale anche sull'acqua. Come fare per rendere più equo e sostenibile l'uso della risorsa idrica?

Water Neutrality, cos’è e come può essere raggiunta

Se il concetto di carbon neutrality è sempre più di pubblico dominio, forse non tutti conoscono quello di water neutrality. Nel primo caso si tratta di neutralità di emissioni di CO2, quindi di emissioni nette di gas serra pari a zero, mentre con water neutrality si intende l'annullamento del bilancio netto dell'impronta idrica di un'azienda ovvero dall'impatto derivante dall'uso e dal deterioramento delle acque. Impatto che oggi ha una portata ancora maggiore, considerando la crisi idrica mondiale che stiamo vivendo e che necessita di interventi immediati ed efficaci su scala globale. “La scarsità di acqua sta diventando endemica”, lo riporta anche il rapporto dell'Onu presentato in occasione della Conferenza della Nazioni Unite sull'acqua che si è svolta a New York dal 22 al 24 marzo 2023, un momento cruciale di discussione sulle misure per intervenire e affrontare le grandi sfide riguardanti la risorsa idrica. Tra queste, ricordiamo l'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 6 dell'Agenda 2030 dell'Onu che dovrebbe garantire l'accesso all'acqua pulita, servizi igienici e sanitari per tutti. Traguardi ambiziosi specie considerando che secondo “The United Nations World Water Development Report 2023” nel mondo circa 2 miliardi di persone non hanno acqua potabile e 3,6 miliardi non hanno accesso a servizi igienici gestiti in modo sicuro.

Dunque, la neutralità idrica mira in definitiva a rendere più sostenibile ed equo l'utilizzo di una risorsa preziosa e sempre più scarsa. Per ottenere l'azzeramento dell'impronta idrica serve un piano di azioni mirate a una migliore gestione della risorsa, attraverso la riduzione del consumo e il deterioramento dell'acqua necessaria alle attività aziendali. Oggi non è più pensabile operare sfruttando l'elemento liquido e restituirlo all'ambiente deteriorato, ma appare necessario integrare nei processi aziendali tecnologie in grado di utilizzare meglio l'acqua sia in ottica di risparmio che maggiore circolarità. Un altro passo importante è la compensazione per la quota di acqua che non può essere ridotta attraverso misure dirette effettuate specificamente sul territorio interessato dall'attività produttiva. In definitiva servirebbero interventi che generino risparmi idrici proporzionali alla quota da compensare. Ma quando si può affermare che un'organizzazione è water neutral? In presenza di due requisiti fondamentali: il primo è l'implementazione di tutto ciò che è in suo potere per ridurre l'impronta idrica, il secondo è la predisposizione di investimenti efficaci per la compensazione dell'impronta idrica residua.

Ancorché in tema di standard riconosciuti a livello internazionale per ottenere la water neutrality ci sia ancora molto da fare, ad esempio in termini di misurazione dell'impatto sulla risorsa idrica, la società di consulenza ambientale e strategica Studio Fieschi ha elaborato cinque step che possono agevolare la transizione verso la neutralità idrica: la definizione dei confini aziendali nei quali si applica l'implementazione della metodologia; la misurazione dei consumi idrici e del deterioramento delle acque derivante dalle attività di un'organizzazione; l'analisi della water footprint con riferimento alla ISO 14046 on Water Footprint Assessment; la definizione delle azioni necessarie alla riduzione e alla compensazione degli impatti idrici, con precisi programmi di miglioramento da attuare entro scadenze prestabilite; il monitoraggio delle azioni, la misurazione dei miglioramenti e del raggiungimento degli obiettivi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza