cerca CERCA
Domenica 19 Maggio 2024
Aggiornato: 20:08
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Zaporizhzhia e il rischio nube radioattiva, ecco dove andrebbe: gli scenari

L'analisi dell'Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare

La centrale di Zaporizhzhia  - Afp
La centrale di Zaporizhzhia - Afp
08 aprile 2024 | 18.19
LETTURA: 3 minuti

"Una nube radioattiva rilasciata dagli impianti di Zaporizhzhia rimarrebbe circoscritta al territorio ucraino, lambendo la linea di confine con la Federazione Russa". Questo quanto emerge dagli strumenti di analisi previsionale in dotazione dell’Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare (Isin), che sta valutando l’evoluzione di "ipotetici rilasci di sostanze radioattive sulla base dei venti prevalenti".

A seguito dell’attacco di droni alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, annunciato ieri dal dg della Iaea Rafael Mariano Grossi, l’Ispettorato, "sta infatti monitorando la situazione presso il sito ucraino".

Fa sapere l'Ispettorato che, "secondo le ultime simulazioni, condotte con il sistema Aries del Centro Emergenze di Isin, un’eventuale nube di radioattività si sposterebbe, nelle prime 24 ore dal rilascio ipotizzato alle ore 12 di oggi, in direzione ovest investendo le regioni ucraine di Zaporizhzhia, Kherson, Mykolaiv, Odessa (parzialmente) e Kirovohrad. Successivamente, la nube virerebbe repentinamente verso nord, nord-est interessando le regioni ucraine di Poltava, Dnipropetrovsk, Kharkiv e, molto marginalmente, Sumy". In ogni caso, "al momento non vi sono indicazioni di danni alla sicurezza nucleare del sito", spiega ancora l'Isin.

"Per quanto riguarda la sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia, la Iaea rende noto che, dopo aver ricevuto informazioni sugli attacchi dei droni, gli esperti dell’Agenzia presenti sul posto hanno preso visione dell’impatto fisico delle detonazioni: in uno dei sei edifici reattore sono state prese di mira le apparecchiature di sorveglianza e comunicazione e una detonazione ha interessato, in particolare, l’Unità 6 - dice Isin -. Al momento non vi sono indicazioni di danni alla sicurezza nucleare del sito. Anche se finora non è stato osservato alcun danno strutturale a sistemi, strutture e componenti importanti per la sicurezza nucleare o l'incolumità dell'impianto, gli esperti della Iaea riferiscono di aver individuato danni superficiali sulla parte superiore del tetto della cupola del reattore dell'Unità 6 nonché rigature su una parete di cemento che fa da sostegno ai serbatoi di stoccaggio dell'acqua primaria di reintegro".

L’Ispettorato sta monitorando "h 24 la situazione radiologica sul territorio nazionale, anche grazie alle stazioni di monitoraggio ad alto volume, in grado di rilevare la presenza di radioattività in tracce. In particolare, ad oggi la Stazione di Sgonico (TS) che copre il versante nord-est del confine nazionale non ha rilevato alcuna variazione dei normali livelli di radioattività ambientale". In costante contatto con il Dipartimento della Protezione Civile, l’Isin si avvale inoltre dei circuiti internazionali di emergenza per ottenere informazioni aggiornate tempestivamente.

Grossi: "Attacco azione gravissima"

L'attacco con i droni alla centrale nucleare è "un'azione gravissima, un attacco militare diretto, la comunità internazionale e noi come Aiea dobbiamo avere una risposta chiara", ha detto, intervistato da RaiNews24, il direttore generale Aiea Grossi, spiegando che nei prossimi giorni riferirà a riguardo al Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

"Per la prima volta del novembre 2022 questa centrale, che è la più grande nucleare d'Europa, è stata direttamente presa di mira in un'azione militare che rappresenta anche una chiara violazione dei principi fondamentali della protezione, 3 droni hanno colpito la centrale, uno ha colpito il tetto dei reattori", ha detto ancora il capo dell'Aiea che, di fronte alle "accuse incrociate" tra russi e ucraini, ha ribadito "che abbiamo avuto un attacco, un attacco reale e questo non può accadere".

"Noi siamo in grado di capire che questo è stato un attacco reale non è una situazione montata o fake, è una situazione reale, per questo mi preoccupa tanto, siamo in grado di misurare il danno", ha detto ancora, riferendosi informazioni che arrivano dai suoi osservatori, e sottolineando che "installazioni di comunicazione sono state prese di mira, apparecchiature di sorveglianza".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza