cerca CERCA
Venerdì 19 Aprile 2024
Aggiornato: 14:11
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Bollette gas, "con ritorno Iva e oneri spesa fino a 205 euro"

22 settembre 2023 | 15.32
LETTURA: 2 minuti

Le stime di Facile.it nell'ipotesi in cui il governo non dovesse rinnovare le misure contro il caro bollette

Bollette del gas, aumenti in arrivo? - 123RF
Bollette del gas, aumenti in arrivo? - 123RF

Bollette del gas, aumenti in arrivo? E di quanto? A fine mese scadrà infatti l'azzeramento degli oneri di sistema e l'Iva agevolata al 5%. E, secondo le stime di Facile.it, se il governo non dovesse rinnovare le due misure la spesa per una famiglia tipo potrebbe aumentare fino a 205 euro su base annua, con un rincaro fino al 16%. E' quanto spiega il portale che ha preso in esame le tariffe in vigore nel mercato tutelato a settembre 2021, le ultime prima dell’azzeramento; all’epoca, questa voce di spesa era pari, su una bolletta tipo, a 5,6 centesimi per smc.

Le stime

Se gli oneri tornassero nella stessa misura di allora, l’aumento per una famiglia tipo sarebbe di 41 euro su base annua, con un incremento di circa il 3% rispetto ad oggi. Se, oltre agli oneri, anche l’Iva tornasse alla sua aliquota originale, vale a dire 10% per consumi fino a 480 smc e 22% per quelli superiori, l’aggravio complessivo sarebbe di 205 euro su base annua. La stima sull’Iva è basata sul Pun rilevato ad agosto 2023; qualora questo dovesse crescere, il peso in valori assoluti dell’imposta sarebbe superiore.

"Oggi il prezzo del gas è nettamente inferiore rispetto al 2022, ma le bollette rimangono comunque elevate se paragonate a quelle degli anni precedenti; la fine delle misure introdotte dal Governo andrà certamente a pesare sulle tasche di molte famiglie italiane», spiega Gabriele Airoldi, BU Director Gas&Power di Facile.it. «Il consiglio per i consumatori è, come sempre, di fare attenzione agli sprechi e di ridurre, laddove possibile, i consumi, anche in vista della stagione invernale quando i prezzi del gas potrebbero tornare ad aumentare. Fondamentale, inoltre, scegliere con attenzione il proprio fornitore, soprattutto per chi è ancora nel mercato tutelato; la fine del regime di tutela si avvicina e, salvo ulteriori rinvii, è prevista per gennaio 2024; il suggerimento per chi ancora non l’ha fatto è di muoversi per tempo nella scelta del nuovo contratto".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza