cerca CERCA
Domenica 25 Febbraio 2024
Aggiornato: 01:07
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Stangata d'autunno: 1.600 euro a famiglia per benzina, mutui, bollette

02 settembre 2023 | 19.36
LETTURA: 3 minuti

Le stime di Assoutenti per i prossimi mesi

Un distributore di benzina - (Fotogramma)
Un distributore di benzina - (Fotogramma)

Bolletta della luce e del gas, spesa al supermercato, mutuo, benzina e diesel: "Gli italiani vanno incontro ad una stangata d'autunno da complessivi 1.600 euro a famiglia". Lo afferma Assoutenti che, alla luce del nuovo andamento di inflazione e carburanti, ha aggiornato le stime sulle spese che attendono le famiglie da settembre fino a fine anno, prendendo in esame una serie di voci che pesano sul bilancio delle famiglie.

Oggi i prodotti alimentari nel loro insieme, rileva l'associazione dei consumatori, "costano il 10,1% in più rispetto allo scorso anno, un trend che se dovesse confermarsi anche nei prossimi mesi porterebbe la spesa per cibi e bevande di una famiglia 'tipo' a salire nel periodo settembre-dicembre di ben +190 euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno".

A settembre riaprono poi le scuole, e già, sottolinea Assoutenti, "si preannuncia un salasso sulla spesa legata al materiale scolastico: i prodotti di cartoleria registrano un incremento attorno al +9% su base annua, a causa dei rincari delle materie prime e dei maggiori costi di produzione. Una famiglia che deve acquistare da zero per il proprio figlio tutto il corredo per l'intero anno scolastico (zaino, diario, astuccio, penne, matite, quaderni, ecc.) si ritrova così a spendere circa 50 euro in più rispetto al 2022, a cui si dovranno aggiungere i rincari per i libri di testo (la cui spesa totale a studente varia dai 300 euro della prima media ai 600 euro del liceo, compresi i dizionari). Su tale fronte gli aumenti vanno da un minimo del 4% a un massimo del 12%, con la spesa media per i testi scolastici che sale di circa 45 euro rispetto allo scorso anno, e un aggravio totale per la voce “scuola” pari a +95 euro a studente".

Più caro anche spostarsi in auto: considerati i prezzi medi mensili dei carburanti forniti dal Mase, nel periodo settembre-dicembre 2022, sottolinea l'associazione dei consumatori, "il prezzo della benzina si è attestato a una media di 1,679 euro al litro, mentre oggi un litro di verde costa in media 1,947 euro al litro. Se i listini alla pompa dovessero mantenersi ai livelli attuali, la spesa per i rifornimenti, ipotizzando due pieni al mese a famiglia, salirebbe nell'ultimo quadrimestre per un totale di 107 euro a nucleo rispetto a quanto speso negli stessi 4 mesi del 2022".

Si riaccende poi l'allarme sulle bollette energetiche: in base alle previsioni degli analisti, osserva, "le tariffe elettriche dovrebbero salire tra il +7% e il +10% nel prossimo trimestre, quelle del gas per il mese di agosto attorno al +2%. Considerando solo l'aumento della luce che interesserà il prossimo trimestre (e in attesa di conoscere l'andamento del gas nel periodo settembre-dicembre) un incremento delle tariffe del 10% equivarrebbe ad una maggiore spesa pari a +16,1 euro a famiglia solo nell'ultimo trimestre dell'anno (ottobre, novembre e dicembre)".

Va peggio sul fronte dei mutui osserva Assoutenti: "A settembre, ottobre e dicembre sono previste le riunioni mensili della Bce nel corso delle quali, come già annunciato dalla presidente Lagarde, saranno disposti ulteriori rincari dei tassi di interesse, dopo l'ultimo aumento deciso a luglio. Oggi un mutuo a tasso variabile dell'importo medio di 125mila euro a 25 anni (la categoria di finanziamento per acquisto prima casa più diffusa in Italia) costa in media il 60% in più rispetto a inizio 2022, con la rata mensile salita in media di circa 270 euro. Ipotizzando un ritocco dei tassi dello 0,25% in tutte e tre le riunioni Bce, la spesa per le rate mensili del periodo settembre-dicembre risulterebbe più cara complessivamente di circa +1.170 euro rispetto al 2022".

Infine, rileva l'associazione dei consumatori, "sarà più caro anche mangiare nei ristoranti e consumare nei bar, considerati i rincari scattati nei locali pubblici di tutta Italia: in questo comparto l'aggravio di spesa sarà di circa +28 euro a famiglia in 4 mesi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza