cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 07:56
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Biden "anziano con poca memoria", nessuna incriminazione per documenti top secret

Nel rapporto del procuratore speciale che raccomanda di non intraprendere azioni penali contro il presidente Usa, la descrizione che fa protestare la Casa Bianca. Biden si difende, ma casca in una gaffe su al-Sisi "presidente del Messico"

Joe Biden - Afp
Joe Biden - Afp
09 febbraio 2024 | 06.48
LETTURA: 4 minuti

"La nostra indagine ha scoperto prove che il presidente Biden volontariamente conservò materiale classificato dopo la sua vice presidenza quando era un privato cittadino". E' quanto si legge nel rapporto presentato dal procuratore speciale, Robert Hu, che ha indagato sui documenti top secret trovati in un ufficio e in una casa del presidente, dopo che era scoppiato lo scandalo per le carte segrete di Donald Trump, vicenda per la quale l'ex presidente è stato incriminato dal procuratore speciale Jack Smith.

Hu però non raccomanda nessuna azione penale contro il presidente, affermando che "abbiamo concluso che le prove non stabiliscono che Biden sia colpevole aldilà di ogni ragionevole dubbio". Tra il materiale ritrovato in suo possesso "documenti sulla politica militare ed estera in Afghanistan" e "appunti scritti a mano su questioni di sicurezza nazionale e politica estera che coinvolgevano fonti e metodi segreti di intelligence", si legge nel rapporto di 388 pagine che oggi è stato reso pubblico dopo che la Casa Bianca non ha chiesto nessuna limitazione.

"L'incriminazione di Mr Biden non è richiesta anche sulla base della considerazioni di aggravanti ed attenuanti", afferma ancora Hur, in riferimento al fatto che, a differenza di Trump, Biden consegnò immediatamente le carte segrete una volta che erano stata trovate dal suo staff.

Il presidente Usa "soddisfatto"

"Il procuratore speciale ha pubblicato oggi i risultati dell'inchiesta sulla mia gestione dei documenti classificati: sono soddisfatto di vedere che ha raggiunto le conclusioni che sin dall'inizio sapevo che avrebbe raggiunto: che non ci saranno incriminazioni e che il caso ora è chiuso", le parole Biden.

"E' stata un'inchiesta esaustiva che è andata indietro 40 anni, io ho collaborato completamente, senza creare nessun ostacolo, nessun ritardo", aggiunge il presidente rivelando di essersi sottoposto a "cinque ore di interrogatorio in persona, l'8 e il 9 ottobre dello scorso anno, anche se Israele era stato appena attaccato ed ero nel mezzo della gestione di una crisi internazionale".

La descrizione: "Uomo anziano con problemi di memoria". Casa Bianca protesta

"Un uomo anziano, disponibile e ben disposto, con problemi di memoria". Così il procuratore descrive tuttavia Biden nel rapporto, evidenziando di aver verificato che, durante il suo colloquio di 5 ore lo scorso ottobre con il presidente, che la sua memoria ha "significative limitazioni". Parole che possono essere molto pericolose per la campagna per la rielezione dell'81enne presidente, tanto che è subito scattata la protesta della Casa Bianca.

"Siamo in disaccordo con diversi commenti inaccurati e non appropriati del rapporto del procuratore speciale", ha dichiarato il consigliere legale del presidente Richard Sauber. Nel rapporto si descrive un Biden che non ricorda con precisione gli anni in cui è stato vice presidente e l'anno in cui è morto il figlio, Beau Biden. Inoltre si afferma che la "memoria è apparsa confusa" quando hanno parlato di Afghanistan.

Biden si difende: "Mia memoria è buona". Poi la gaffe su al-Sisi "presidente messicano"

''La mia memoria è buona'' e se ci sono stati eventuali errori, in passato, era perché ''ero nel bel mezzo di una crisi internazionale''. Così il presidente degli Stati Uniti respinge la descrizione. Nel corso di una conferenza stampa convocata alla Casa Bianca per difendersi, però, Biden 'scivola' su Abdel Fattah al-Sisi parlando di lui come ''il presidente del Messico'', e non dell'Egitto qual è, rispondendo a una domanda sugli aiuti umanitari alla popolazione della Striscia di Gaza.

''Penso, come sapete, che inizialmente il presidente del Messico al-Sisi non voleva aprire il valico (di Rafah, ndr) per permettere l'ingresso di materiale umanitario'' nella Striscia di Gaza, ha detto Biden. ''Gli ho parlato. L'ho convinto ad aprire il valico'', ha proseguito il presidente americano. Ma non è la prima volta che Biden confonde due leader. Domenica scorsa, infatti, Biden ha confuso il presidente francese Emmanuel Macron con l'ex presidente francese François Mitterrand, morto nel 1996, come ha riferito The Hill.

Rispondendo a una domanda di un giornalista che chiedeva a Biden ''quanto è cattiva la sua memoria e come può continuare a fare il presidente?'', l'inquilino della Casa Bianca ha detto: "La mia memoria è così pessima che ti ho lasciato parlare''. A un altro giornalista che ha chiesto a Biden se la sua memoria fosse peggiorata, lui ha risposto ''la mia memoria sta bene. Guardate quello che ho fatto da quando sono diventato presidente. Nessuno di voi pensava che riuscissi a fare ciò che ho fatto''.

In merito alla descrizione che ha fatto di lui il procuratore speciale Hur, Biden ha risposto che ''sono un uomo con buone intenzioni. E sono un uomo anziano. So cosa sto facendo. Sono stato presidente, ho rimesso in piedi questo paese. Non ho bisogno dei suoi consigli''. Biden si è detto inoltre lieto che Hur "abbia concluso che nessuna accusa dovrebbe essere mossa contro di me in questo contesto".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza