cerca CERCA
Lunedì 17 Giugno 2024
Aggiornato: 03:00
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Google, si dimette il 'padrino' dell'IA: "Tecnologia spaventosa"

La decisione di Geoffrey Hinton "per parlare dei pericoli della tecnologia che ha contribuito a sviluppare, senza considerare l’impatto sull'azienda"

(Foto 123RF)
(Foto 123RF)
02 maggio 2023 | 10.44
LETTURA: 1 minuti

Geoffrey Hinton, l'uomo considerato il 'padrino' dell'intelligenza artificiale, ha lasciato Google per parlare dei "pericoli" della tecnologia che ha contribuito a sviluppare. "Me ne sono andato per poter parlare dei pericoli dell’IA senza considerare l’impatto sul'azienda", ha dichiarato Hinton in un tweet. "Google ha agito in modo molto responsabile".

Hinton è stato un pioniere dell'intelligenza artificiale. Nel 2012, insieme a due dei suoi studenti laureati presso l'Università di Toronto, ha sviluppato le reti neurali, creando una tecnologia che è diventata la base intellettuale per i sistemi di intelligenza artificiale che alimentano molti dei prodotti odierni.

Ha lavorato part-time a Google per un decennio sullo sviluppo dell'intelligenza artificiale del gigante tecnologico, ma da allora ha iniziato ad avere preoccupazioni sulla tecnologia e sul suo ruolo nel farla progredire. "Mi consolo con la solita scusa: se non l'avessi fatto io, qualcun altro lo avrebbe fatto", ha detto al New York Times, che è stato il primo a riportare la sua decisione.

Nell’intervista, Hinton ha ribadito che il pericolo di informazioni, video e immagini falsi, insieme all'interruzione del mercato del lavoro, sono i fattori chiave che rendono l'IA una "tecnologia spaventosa".

Jeff Dean, capo scienziato di Google, ha affermato che Hinton "ha fatto progressi fondamentali nell'intelligenza artificiale" e ha espresso apprezzamento per il "decennio di contributi di Hinton a Google". "Rimaniamo impegnati in un approccio responsabile all’IA", ha dichiarato Dean in una dichiarazione alla Cnn. "Stiamo imparando continuamente a comprendere i rischi emergenti e al contempo a innovare con coraggio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza