cerca CERCA
Giovedì 22 Febbraio 2024
Aggiornato: 06:00
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Israele-Hamas, Qatar: "Liberi 20 ostaggi nelle prossime 48 ore"

28 novembre 2023 | 07.15
LETTURA: 7 minuti

Cia e Mossad nell'emirato: obiettivo degli incontri è un accordo più ampio. Un nuovo gruppo di 11 ostaggi israeliani liberato ieri, rilasciati in cambio 33 palestinesi

Cartelli con le foto degli ostaggi israeliani rapiti da Hamas il 7 ottobre scorso - Afp
Cartelli con le foto degli ostaggi israeliani rapiti da Hamas il 7 ottobre scorso - Afp

Il ministero degli Esteri del Qatar afferma che sta lavorando per un cessate il fuoco permanente a Gaza e che "con certezza" 20 ostaggi israeliani di Hamas sono pronti per essere liberati nelle prossime 48 ore. "Stiamo lavorando per rafforzare il ruolo della mediazione del Qatar per raggiungere una tregua e poi il cessate il fuoco permanente - ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Majed al-Ansari - le priorità della mediazione sono donne e bambini, poi i maschi civili ed i militari".

Intanto i capi della Cia e del Mossad sono oggi in Qatar per un incontro con le autorità di Doha che mediano l'accordo. Secondo media israeliani e statunitensi, William Burns è arrivato nell'emirato, dove già si trova David Barnea. Il "Washington Post", citando tre fonti al corrente della missione, scrive che Burns vedrà il direttore del Mossad ed il premier del Qatar, Tamim bin Hamad al Thani, con l'obiettivo di arrivare ad un accordo più ampio tra Israele e Hamas, che garantisca il rilascio di altri ostaggi, anche uomini e militari, dopo che sono stati liberati donne e minori, e una pausa più lunga dell'operazione israeliana.

Secondo quanto riferisce il Post, Burns cercherà di spingere per allungare i tempi della tregua, sempre nel quadro dell'accordo con cui Israele chiede il rilascio di almeno 10 ostaggi per ogni giorno di stop dell'offensiva. In cima all'agenda del capo della Cia ci sono anche le pressione per il rilascio dei cittadini americani, si ritiene otto o nove, che sono ancora nelle mani di Hamas.

Da Langley si conferma che "il direttore Burns è a Doha per incontri sul conflitto tra Israele e Hamas, comprese discussioni sugli ostaggi". La nuova missione del diplomatico scelto da Biden per guidare la Cia conferma il ruolo di Burns come principale negoziatore Usa nella crisi degli ostaggi, soprattutto grazie ai suoi ampi contatti in Medio Oriente e gli ottimi rapporti con il Mossad. "Lo ascoltano e lo rispettano al massimo", affermano fonti informate che ricordano quanto Benjamin Netanyahu da parte sua dia ascolto al capo del Mossad, David Barnea.

"Barnea è la figura chiave per gli israeliani in questi negoziati, è quello autorizzato a parlare a nome del primo ministro", spiega Natan Sachs, analista israeliano della Brookings Institution, notando che invece questo non succede per il ministro degli Esteri Eli Cohen, cosa che in qualche modo quindi ha diminuito il ruolo di Antony Blinken in questi negoziati. "Il segretario di Stato sarebbe la controparte se il ministro degli Esteri israeliano avesse nel governo l'influenza che non ha", spiega.

Un aereo della Qatar Airways - che sabato scorso era già atterrato a Tel Aviv con a bordo una delegazione in arrivo da Doha - è intanto arrivato in Israele. Lo scrive il quotidiano Haartez, secondo cui la delegazione deve discutere i possibili sviluppi nei negoziati per il rilascio degli ostaggi israeliani, dopo l'estensione di due giorni della tregua annunciata ieri. Il ritorno della delegazione del Qatar ha un'importanza particolare dal momento che Israele e l'emirato non hanno rapporti diplomatici.

"Il Qatar è al lavoro con le parti interessate per ottenere un prolungamento della tregua", ha affermato al-Ansari, secondo quanto riporta al Jazeera, che nel corso di una conferenza stampa a Doha ha fatto il punto sugli sviluppi della guerra. Al-Ansari sottolinea che non può confermare il numero totale di ostaggi detenuti a Gaza. "Quello che possiamo solo dire con certezza è il numero di prigionieri che sono stati rilasciati", spiega.

"La priorità - rileva - in questo momento è che le donne e i bambini civili" vengano rilasciati. "Anche per gli ostaggi militari ci saranno discussioni", sottolinea Al-Ansari.

Il negoziato per il rilascio degli ostaggi rapiti dopo l'attacco di Hamas ad Israele lo scorso 7 ottobre "è stato difficile sotto tutti gli aspetti" ma "la parte più difficile è stata con Israele", ha detto ancora al-Ansari. "Ogni parte in causa ha le sue richieste e le sue riserve. Stiamo facendo del nostro meglio per sistemare le cose. Ma la parte più dura è stata Israele", spiega.

Tregua prorogata per 2 giorni

Come annunciato dal Qatar, Israele e Hamas hanno concordato una proroga di due giorni della tregua nella Striscia di Gaza. Secondo l'accordo, ha spiegato un alto funzionario israeliano alla Cnn, Hamas rilascerà altri 10 ostaggi per ogni giorno di cessate il fuoco. La tregua iniziale di quattro giorni, che avrebbe dovuto concludersi oggi, ha segnato la prima grande svolta diplomatica nel conflitto, portando uno stop temporaneo all'operazione israeliana nell'enclave palestinese e consentendo così il rilascio di alcuni ostaggi e prigionieri.

Ieri un nuovo gruppo di 11 ostaggi è stato intanto liberato ed è tornato in Israele: si tratta di israeliani con doppia cittadinanza, nove bambini e due donne, tutti residenti nel kibbutz Nir Oz, nel sud dello Stato ebraico e tutti in condizioni stabili, hanno riferito il ministero della Sanità e fonti dell'ospedale Ichlov, dove sono stati ricoverati ieri sera subito dopo la liberazione. "E' stata una notte emozionante e complessa allo stesso tempo", ha detto il dottor Ram Sagi, del ministero della Sanità, precisando che gli ostaggi "hanno incontrato lì le loro famiglie per la prima volta" dal 7 ottobre, e in ospedale "riceveranno cure mediche e psicologiche".

In seguito alla liberazione del gruppo di 11 ostaggi, 33 palestinesi sono stati rilasciati da diverse prigioni israeliane come Damon, Megiddo, Ofer, Ktzi’ot, Ramon e Nafha.

Israele ha intanto ricevuto una nuova lista di ostaggi nella Striscia di Gaza che saranno rilasciati oggi nell'ambito dell'accordo, riferisce il Times of Israel che cita l'ufficio del premier Benjamin Netanyahu, secondo cui i parenti degli ostaggi sono già stati informati del rilascio imminente. Il giornale sottolinea che non è chiaro quante persone verranno rilasciate, mentre altri media parlano di dieci ostaggi.

Gli ostaggi liberati da Hamas, i palestinesi rilasciati da Israele

Con i rilasci di lunedì, Hamas ha liberato finora 51 ostaggi, soprattutto donne e bambini. Israele ha liberato dal carcere 150 palestinesi, principalmente donne e minori, molto dei quali detenuti spiega la Cnn. Non tutti i 240 ostaggi rapiti lo scorso 7 ottobre, tuttavia, sono in mano ad Hamas: secondo la Cnn, tra i 40 e i 50 ostaggi sarebbero trattenuti dalla Jihad islamica palestinese o da altri gruppi militanti. E l'accordo sulla tregua prevede che Hamas, e non un altro gruppo, consegni le persone rapite.

Netanyahu: "Operazione riprenderà, non abbiamo altra scelta"

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha ribadito intanto che l'esercito dello Stato ebraico combatterà con "più forza" quando la tregua sarà finita.

"Alla fine dell'accordo, noi ritorneremo alla piena forza per raggiungere i nostri obiettivi: distruggere Hamas, assicurare che Gaza non ritorni a quello che era e naturalmente liberare tutti gli ostaggi. Sono sicuro che avremo successo in questa missione, perché non abbiamo altra scelta", ha spiegato il premier israeliano Benjamin Netanyahu al presidente Usa Joe Biden in un colloquio.

Blinken presto in missione in Medio Oriente

Nel frattempo, il segretario di Stato americano Antony Blinken si recherà questa settimana in Israele e in altre località del Medio Oriente per discuetere del sostegno al flusso di aiuti nell'enclave e del "futuro di Gaza" e della necessità di uno Stato palestinese indipendente.

A confermare la nuova missione del segretario di Stato Usa, il portavoce del dipartimento di Stato, Matthew Miller dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi: "In Israele e in Cisgiordania, il segretario Blinken discuterà del diritto israeliano di difendersi in modo coerente con il diritto umanitario internazionale, come dei continui sforzi per assicurare il rilascio degli altri ostaggi, della protezione dei civili durante le operazioni israeliane a Gaza e di accelerare l'assistenza umanitaria alla popolazione della Striscia". Il portavoce non ha indicato le date precise della missione del capo della diplomazia di Washington, che oggi e domani sarà a Bruxelles per la ministeriale della Nato e poi sarà in Nord Macedonia per un incontro con i colleghi dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce).

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza