cerca CERCA
Giovedì 30 Maggio 2024
Aggiornato: 18:45
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Israele-Hamas, Gaza e i tunnel: la guerra nel 'sottosopra'

Tunnel, cunicoli e bunker: sotto la Striscia la rete logistica e di comunicazione che Israele vuole colpire

Raid su Gaza - Afp
Raid su Gaza - Afp
12 ottobre 2023 | 09.47
LETTURA: 2 minuti

Caccia ai big di Hamas, Israele punta soprattutto ai tunnel creati nella Striscia di Gaza. L'esercito israeliano si prepara all'offensiva di terra con una strategia che il portavoce delle forze armate (Idf) illustra per sommi capi. "L'Idf dà priorità all'attacco contro i comandanti di Hamas. Attacchiamo quando abbiamo informazioni che indicano la posizione di un comandante di alto rango", dice il tenente colonnello Jonathan Conricus, aggiungendo che, da quando Hamas ha preso il controllo della Striscia di Gaza, ha costruito "una rete di tunnel sotto Gaza City fino a Khan Yunis e Rafah. Stiamo cercando di colpirla. Non è destinata all'ingresso di civili, non è un bunker per i cittadini di Gaza da utilizzare quando Israele attacca, è ad uso di Hamas e di altri terroristi in modo che possano continuare a lanciare missili e inviare terroristi". Cosa sono i tunnel di cui si parla? Come vengono realizzati? A cosa servono?

I tunnel di Hamas, la rete sotto Gaza

"Quella dei tunnel è una tattica impiegata soprattutto da organizzazioni di guerriglia e ibride, ma non necessariamente. Basti vedere come si è sviluppata la battaglia di Mariupol o di Avdiïvka in Ucraina: anche in questo caso sono estesi i sistemi di tunnel, postazioni e bunker sotterranei. E' chiaro che per organizzazioni come Hamas, che hanno un potenziale infinitamente minore rispetto alle Forze armate israeliane, questa tattica diventa centrale", spiega all'Adnkronos Pietro Batacchi, direttore della Rivista italiana Difesa (Rid).

"A ciò si aggiunge che Gaza è un'enclave completamente chiusa rispetto all'esterno, quindi per Hamas è una questione di vita - continua - E quando Israele ha distrutto i bunker, Hamas è sempre riuscito a ricostruirli in profondità e in maniera più efficiente di prima".

Anche nella guerra in Vietnam i Viet Cong usavano i tunnel: "Quella sotterranea è una delle dimensioni dell'arte militare: strategicamente, in un contesto come quello di Gaza, è ancora più pronunciata". Uno degli obiettivi annunciati da Israele, ricorda Batacchi, è proprio lo "smantellamento dell'infrastruttura sotterranea di Hamas, non solo tunnel ma vere e proprie installazioni che custodiscono capacità vitali per il movimento, il comando e controllo, ma anche il deposito di munizioni".

"Israele non ha alternative se non entrare a Gaza in profondità e in maniera duratura - conclude il direttore della Rivista italiana Difesa - E non è da escludere che sia Israele ad aprire un secondo fronte, anche al Nord, perché il deterrente israeliano, che è la stessa garanzia dell'esistenza dello Stato ebraico, è stato ridicolizzato il 7 ottobre (con l'attacco di Hamas ndr). Israele ha la necessità, dal punto di vista politico e strategico, di ricostituire questo deterrente".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza