cerca CERCA
Giovedì 18 Luglio 2024
Aggiornato: 05:11
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Navalny, "per 007 Usa Putin non ordinò la morte". La replica del Cremlino

La conclusione a cui è arrivata l'intelligence americana secondo quanto riferisce il Wall Street Journal. Scettiche sull'estraneità del presidente russo le agenzie europee

Alexey Navalny - Afp
Alexey Navalny - Afp
27 aprile 2024 | 08.13
LETTURA: 1 minuti

La morte del dissidente russo Alexey Navalny, avvenuta lo scorso febbraio in una colonia penale nell'Artico, probabilmente non fu ordinata direttamente dal presidente Vladimir Putin, nonostante le dure critiche mosse dall'oppositore al capo del Cremlino. E' la conclusione a cui è arrivata l'intelligence americana, secondo quanto riferisce il Wall Street Journal.

Nonostante le circostanze sospette della morte del leader dell'opposizione russa, il Wsj, citando "persone che hanno familiarità con la questione", ha riferito che diverse agenzie di intelligence statunitensi, tra cui la Cia, l'ufficio del Direttore dell'Intelligence Nazionale e l'unità di intelligence del Dipartimento di Stato, condividono la tesi secondo cui la tempistica della morte di Navalny non sia stata specificamente voluta da Putin.

Tuttavia il giornale sottolinea che analisti polacchi e alcune agenzie di intelligence europee rimangono scettici sul fatto che il presidente fosse estraneo alla vicenda, mentre gli alleati di Navalny continuano a insistere sul fatto che il Cremlino abbia orchestrato tutto. Leonid Volkov, l'ex braccio destro del dissidente, ha affermato che l'idea che Putin non sia stato informato e non abbia approvato l'uccisione di Navalny è "ridicola".

Cremlino: "Articolo non è di alta qualità"

L'articolo del Wsj "non è di alta qualità" e contiene "ragionamenti vuoti", ha commentato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, nel corso di un punto stampa. "Ho visto questo materiale, non direi che si tratta di materiale di alta qualità che merita una certa attenzione", ha affermato, secondo quanto riporta l'agenzia Tass.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza