cerca CERCA
Domenica 26 Maggio 2024
Aggiornato: 00:03
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Russia, parata 9 maggio ma solo a Mosca. Putin ci sarà

E salta la marcia del 'Reggimento immortale' guidata in questi anni da Putin

Afp
Afp
04 maggio 2023 | 12.14
LETTURA: 2 minuti

Confermata la parata della Giornata della vittoria per il 9 maggio ma solo a Mosca, dove comunque è stata cancellata la marcia del Reggimento immortale, la sfilata di cittadini russi con le fotografie dei parenti morti nella 'Grande guerra patriottica', una iniziativa nata dal basso nel 2011, dall'idea di tre giornalisti di Tomsk, di cui il Cremlino si è appropriato nel 2015, snaturandone il carattere non politico e spontaneo.

In questi anni, il presidente Vladimir Putin aveva guidato la marcia, che si svolgeva dopo la parata militare. La marcia del Reggimento era stata cancellata, già probabilmente per ragioni di sicurezza, il 18 aprile scorso, prima quindi dell'attacco al Cremlino della notte fra martedì e mercoledì.

La parata militare di Mosca si terrà in ogni caso senza alcuna modifica e vedrà dunque la partecipazione del presidente russo, ha annunciato il portavoce presidenziale Dmitry Peskov, smentendo così l'ipotesi di cambiamenti nel programma della manifestazione dopo l'attacco con droni di ieri al Cremlino.

"Si sta preparando una parata regolare ed è tutto quello che posso dire. Il presidente parlerà, come sempre", ha assicurato Peskov, aggiungendo che dopo il tentativo di attacco saranno prese ulteriori misure di sicurezza, anche durante la parata militare del 9 maggio. "Certo - ha detto - le misure di sicurezza saranno rafforzate nel corso dei preparativi per la parata del Giorno della Vittoria. La residenza presidenziale è sorvegliata".

In almeno 21 città del Paese, fra cui Kaluga, Ryazan, Oryol, Saratov, Lipetsk, Elets e Tyumen, sono state tuttavia cancellate le parate che commemorano la vittoria di Mosca sulla Germania nazista "per ragioni di sicurezza", come è stato in questo caso spiegato ufficialmente, ha scritto il sito di notizie indipendenti Verstka.

A Pskov e Velikiye Luki la decisione di cancellare le parate è stata presa nel quadro dei timori "per i partecipanti all'operazione militare speciale". Il governatore della regione di Pskov, Mikhail Vedernikov, ha spiegato che i reduci di guerra impegnati in un percorso di riabilitazione "percepiscono i fuochi di artificio in modo completamente diverso".

A Kursk, si è solo detto che la parata è stata cancellata "alla luce della situazione attuale". Gli eventi commemorativi sono stati cancellati anche a Bryansk, Krasnodar e Sochi, ma senza alcuna spiegazione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza