cerca CERCA
Sabato 24 Febbraio 2024
Aggiornato: 00:14
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, a Kiev solo una persona su tre ha acqua e riscaldamento

17 dicembre 2022 | 08.01
LETTURA: 4 minuti

La città colpita da una serie di bombardamenti russi. Cia: "Attacchi a infrastrutture proseguiranno"

(Afp)
(Afp)

I funzionari della capitale dell'Ucraina stanno lavorando per restituire l'elettricità alla maggior parte dei residenti dopo che la città è stata colpita da una serie di attacchi missilistici russi ieri. Lo riferisce su Telegram il sindaco Vitalii Klitschko, sottolineando che solo un terzo delle persone ha acqua e riscaldamento, e circa il 40% ha energia elettrica a causa delle reti elettriche danneggiate. "I servizi comunali stanno lavorando per restituire calore e acqua a tutti i residenti della capitale entro la mattina. Gli ingegneri energetici stanno cercando di stabilizzare il sistema di alimentazione", ha affermato il sindaco.

La metropolitana di Kiev ha ripreso a funzionare, ha riferito il servizio stampa della societa che la gestisce, precisando che "i treni attualmente circolano con l'intervallo del fine settimana di 10 minuti. Le stazioni della metropolitana funzionano anche come rifugi durante i raid aerei. Ieri a Kiev, a causa dell'impatto dei missili russi nei distretti di Desnyan, Dnipro e Holosiiv, il movimento dei treni della metropolitana è stato interrotto. L'amministrazione militare della città di Kiev ha riferito che 37 dei 40 razzi che sorvolavano la capitale sono stati abbattuti.

Secondo il direttore della Cia Bill Burns gli attacchi della Russia contro le infrastrutture dell'Ucraina continueranno, anche se l'agenzia prevede un "ritmo ridotto" di combattimenti durante l'inverno. Per ora, ha detto, la Cia non vede una via immediata ai negoziati per porre fine al conflitto: "Non crediamo che i russi al momento siano seri riguardo a un vero negoziato".

TROVATO CORPO DI BAMBINO DI 1 ANNO SOTTO MACERIE A KRYVYI RIH - I soccorritori hanno recuperato il corpo di un bambino di un anno e mezzo dalle macerie di un attacco russo su un edificio residenziale di tre piani, nella città ucraina centrale di Kryvyi Rih, nella regione di Dnipro. Lo ha reso noto il governatore della regione Valentyn Reznichenko. In totale, quattro persone sono state uccise nell'attacco di ieri mattina a Kryvyi Rih, ha detto Reznichenko. Altri 13 sono rimasti feriti, tra cui quattro bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni .

In totale sono 450 i bambini uccisi e almeno 863 quelli rimasti feriti dall'inizio della guerraaina. Lo ha riferito l'ufficio del procuratore generale, sottolineando che questi numeri non sono definitivi, poiché una verifica effettiva del numero è complicata nei luoghi di guerra. 3.126 istituzioni educative sono state danneggiate a causa dei bombardamenti da parte delle forze armate russe, 337 delle quali sono state completamente distrutte.

PUTIN VISITA LE TRUPPE CONGIUNTE - Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato lo staff congiunto dei settori militari coinvolti nell''operazione militare speciale' della Russia in Ucraina. Lo ha reso noto l'addetto stampa del Cremlino Dmitry Peskov. "Venerdì, il presidente Vladimir Putin ha visitato lo staff congiunto dei rami militari coinvolti nell'operazione militare speciale", ha affermato Peskov, aggiungendo che "il capo dello stato ha esaminato il lavoro del personale, è stato informato sui progressi dell'operazione militare speciale e ha tenuto incontri separati con i comandanti".

GB PREOCCUPATA PER VULNERABILITÀ CRIMEA - "Negli ultimi giorni, c'è stato un aumento di attacchi russi a lungo raggio contro le infrastrutture nazionali critiche dell'Ucraina, in gran parte per mezzo di missili da crociera lanciati dall'aria e dal mare, ma quasi certamente hanno incluso anche veicoli aerei senza equipaggio (UAV) forniti dall'Iran e lanciati dalla regione russa di Krasnodar". Lo scrive su Twitter l'intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano sulla guerra in Ucraina. "In precedenza - sottolinea il ministero della Difesa di Londra - gli UAV erano lanciati principalmente da località all'interno della Crimea occupata. Il cambio del sito di lancio è probabilmente dovuto alle preoccupazioni russe sulla vulnerabilità della Crimea ed è anche dovuto al fatto che il rifornimento delle armi in Russia arrivi ad Astrakhan".

OLTRE 97.690 MILITARI RUSSI UCCISI DA INIZIO GUERRA - La Russia ha perso nell’ultimo giorno 500 uomini, facendo salire a 97.690 le perdite fra le fila russe dal giorno dell’attacco di Mosca all’Ucraina, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, appena diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente. Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di circa 97.690 uomini, 2.985 carri armati, 5.958 mezzi corazzati, 1.947 sistemi d'artiglieria, 410 lanciarazzi multipli, 211 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 281 aerei, 264 elicotteri, 4.577 autoveicoli, 16 unità navali e 1.648 droni.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza