cerca CERCA
Venerdì 19 Aprile 2024
Aggiornato: 13:37
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, missili Russia su Kiev. Putin: "Risposta a terrorismo"

10 ottobre 2022 | 07.51
LETTURA: 8 minuti

Raid ed esplosioni in diverse città, il bilancio è di almeno 11 morti e 64 feriti. Zelensky: "Stanno cercando di distruggerci". Kiev: abbattuti 43 dei 84 missili lanciati da Russia

(Afp)
(Afp)

Ucraina sotto attacco da parte della Russia che questa mattina ha lanciato missili su diverse città. Raid ed esplosioni a Kiev, Zhytomyr, Khmelnytsky, Dnipro, Leopoli, Ternopil e Kharkiv. Il bilancio è di almeno 11 morti e 64 feriti riferiscono i servizi di emergenza ucraini. Il bilancio più grave a Kiev dove secondo le autorità cittadine nel quartiere di Shevchenkivskyi sono rimaste uccise 8 persone. L'allerta aerea a Kiev si è conclusa dopo quasi sei ore, ma le sirene stanno di nuovo suonando per un possibile attacco aereo.

PUTIN - Il presidente russo Vladimir Putin ha promesso una ''risposta dura'' agli attacchi contro la Russia. In un discorso trasmesso dalla televisione di Stato russa, Putin ha quindi 'giustificato' i raid condotti oggi contro diverse città dell'Ucraina, compresa la capitale Kiev, come una rappresaglia per quella che ha definito una ''azione terroristica'' contro il territorio russo, ovvero il ponte Kerch in Crimea. ''Se continueranno gli attacchi contro la Russia, la risposta sarà dura'', ha dichiarato Putin, affermando che ''le risposte saranno della stessa portata delle minacce alla Russia''. Quindi, ha aggiunto, ''in caso di ulteriori tentativi di compiere atti terroristici sul nostro territorio, la risposta della Russia sarà dura''.

Le forze armate russe hanno ''colpito tutti gli obiettivi'' che si erano prefissati oggi, ha reso noto il ministero della Difesa di Mosca citato dall'agenzia di stampa Interfax. ''La finalità dei raid in Ucraina è stata raggiunta'', riporta la Tass. La Russia, si legge sull'agenzia di stampa Ria Novosti, ha lanciato un attacco massiccio contro il sistema militare, energetico e delle comunicazioni dell'Ucraina.

MISSILI SU KIEV - Forti esplosioni si sono verificate questa mattina nella capitale ucraina. Alte colonne di fumo sono state viste nel centro della città. Tra gli obiettivi colpiti c'è anche un parco giochi per bambini. Inoltre "sono stati danneggiati l'edificio della Filarmonica e i musei Khanenko e Shevchenko" ha scritto su Telegram Oleksandr Tkachenko, ministro della Cultura e della politica dell'informazione dell'Ucraina.

La circolazione dei treni su tutte le linee della metropolitana di Kiev è stata sospesa. Allo stesso tempo, le stazioni della metropolitana della città sono state trasformate in rifugi a causa della possibilità di altri attacchi. Sono state ''colpite infrastrutture critiche'' negli attacchi russi su Kiev, ha denunciato il sindaco della capitale ucraina Vitali Klitschko su Telegram.

Un razzo lanciato dalle forze armate russe è caduto vicino al monumento dell'eroe nazionale della rivoluzione ucraina Hrushevsky nel centro di Kiev, ha scritto sul suo canale Telegram il consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Anton Gerashchenko, alto consigliere del ministro degli Interni.

L'attacco russo ha colpito anche il 'ponte Klitschko', un ponte pedonale nel centro della capitale ucraina, pensato per agevolare le passeggiate a piedi e in bici sulla riva destra del fiume Dnepr. Il sito della Bbc riporta le immagini del ponte subito prima dell'impatto e nel momento in cui è colpito da un missile.

Durante i bombardamenti russi contro la capitale ucraina è stato colpito anche l'ufficio visti del consolato tedesco. A riferirlo su Twitter, con tanto di immagini, è stato l'ex presidente della Boell-Stiftung a Kiev, Sergej Sumlenny. Un missile russo è inoltre caduto a 850 metri dalla sede dell'ambasciata rumena a Kiev. Lo ha denunciato il ministro degli Esteri di Bucarest, Bogdan Aurescu, che ha condannato "con forza i raid missilistici russi contro la capitale e altre città, in una palese violazione del diritto internazionale".

L'allerta aerea a Kiev si è conclusa dopo quasi sei ore. Lanciata alle 06.47 ora locale, è stata revocata alle 12.25, scrive il Guardian. Su Twitter il deputato ucraino Roman Hryshchuk afferma che è l'allerta più lunga a Kiev dall'invasione russa del 24 febbraio. Poi però le sirene hanno suonato di nuovo.

ALTRE CITTA' SOTTO ATTACCO - Non solo Kiev. Questa mattina esplosioni sono state registrate anche a Zhytomyr, Khmelnytsky, Dnipro, Leopoli e a Ternopil. Lo riporta il Kiev Independent citando le autorità locali che hanno lanciato avvertimenti tramite i social media e su Telegram. In particolare il sindaco di Leopoli, Andriy Sadovyi, ha scritto su Telegram che sono state udite esplosioni e ha avvertito i residenti di ripararsi nei rifugi. "Un'esplosione è stata registrata in un'importante infrastruttura a Leopoli. Sul posto sono al lavoro i tecnici. Le centrali termoelettriche cittadine hanno momentaneamente sospeso la produzione di energia" ha poi scritto il sindaco sulla sua pagina Facebook, aggiungendo che "un terzo dei semafori non funziona. Dopo che l'allarme sarà terminato, le autorità di regolamentazione lavoreranno negli incroci cittadini più importanti". Anche il capo dell'Amministrazione regionale militare Maksym Kozytskyi ha riferito di attacchi contro le infrastrutture energetiche nella regione di Leopoli. Problemi con la fornitura di elettricità dopo gli attacchi missilistici russi sono stati segnalati in diverse regioni, in particolare nelle regioni di Khmelnytskyi e Zhytomyr.

Anche Vitaliy Kim, governatore di Mykolaiv, ha scritto che la sua regione sta vivendo una seconda ondata di lanci di razzi. Il capo dell'amministrazione militare regionale di Dnipro, Valentyn Reznichenko, ha riferito di un attacco missilistico nella regione che avrebbe provocato vittime. "Ci sono morti e feriti - ha scritto su Telegram - Tutti i servizi stanno lavorando nei luoghi colpiti nel raid. Non lasciate i rifugi. La minaccia di altri attacchi missilistici rimane". Durante la notte, le truppe russe hanno colpito due distretti della regione di Dnipro - Nikopolsky e Kryvorizky - con razzi Uragan, Grad e artiglieria pesante. Le truppe russe hanno sparato razzi anche nei distretti di Synelnykivskyi e Pavlogradskyi intorno a mezzanotte, intercettati dalla contraerea ucraina.

"Le forze di occupazione russe stanno attaccando Kharkiv" ha scritto su Telegram il capo dell'Amministrazione regionale militare Oleg Sinegubov, aggiungendo che al momento "ci sono esplosioni in città. Fate attenzione e restate nei rifugi". Molti villaggi della regione, nel frattempo, stanno segnalando interruzioni nell'alimentazione elettrica.

Anche le autorità di Sumy, nel nord-est dell'Ucraina, affermano che ci sono interruzioni di corrente in tutta la regione a seguito degli attacchi missilistici russi. "Ci sono interruzioni di corrente in tutti i distretti della regione. In alcuni villaggi ci sono problemi con l'approvvigionamento idrico", ha affermato Dmytro Zhyvytskyi, capo dell'amministrazione militare di Sumy.

ZELENSKY: "STANNO CERCANDO DI DISTRUGGERCI" - ''Stanno cercando di distruggerci e spazzarci via dalla faccia della terra" ha dichiarato attraverso Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zekensky commentando l'ondata di attacchi russi sulle città ucraine, compresa la capitale Kiev che non veniva attaccata da mesi. Rivolgendosi alla Russia senza citarla, Zelensky ha affermato: ''Distruggi la nostra gente che dorme a casa a Zaporizhzhia. Uccidi le persone che vanno a lavorare a Dnipro e Kiev''.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel corso di un colloquio telefonico ha, poi, ringraziato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, "per la forte condanna del massiccio attacco missilistico russo contro l'Ucraina". Il leader ucraino, in un tweet, ha spiegato di aver informato "nel dettaglio" Guterres "sulla portata e sulle conseguenze di un altro crimine sanguinoso della Russia. Siamo d'accordo: il mondo deve reagire al più presto". Zelensky ha precisato che durante il colloquio si è parlato anche della situazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia e dell'accordo sul grano.

GUTERRES - I raid russi su Kiev e altre città ucraine, denuncia il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, "rappresentano un'altra inaccettabile escalation della guerra di cui, come sempre, i civili pagano il prezzo più alto". Si è detto, inoltre, "profondamente sconvolto" per gli attacchi missilistici.

MICHEL - "Gli orrendi attacchi della Russia contro Kiev e altre città in Ucraina mostrano la disperazione del Cremlino. Questi attacchi indiscriminati ai civili sono crimini di guerra" twitta il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, assicurando che la Ue è "impegnata a sostenere l'Ucraina e a ritenere responsabile il regime russo: ne parleremo con i partner del G7" alla riunione di domani in videoconferenza.

RIUNIONE URGENTE G7 - "Abbiamo concordato con il cancelliere tedesco Olaf Scholz una riunione urgente del G7" ha scritto Zelensky su Twitter. "Nel mio discorso parlerò degli attacchi terroristici russi - ha detto il presidente ucraino - Abbiamo anche discusso di accrescere la pressione sulla Federazione e gli aiuti per riparare le infrastrutture danneggiate". Si terranno domani alle 14 in collegamento video le consultazioni straordinarie urgenti dei capi di stato e di governo del Gruppo del G7 e il presidente ucraino. A renderlo noto è stato il portavoce del cancelliere Olaf Scholz, Steffen Hebestreit, esprimendo la condanna del governo tedesco - presidente di turno del G7 - "nei termini più forti possibili" dei pesanti attacchi missilistici russi.

KIEV: ABBATTUTI 43 DEGLI 84 MISSILI LANCIATI DA RUSSIA - Un totale di 84 missili cruise sono stati lanciati oggi dalla Russia nell'attacco alle città ucraine. Assieme a questi sono stati utilizzati un certo numero di droni. A riferirlo sono state le autorità di Kiev, precisando che "alle 14 la Federazione russa aveva fatto uso di 84 missili cruise e 24 Uav, tra cui 13 droni iraniani Shahid-136". "Dei proiettili usati 56 sono stati distrutti, 43 missili e 13 Uav".

Impianti infrastrutturali critici - in particolare nel settore delle forniture energetiche - sono stati colpiti in otto regioni e nella città di Kiev, dove sono scoppiati oltre 30 incendi, secondo dati del servizio di emergenza dello stato. In conseguenza dell'attacco terroristico, sono morte 11 persone e 64 sono rimaste ferite. Quattro regioni sono rimaste prive di forniture di energia elettrica: Lviv, Poltava, Sumy e Ternopil.

L'Ucraina accusa la Russia di aver usato nel suo raid di questa mattina droni iraniani lanciati non solo dalla Crimea ma anche dalla Bielorussia. "Il nemico ha usato droni iraniani, modello Shahed-136, lanciati dal territorio della Bielorussia e contemporaneamente dalla Crimea occupata", si legge in una nota dello Stato Maggiore ucraino pubblicata su Facebook, precisando che la difesa aerea ne ha distrutti nove.

NUOVO RAID SU ZAPORIZHZHIA - Un nuovo raid aereo ha colpito nella notte la città di Zaporizhzhia, nel sud-est dell'Ucraina, distruggendo un palazzo residenziale a più piani. A riferire dell'ultimo attacco russo contro la città è stato il governatore regionale Oleksandr Starukh, che sul suo account ufficiale di Telegram ha spiegato che l'attacco è avvenuto alle 3 di questa mattina. Il responsabile dell'amministrazione di Zaporizhzhia, Anatoly Kurtev, in un altro post su Telegram ha aggiunto che le forze russe "hanno colpito di nuovo le infrastrutture residenziali della città".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza